Home
Un aiuto per...
News
Dossier
Fede e cultura
Fede e morale
Sulle orme di..
Video
Archivio
Contatti
Links
  
    



Diario

di

Santa Faustina Kowalska
 

 

Santa Faustina Kowalska

Prima del pontificato di Giovanni Paolo II non era molto frequente trovare persone che conoscessero la straordinaria figura di questa suora polacca, nata nel 1905 e morta a Cracovia nel 1938 (a 33 anni, come Gesù), delle Suore della Beata Vergine Maria della Misericordia. Oggi è una delle sante sempre più conosciute e amate ed è giustamente definita “apostola della Divina Misericordia”.

Pur rimanendo nell’anonimato del suo convento (a Varsavia, Vilnius, Plock e soprattutto a Cracovia) - così che forse neppure il giovanissimo Karol Wojtyla, pur vivendo a Cracovia, la poteva conoscere - Gesù le apparve più volte e proprio attraverso di lei fece risuonare l’annuncio della Sua infinita misericordia, che voleva riversarsi sull’uomo contemporaneo, così tentato di abbandonarlo e così schiavo del peccato e pure di ideologie atee e materialiste (nazismo e comunismo) che nel XX secolo provocarono immani distruzioni e sofferenze e la morte di milioni di persone.

Questo messaggio “della divina misericordia”, secondo il volere stesso di Gesù, si è corredato di un’immagine di “Gesù misericordioso” (con i due raggi banco e rosso che scaturiscono dal suo costato) che ha raggiunto tutto il mondo, come pure la particolare preghiera detta “Coroncina della divina misericordia” (v. nel sito), da recitarsi specialmente alle 15 del venerdì (giorno ed ora della morte di Gesù) o per i morenti; così, sempre secondo il volere di Gesù, la domenica dopo Pasqua (detta “in Albis”) si chiama “Festa della Divina misericordia” (dal 2000, per volontà di Giovanni Paolo II).

Proprio la figura di San Giovanni Paolo II, il Papa polacco che aveva 18 anni quando morì Suor Faustina e che passava accanto al suo convento alla periferia meridionale di Cracovia quando faceva l’operaio alla Solvay, si intreccerà misteriosamente e indelebilmente con questa santa e con il messaggio che attraverso di lei Gesù ha voluto e vuole che risuoni nel mondo contemporaneo. Infatti fin dalla sua seconda enciclica (dedicata al Padre e significativamente intitolata Dives in misericordia) risuona con forza e non casualmente tale messaggio. A conclusione dei relativi processi, Giovanni Paolo II ha beatificato Suor Faustina Kowalska nel 1993 e l’ha canonizzata nel Giubileo del 2000. Nel 2002, nel suo ultimo viaggio in Polonia, ha consacrato il nuovo Santuario della Divina Misericordia, a Cracovia, proprio accanto al convento di Suor Faustina. Ma un ulteriore segno divino è dato dal fatto che Dio ha chiamato a Sé Giovanni Paolo II il 2.04.2005, proprio nella notte tra il sabato e la domenica dopo Pasqua, cioè già nella festa della Divina Misericordia (dopo che al suo capezzale era appena stata celebrata la S. Messa di questa festa)! Quest’anno Papa Giovanni Paolo II verrà canonizzato proprio nella Festa della divina Misericordia (27.04.2014)!

A Roma, Santa Faustina e l’immagine di “Gesù misericordioso” sono particolarmente venerate nella Chiesa di S. Spirito in Sassia, in Borgo S. Spirito, proprio nelle vicinanze di S. Pietro.

Per questo, il Diario di Suor Faustina è un testo di meditazione assai importante ed efficace per il nostro cammino spirituale.



 

Lo proponiamo a puntate (in 7 parti). Pubblichiamo qui la terza parte

 


Terza parte

_________________________________

La Quaresima (1935)


Quando m’immergo nella Passione del Signore, spesso durante l’adorazione vedo Gesù sotto questo aspetto: dopo la flagellazione i carnefici presero il Signore e Gli tolsero la veste, che si era già attaccata alle Piaghe. Mentre gliela toglievano le Sue Piaghe si riaprirono. Poi buttarono addosso al Signore un mantello rosso, sporco e stracciato, sulle Piaghe aperte. Quel mantello arrivava alle ginocchia solo in alcuni punti. Poi ordinarono al Signore di sedersi su un pezzo di trave, mentre veniva intrecciata una corona di spine, con la quale cinsero la sacra Testa. Gli venne messa una canna in mano e ridevano di Lui, facendoGli inchini come ad un re. Gli sputavano in faccia ed altri prendevano la canna e Gliela battevano in Testa ed altri ancora Gli procuravano dolore dandoGli pugni, altri Gli coprivano il Volto e lo schiaffeggiavano. Gesù sopportò in silenzio. Chi può comprenderlo? Chi può comprendere il Suo dolore? Gesù aveva gli occhi rivolti a terra. Sentivo quello che avveniva allora nel Cuore dolcissimo di Gesù. Ogni anima rifletta su quello che ha sofferto Gesù in quei momenti. Facevano a gara per schernire il Signore. Riflettei per conoscere da che cosa potesse derivare tanta malignità nell’uomo. E purtroppo questa deriva dal peccato. Si erano incontrati l’Amore ed il peccato. Quando andai alla santa Messa in un certo tempio assieme ad una consorella, sentii la grandezza e la Maestà di Dio; sentii che quel tempio era imbevuto di Dio. La Sua Maestà mi investì completamente e, sebbene mi spaventasse, mi riempì di serenità e di gioia. Conobbi che nulla può opporsi alla Sua Volontà. Oh, se tutte le anime sapessero Chi abita nelle nostre chiese, non ci sarebbero tanti oltraggi e tante mancanze di rispetto in quei luoghi santi. O Amore eterno ed inesplicabile, Ti chiedo una grazia: rischiara il mio intelletto con la luce dall’alto, fammi conoscere e valutare tutte le cose secondo il loro valore. Quando vengo a conoscere la verità, ho nell’anima la gioia più grande.

21.03.1935
Spesso durante la santa Messa vedo il Signore nell’anima; sento la sua presenza, che mi trapassa da parte a parte. Avverto il Suo sguardo divino. Parlo molto con Lui senza pronunciare una parola. Conosco quello che desidera il Suo Cuore divino e faccio sempre quello che Egli preferisce. Amo alla follia e sento di essere amata da Dio. In quei momenti quando m’incontro con Dio nel profondo del mio intimo, mi sento così felice che non riesco ad esprimerlo. Sono brevi momenti, poiché più a lungo l’anima non lo sopporterebbe; dovrebbe avvenire la separazione del corpo. Benché questi momenti siano molto brevi, tuttavia la loro potenza che si comunica all’anima, rimane molto a lungo. Senza il minimo sforzo entro in un raccoglimento profondo che, una volta che mi ha investito, non diminuisce, sebbene io parli con la gente, né m’impedisce di adempire i miei doveri. Sento la Sua presenza senza alcuno sforzo dell’anima. Sento che sono unita a Dio così strettamente, come è unita una goccia d’acqua ad un oceano immenso. Questo giovedì ho provato questa grazia verso la fine delle preghiere ed è durata eccezionalmente a lungo, cioè tutto il tempo della santa Messa; pensavo di morire dalla gioia! In quei momenti conosco meglio Dio ed i Suoi attributi e conosco meglio anche me stessa e la mia miseria e stupisco che Iddio si abbassi tanto, fino ad una misera anima come la mia. Dopo la santa Messa mi sentivo completamente immersa in Dio ed avevo presente ogni Suo sguardo che giungeva fino al profondo del mio cuore. Verso mezzogiorno entrai un momento in cappella e la potenza della grazia colpì di nuovo il mio cuore. Mentre me ne Stavo assorta, satana prese un vaso di fiori e io scagliò rabbiosamente a terra con tutte le forze. Notai tutto il suo accanimento e la sua invidia. Nella cappella non c’era nessuno, quindi mi alzai da dove stavo pregando e raccolsi i pezzi del vaso rotto e trapiantai il fiore e volevo rimetterlo a posto alla svelta, prima che entrasse qualcuno in cappella. Ma non ci riuscii, dato che entrarono subito la Madre Superiora, la suora sacrestana ed alcune altre suore. La Madre Superiora si meravigliò che avessi spostato qualche cosa sul piccolo altare e fatto cadere il vaso. La suora sacrestana mostrò il suo malcontento ed io m’impegnai a non dare spiegazioni e a non giustificarmi. Verso sera però mi sentii molto affaticata e non potei fare l’Ora santa e chiesi il permesso alla Madre Superiora di andare a riposarmi prima del solito. Appena mi misi a letto, mi addormentai subito, ma verso le undici satana diede uno scossone al mio letto. Mi svegliai immediatamente e cominciai tranquillamente a pregare il mio Angelo Custode. All’improvviso vidi le anime che stanno espiando in purgatorio. Il loro aspetto era come un’ombra e fra loro vidi molti demoni. Uno cercò di infastidirmi, gettandosi sul mio letto e sui miei piedi sotto forma di gatto ed era molto pesante, direi alcuni pud. Continuai per tutto il tempo a recitare il rosario. Sul fare del mattino quelle figure se ne andarono e potei prendere sonno. La mattina, quando arrivai in cappella, sentii nell’anima questa voce: «Sei unita a Me e non aver paura di nulla. Ma sappi questo, figlia Mia, che satana ti odia. Benché odi ogni anima, egli arde di un odio particolare contro di te, perché hai sottratto molte anime al suo dominio».

18.04.1935 (Giovedì Santo)

La mattina ho udito queste parole: «Da oggi al rito della risurrezione non sentirai la Mia presenza, ma la tua anima sarà colma di una grande nostalgia» ed immediatamente una grande nostalgia inondò la mia anima. Sentii il distacco dall’amato Gesù e quando si avvicinò il momento di fare la santa Comunione, vidi nel calice in ogni Ostia il Volto sofferente di Gesù. Da quel momento provai nel mio cuore una nostalgia ancora maggiore. Il Venerdì Santo, alle tre del pomeriggio, quando entrai in cappella, udii queste parole: «Desidero che quell’immagine venga pubblicamente venerata», e subito vidi Gesù che agonizzava sulla croce fra atroci tormenti e dal Cuore di Gesù uscirono gli stessi due raggi che ci sono in quell’immagine. Sabato. Durante i vespri vidi Gesù splendente come il sole, con una veste bianca, e mi disse: «Gioisca il tuo cuore», ed una gioia grande m’inondò e mi trapassò da una parte all’altra la presenza di Dio, che è un tesoro inenarrabile per l’anima. Quando quell’immagine venne esposta, vidi il vivo movimento della mano di Gesù, che tracciò un gran segno di croce. La sera dello stesso giorno, mentre stavo mettendomi a letto, vidi che quell’immagine stava passando sopra una città e quella città era coperta di reti e trappole. Gesù passando tagliò tutte le reti ed in ultimo fece un gran segno di croce e scomparve. E mi vidi circondata da una moltitudine di figure maligne che avvampavano di un grande odio contro di me. Dalle loro bocche uscirono minacce d’ogni genere, ma nessuna mi toccò. Dopo un momento, quella apparizione scomparve, ma mi ci volle parecchio tempo per addormentarmi.

26.04.1935

Venerdì, quando sono andata ad Ostra Brama, nel corso delle solennità durante le quali venne esposta quell’immagine, sono stata presente alla predica tenuta dal mio confessore. Quella predica trattava della Misericordia di Dio. Era la prima di quelle richieste dal Signore Gesù da tanto tempo. Quando cominciò a parlare della grande Misericordia del Signore, l’immagine prese un aspetto vivo ed i raggi penetrarono nei cuori della gente riunita, però non in egual misura; alcuni ricevettero di più, altri meno. Vedendo la grazia di Dio, la mia anima fu inondata da una grande gioia. Improvvisamente udii queste parole: «Tu sei testimone della Mia Misericordia. Starai per i secoli davanti al Mio trono come viva testimone della Mia Misericordia». Finita la predica, non attesi la fine della funzione, perché avevo fretta di tornare a casa. Fatti pochi passi, mi venne sbarrata la strada da una moltitudine di spiriti del male, che mi minacciarono terribili tormenti, mentre si udivano queste voci: «Ci ha portato via tutto quello per cui avevamo lavorato per tanti anni». Quando domandai loro: «Da dove venite in tale moltitudine?», quelle figure maligne mi risposero: «Dai cuori degli uomini. Non ci torturare!». Vedendo allora l’odio tremendo che avevano contro di me, chiesi aiuto all’Angelo Custode ed in un attimo comparve la figura luminosa e raggiante dell’Angelo Custode, che mi disse: «Non temere, sposa del mio Signore; questi spiriti non ti faranno nulla di male senza il Suo permesso». Quegli spiriti maligni scomparvero immediatamente ed il fedele Angelo Custode mi accompagnò in modo visibile fin dentro casa. Il suo sguardo era modesto e sereno e dalla fronte gli usciva un raggio di fuoco. O Gesù, desidererei faticare, stancarmi fino alla spossatezza e soffrire per tutta la vita per quest’unico momento, in cui ho visto la Tua gloria, o Signore, ed i benefici che ne ricavano le anime

28.04.1935 (Domenica in Albis)

Domenica in Albis, cioè festa della Misericordia del Signore, chiusura del Giubileo della Redenzione. Quando andammo a quella solenne funzione, il cuore mi batteva dalla gioia, poiché quelle due solennità erano unite strettamente fra di loro. Pregai Iddio perché concedesse Misericordia alle anime dei peccatori. Quando la funzione stava per finire ed il sacerdote prese il Santissimo Sacramento per impartire la benedizione, tutto a un tratto vidi il Signore Gesù con lo stesso aspetto che ha nell’immagine. Il Signore diede la benedizione ed i raggi si diffusero su tutto il mondo. All’improvviso vidi un bagliore inaccessibile, a forma di un’abitazione di cristallo intessuta con onde di luce, impenetrabile a qualunque creatura e spirito. Per accedere a quel bagliore c’erano tre porte e in quel momento entrò Gesù, con lo stesso aspetto che ha nell’immagine, in quel bagliore, attraverso la seconda porta, fino all’interno dell’unità. Questa è l’unità trina, che è l’incomprensibile infinito. Inaspettatamente udii una voce: «Questa festa è uscita dalle viscere della Mia Misericordia ed è confermata nell’abisso delle Mie grazie. Ogni anima che crede ed ha fiducia nella Mia Misericordia, la otterrà». Mi rallegrai immensamente per la bontà e la grandezza del mio Dio.

29.04.1935
La vigilia dell’esposizione dell’immagine andai con la nostra Madre Superiora dal nostro confessore. Quando la conversazione cadde nell’argomento dell’immagine, il confessore chiese che una suora aiutasse ad intrecciare ghirlande. La Madre Superiora rispose che avrebbe dato una mano Suor Faustina. La cosa mi rallegrò enormemente. Quando tornammo a casa, m’interessai subito di procurare fronde verdi e con l’aiuto di un’educanda trasportammo il verde; ci fu d’aiuto anche una persona che sta presso la chiesa. Alle sette di sera era già tutto pronto, l’immagine era già stata appesa. Alcune signore però notarono che m’aggiravo in quei paraggi, dove certamente sono stata più d’impaccio che d’aiuto, perciò il giorno dopo chiesero alle suore che cosa fosse quella bella immagine e che significato avesse. «Loro suore lo sapranno di sicuro, dato che ieri c’era una suora ad adornarla». Le suore rimasero molto stupite, perché non ne sapevano niente. Ognuna di loro voleva vederla e sospettarono subito di me. Dissero: « Di sicuro suor Faustina è ben informata di tutto ». Quando cominciarono ad interrogarmi, non risposi, poiché non potevo dire la verità. Il mio silenzio fu motivo di maggior curiosità da parte loro. Raddoppiai la vigilanza su me stessa, per non mentire né dire la verità, poiché non ne avevo l’autorizzazione. Cominciarono allora a mostrarmi il loro malcontento ed a dirmi apertamente: «Come è possibile che gente estranea sia informata di ciò, e noi non ne sappiamo niente?». Cominciarono a circolare valutazioni di vario genere sul mio conto. Soffrii molto per tre giorni, ma una forza misteriosa penetrò nella mia anima. Gioisco di poter soffrire per il Signore e per le anime, che hanno ottenuto la Sua Misericordia in questi giorni. Vedendo il gran numero di anime che in questi giorni hanno ottenuto la Misericordia di Dio, considero proprio nulla le fatiche e le sofferenze, anche le più grandi ed anche se dovessero durare fino alla fine del mondo, poiché esse hanno un termine, mentre le anime che con questa festività si sono convertite sono state salvate da tormenti che durano in eterno. Ho provato una grande gioia nel vedere altri, che tornavano alla sorgente della felicità, in seno alla Divina Misericordia. Vedendo la dedizione e le fatiche del reverendo dr. Sopocko per questa causa, ammiravo la sua pazienza ed umiltà. Tutto questo è costato molto, non solo in sacrifici e dispiaceri di vario genere, ma anche molto denaro; ed a tutto ha provveduto il reverendo dr. Sopocko. Vedo che la Divina Provvidenza lo aveva preparato a compiere quest’opera della Misericordia, ancora prima che io pregassi Dio per questo. Oh, come sono misteriose le Tue vie, Dio, e felici le anime che seguono la voce della Tua grazia! Per tutto, anima mia, magnifica il Signore ed esalta la Sua Misericordia, poiché la Sua bontà non ha fine. Tutto passerà, ma la Sua Misericordia è senza limiti e senza termine. Sebbene la malvagità arrivi a colmare la sua misura, la Misericordia è senza misura. O mio Dio anche nei castighi coi quali colpisci la terra, vedo l’abisso della Tua Misericordia, poiché castigandoci in questa terra, ci liberi dal castigo eterno. Rallegratevi, creature tutte, poiché siete più vicine a Dio nella Sua infinita Misericordia, di quanto lo sia un lattante al cuore della madre. O Dio, Tu sei la pietà stessa per i più grandi peccatori sinceramente pentiti! Più grande è il peccatore, maggiore è il diritto che ha alla Misericordia divina.

In un momento del 12.05.1935

La sera, appena mi misi a letto mi addormentai, ma se mi addormentai alla svelta, ancor più alla svelta venni svegliata. Venne da me un bambino e mi svegliò. Questo bambino poteva avere circa un anno e mi stupì perché parlava benissimo, mentre i bambini di quell’età non parlano affatto, Oppure parlano in modo poco comprensibile. Era indicibilmente bello; somigliava al Bambino Gesù, e mi disse queste parole: «Guarda il cielo». E quando guardai il cielo, vidi le stelle splendenti e la luna. Allora il bambino mi chiese: «Vedi la luna e le stelle?». Risposi che le vedevo ed egli ribatté: «Quelle stelle sono le anime dei cristiani fedeli e la luna sono le anime degli appartenenti ad ordini religiosi. Vedi che grande differenza di luce c’è fra la luna e le stelle; così in cielo c’è una grande differenza fra l’anima di un religioso e quella di un cristiano fedele». E mi disse ancora che: «La vera grandezza sta nell’amare Dio e nell’umiltà». Inaspettatamente vidi una certa anima, che stava per separarsi dal corpo fra tremendi supplizi. O Gesù, dovendo scrivere questo, tremo tutta, avendo visto le atrocità che hanno testimoniato contro di lui... Ho visto come uscivano da una specie di voragine fangosa anime di bambini piccoli e più grandicelli, di circa nove anni. Queste anime erano ripugnanti e orribili, simili ai mostri più spaventosi, a cadaveri in decomposizione. Ma quei cadaveri erano vivi e testimoniavano ad alta voce contro quell’anima che stava agonizzando. E l’anima, che ho visto mentre stava in agonia, era un’anima che dal mondo aveva ricevuto tanti onori e tanti applausi, la conclusione dei quali è il vuoto ed il peccato. In ultimo uscì una donna, che in una specie di grembiule portava lacrime ed essa testimoniò molto contro di lui. Oh! ora tremenda, in cui bisognerà vedere tutte le proprie azioni nella loro completa nudità e miseria. Nessuna di esse andrà perduta; ci seguiranno fedelmente al giudizio di Dio. Non ho parole né termini di paragone per esprimere cose così terribili e, sebbene mi sembri che quell’anima non sia dannata, tuttavia le sue pene non si differenziano in nulla dalle pene dell’inferno. L’unica differenza è che un giorno finiranno. Un momento dopo vidi di nuovo lo stesso bambino che mi aveva svegliato, ed era di una bellezza stupenda e mi ripeté le stesse parole: «La vera grandezza di un’anima sta nell’amare Dio e nell’umiltà». Domandai a quel bambino: « Tu come lo sai questo, che la vera grandezza di un’anima sta nell’amare Dio e nell’umiltà? Queste cose possono saperle soltanto i teologi, mentre tu non hai studiato nemmeno il catechismo, e come puoi saperle? ». Ma egli mi rispose: «Le so, e so tutto», ed all’istante scomparve. Io però non mi addormentai affatto; la mia mente era stanca per quello su cui avevo cominciato a riflettere e per quello che avevo visto. O anime umane, come riconoscete tardi la verità! O abisso della Misericordia di Dio, riversati al più presto sul mondo intero, secondo quello che Tu Stesso hai detto!

In un certo momento (maggio 1935)

Quando mi resi conto dei grandi disegni di Dio a mio riguardo, mi spaventai per la loro grandiosità e mi sentii totalmente inidonea ad eseguirli, tanto che cominciai ad evitare i colloqui interiori con Lui e quel tempo li sostituii con la preghiera orale. Lo feci per umiltà, ma in breve mi accorsi che non era vera umiltà, ma una grande tentazione di satana. Una volta che, invece della preghiera interiore, avevo cominciato a leggere un libro spirituale, udii nell’intimo queste parole in modo chiaro e forte: «Preparerai il mondo alla Mia ultima venuta». Queste parole mi colpirono profondamente e benché facessi finta di non averle udite, le avevo capite bene e non avevo alcun dubbio in merito. Una volta che, stanca per questa lotta d’amore con Dio e del continuo rifiutarmi col dire che non ero adatta a compiere quell’opera, volevo uscire dalla cappella, una forza misteriosa mi trattenne; mi sentii come paralizzata ed all’improvviso udii queste parole: «Hai intenzione di uscire dalla cappella, ma non uscirai da Me, poiché sono ovunque. Tu da sola con le tue forze non riesci a far nulla, ma con Me puoi tutto». Durante la settimana, quando sono andata dal mio confessore e gli ho svelato lo stato della mia anima e specialmente che evito il colloquio interiore con Dio, mi è stato risposto che non devo evitare il colloquio interiore con Dio, ma devo ascoltare attentamente le parole che mi dice. Mi sono regolata secondo le indicazioni del confessore ed al primo incontro col Signore, mi sono gettata ai piedi di Gesù e col cuore straziato Gli ho chiesto perdono di tutto. Allora Gesù mi ha sollevato da terra e mi ha fatto sedere accanto a Sé e mi ha permesso di appoggiare il capo sul Suo petto, in modo che potessi comprendere e percepire meglio i desideri del Suo dolcissimo Cuore. Ed all’improvviso Gesù mi ha detto queste parole: «Figlia Mia, non aver paura di nulla. Io sono sempre con te. Qualunque avversario ti potrà nuocere soltanto per quello che Io gli permetterò. Tu sei la Mia dimora ed il Mio stabile riposo. Per te trattengo la mano punitrice; per te benedico la terra». In quello stesso momento avvertii uno strano fuoco nel mio cuore; sento che vengono a cessare i miei sensi; non capisco quello che avviene attorno a me. Sento che lo sguardo del Signore penetra in me; conosco bene la Sua grandezza e la mia miseria. Una sofferenza misteriosa penetra nella mia anima ed una tale gioia, che non riesco a paragonarla a nulla. Mi sento inerte fra le braccia di Dio; sento che sono in Lui e mi sciolgo come una goccia d’acqua in un oceano. Non riesco ad esprimere quello che provo. Dopo una tale preghiera interiore sento una forza ed un impulso a compiere i più difficili atti di virtù; sento avversione verso tutte le cose che il mondo apprezza; desidero con tutta l’anima la solitudine e la quiete.


maggio 1935

Durante la funzione dei quaranta giorni, ho visto il Volto di Gesù nell’Ostia santa, che era esposta nell’ostensorio; Gesù guardava amabilmente a tutti. Vedo spesso il Bambino Gesù durante la santa Messa. E straordinariamente bello e in quanto all’età mostra circa un anno. Una volta che nella nostra cappella vidi lo stesso Bambino durante la santa Messa, fui assalita da un desiderio fortissimo e da una smania irresistibile di avvicinarmi all’altare e di prendere il Bambino Gesù. In quello stesso istante il Bambino Gesù fu accanto a me in fondo all’inginocchiatoio e si aggrappò al mio braccio con entrambe le manine, incantevole e gioioso, con lo sguardo profondo e penetrante. Però quando il sacerdote spezzò l’Ostia, Gesù era sull’altare e venne spezzato e consumato dal sacerdote. Dopo la santa Comunione vidi Gesù tale e quale nel mio cuore e Lo sentii per tutto il giorno fisicamente, realmente nel mio cuore. Un raccoglimento più profondo s’impadronì di me inavvertitamente e non dissi una parola con nessuno. Evitai per quanto mi fu possibile la presenza della gente. Risposi sempre alle richieste che si riferivano ai miei impegni; al di fuori di ciò nemmeno una parola.


9.06.1935. La discesa dello Spirito Santo

Verso sera, mentre passavo per l’orto, udii queste parole: «Unitamente alle tue compagne, dovrai impetrare la Misericordia per voi stesse e per il mondo». Compresi che non sarò nella Congregazione nella quale sono attualmente. Vedo chiaramente che nei miei riguardi la volontà di Dio è un’altra. Tuttavia mi rifiuto continuamente davanti a Dio, dicendo che non sono idonea a compiere quest’opera. «Gesù, Tu naturalmente sai molto bene chi sono » e cominciai ad elencare davanti al Signore le mie manchevolezze e mi trincerai dietro a quelle, affinché riconoscesse il mio rifiuto, poiché non sono idonea a compiere i Suoi progetti. Ad un tratto, udii queste parole: «Non temere; lo stesso provvederò a tutto quello che ti manca». Queste parole mi penetrarono nel profondo e conobbi ancora di più la mia miseria; conobbi che la parola del Signore è viva e penetra in profondità. Compresi che Iddio esigeva da me un sistema di vita più perfetto; tuttavia mi rifiutavo continuamente per la mia inidoneità.


29.06.1935
Quando parlai col mio direttore spirituale delle varie cose che il Signore esigeva da me, pensavo che m’avrebbe risposto che non sono adatta a compiere simili cose e che Gesù non si serve di anime misere come sono io, per qualunque opera voglia compiere. Invece mi sentii dire che il più delle volte Dio sceglie proprio tali anime per realizzare i suoi disegni. Quel sacerdote però è guidato dallo Spirito di Dio; egli riuscì a scrutare nell’intimo della mia anima i più nascosti segreti che c’erano fra me e Dio, e di cui non gli avevo ancora mai parlato, e non gliene avevo parlato poiché io stessa non li avevo compresi bene ed il Signore non mi aveva detto chiaramente che gliene parlassi. Il segreto è questo, che Iddio esige che ci sia una congregazione che annunci la Misericordia di Dio al mondo e la impetri per il mondo. Quando quel sacerdote mi chiese se avessi avuto tali ispirazioni, risposi che ordini precisi non ne avevo avuti. Ma in quello stesso momento era penetrata una strana luce nella mia anima ed avevo capito che il Signore mi parlava per mezzo di lui. Mi ero difesa inutilmente dicendo che non avevo un ordine preciso, poiché verso la fine del colloquio vidi Gesù sulla soglia, nello stesso aspetto come è dipinto nell’immagine, che mi disse: «Desidero che ci sia una tale Congregazione». La cosa durò un momento. Di questo però non parlai subito; anzi, avevo fretta di tornare a casa e ripetevo continuamente al Signore: «Io non sono idonea a realizzare i Tuoi piani, o Dio». Ma, e questa è la cosa curiosa, Gesù non badò a questa mia invocazione, bensì mi illuminò e mi fece conoscere quanto Gli fosse gradita quell’opera; non prese in considerazione la mia debolezza, ma mi fece conoscere quante difficoltà dovevo superare. Ed io, Sua povera creatura, non seppi rispondere nient’altro che questo: «Non sono idonea, o Dio».

30.06.1935
Il giorno dopo durante la S. Messa, subito all’inizio, vidi Gesù che era di una bellezza indescrivibile. Mi disse che esige che tale congregazione venga fondata al più presto e «Tu vivrai in essa con le tue compagne. Il Mio spirito sarà la regola della vostra vita. La vostra vita deve essere modellata su di Me, dalla mangiatoia alla morte in croce. Penetra nei Miei segreti e conoscerai l’abisso della Mia Misericordia verso le creature e la Mia bontà insondabile e questa farai conoscere al mondo. Per mezzo della preghiera farai da intermediaria fra la terra e il cielo». Era il momento di accostarsi alla S. Comunione. Gesù scomparve e vidi un grande bagliore. All’improvviso udii queste parole: «Ti impartiamo la Nostra benedizione » e in quell’attimo da quel bagliore usci un raggio chiaro, che mi trapassò il cuore ed un fuoco misterioso si accese nella mia anima. Pensavo di morire per la gioia e la felicità; sentivo il distacco dello spirito dal corpo; sentivo la totale immersione in Dio; sentivo che venivo rapita dall’Onnipotente, come un granellino di polvere verso spazi immensi e sconosciuti. Tremando di felicità nelle braccia del Creatore, sentivo che era Lui stesso che mi sosteneva, perché potessi sopportare quella grande felicità e guardare alla Sua Maestà. Ora so che, se prima non mi avesse fortificato Egli stesso con la grazia, la mia anima non avrebbe potuto sopportare quella felicità e in un attimo sarebbe sopraggiunta la morte. La santa Messa era finita non so quando, poiché non ero in condizioni di poter notare ciò che avveniva nella cappella. Però quando rientrai in me, sentii la forza ed il coraggio di compiere la volontà di Dio. Nulla mi sembrava difficile e, come prima mi rifiutavo davanti al Signore, così ora sento il coraggio e la forza del Signore che è in me e dissi al Signore: « Sono pronta ad ogni cenno della Tua volontà ». Sperimentai interiormente tutto ciò che dovrò passare in futuro. O mio Creatore e Signore, ecco hai tutto il mio essere. Disponi di me secondo il Tuo divino beneplacito, secondo i Tuoi disegni eterni e la Tua infinita Misericordia. Ogni anima riconosca quanto è buono il Signore; nessun’anima abbia timore di trattare familiarmente col Signore e non si sottragga per la Sua indegnità e non rinvii mai a dopo gli inviti di Dio, poiché questo al Signore non piace. Non c’è un’anima più misera di me, come veramente mi riconosco e sono stupita che la Maestà Divina si abbassi tanto. O Eternità, a mio parete sei troppo cotta per lodare a sufficienza l’infinita Misericordia del Signore. Una volta che l’immagine era stata esposta su un altare, in occasione della processione del Corpus Domini, quando il sacerdote posò il Santissimo Sacramento ed il coro cominciò a cantare, ad un tratto i raggi dall’immagine passarono attraverso l’Ostia Santa e si diffusero su tutto il mondo. Allora udii queste parole: «Attraverso te, come attraverso questa Ostia, passeranno i raggi della Misericordia sul mondo». Dopo queste parole una grande gioia penetrò nella mia anima. Una volta che il mio confessore celebrava la S. Messa, come al solito vidi il Bambino Gesù sull’altare dal momento dell’offertorio. Ma un momento prima dell’elevazione il sacerdote scomparve alla mia vista e rimase Gesù e, quando fu il momento dell’elevazione, Gesù prese nelle Sue manine l’Ostia ed il calice e li alzò assieme e guardò verso il cielo e dopo un momento vidi di nuovo il mio confessore e domandai al Bambino Gesù dov’era stato il sacerdote durante il tempo che non l’avevo visto. E Gesù mi rispose: «Nel Mio Cuore». E non riuscii a capire altro di quelle parole di Gesù. Una volta sentii queste parole: «Desidero che tu viva secondo la Mia volontà fin nei più segreti recessi della tua anima». Cominciai a riflettere su quelle parole che mi avevano colpito fino al profondo del cuore. Quel giorno c’era la confessione della comunità. Quando andai a confessarmi, dopo che mi ero accusata dei peccati, quel sacerdote mi ripeté le stesse parole che poco prima mi aveva detto il Signore. Quel sacerdote mi disse queste parole profonde, che ci sono tre gradi nell’adempimento della volontà di Dio: il primo si ha quando l’anima fa tutto ciò che è notoriamente compreso nei comandamenti e nei precetti; il secondo si ha quando l’anima ascolta le ispirazioni interiori e le mette in pratica; il terzo grado è quello in cui l’anima, abbandonatasi alla volontà di Dio, lascia a Dio la libertà di disporre di lei e Dio fa con lei quello che Gli piace; in breve è uno strumento docile nelle mani di Lui. E quel sacerdote mi disse che io ero al secondo grado nell’adempimento della volontà di Dio e che non avevo ancora il terzo grado, però avrei dovuto impegnarmi per raggiungere il terzo grado della divina volontà. Queste parole mi attraversarono l’anima da parte a parte. Vedo chiaramente che il Signore spesso fa conoscere al sacerdote quello che avviene nel profondo della mia anima. La cosa non mi stupisce affatto, anzi ringrazio il Signore che ha tali eletti. Giovedì. Adorazione notturna. Quando andai all’adorazione, fui subito investita dal bisogno di raccoglimento interiore e vidi Gesù legato alla colonna, spogliato delle Sue vesti e sottoposto subito alla flagellazione. Vidi quattro uomini che a turno sferzavano coi flagelli il Signore. Il cuore mi si fermava alla vista di quello strazio. Ad un tratto il Signore mi disse queste parole: «Ho una sofferenza ancora maggiore di quella che vedi». E Gesù mi fece conoscere per quali peccati si sottopose alla flagellazione: sono i peccati impuri. Oh, che tremende sofferenze morali patì Gesù, quando si sottomise alla flagellazione! Improvvisamente Gesù mi disse: «Guarda e osserva il genere umano nella situazione attuale». E in un attimo vidi cose tremende: i carnefici si allontanarono da Gesù, e si avvicinarono per flagellarLo altri uomini, che presero la sferza e sferzarono il Signore senza misericordia. Erano sacerdoti, religiosi e religiose ed i massimi dignitari della Chiesa, cosa che mi stupì molto; laici di diversa età e condizione; tutti scaricarono il loro veleno sull’innocente Gesù. Vedendo ciò il mio cuore precipitò in una specie di agonia. Quando Lo flagellarono i carnefici, Gesù taceva e guardava lontano; ma quando lo flagellarono le anime che ho menzionato sopra, Gesù chiuse gli occhi e dal Suo Cuore uscì un gemito represso, ma tremendamente doloroso. Ed il Signore mi fece conoscere nei particolari l’enorme malvagità di quelle anime ingrate: «Vedi, questo è un supplizio peggiore della Mia morte». Tacquero allora le mie labbra e cominciai a provare su di me l’agonia e capivo che nessuno poteva consolarmi, né togliermi da quello stato, se non Colui che ad esso m’aveva condotto. Ed allora il Signore mi disse: «Vedo il dolore sincero del tuo cuore che ha procurato un immenso sollievo al Mio Cuore. Guarda ora e consolati». E vidi Gesù inchiodato sulla croce. Dopo che Gesù era rimasto appeso per un momento, vidi tutta una schiera di anime crocifisse come Gesù. E vidi una terza schiera di anime ed una seconda schiera di anime. La seconda schiera non era inchiodata sulla croce, ma quelle anime tenevano saldamente la croce in mano. La terza schiera di anime invece non era né crocifissa né teneva la croce in mano, ma quelle anime trascinavano la croce dietro di sé ed erano insoddisfatte. Allora Gesù mi disse: «Vedi quelle anime, che sono simili a Me nella sofferenza e nel disprezzo: le stesse saranno simili a Me anche nella gloria. E quelle che assomigliano meno a Me nella sofferenza e nel disprezzo: le stesse assomiglieranno meno a Me anche nella gloria». La maggior parte delle anime crocifisse appartenevano allo stato religioso; fra le anime crocifisse ho visto anche delle anime che conosco, la qual cosa mi ha fatto molto piacere. Ad un tratto Gesù mi disse: «Nella meditazione di domani riflettersi su quello che hai visto oggi». E Gesù scomparve immediatamente. Venerdì. Sono stata malata e non ho potuto andare alla S. Messa. Alle sette di mattina ho visto il mio confessore, che celebrava la S. Messa, durante la quale ho visto il Bambino Gesù. Verso la fine della S. Messa la visione è scomparsa e mi sono vista come prima nella mia cella. Ho provato una gioia indicibile per il fatto che, pur non avendo potuto assistere alla S. Messa nella nostra cappella, l’ho ascoltata da una chiesa molto lontana. Gesù può provvedere a tutto.

30.07[sic!].1935 (giorno di Sant’Ignazio)

Ho pregato fervorosamente questo santo, facendogli dei rimproveri: Come può osservarmi e non venirmi in aiuto in questioni tanto importanti, cioè nell’adempimento della volontà di Dio? Ho detto a questo santo: « O nostro Patrono, che sei stato infiammato dal fuoco dell’amore e dello zelo per la maggior gloria di Dio, Ti prego umilmente, aiutami a realizzare i disegni di Dio. Questo avveniva durante la santa Messa. All’improvviso sul lato sinistro dell’altare ho visto Sant’Ignazio con un gran libro in mano, il quale mi ha detto queste parole: « Figlia Mia, non sono indifferente alla tua causa. Questa regola si può adattare anche a questa congregazione ». E indicando il libro con la mano, scomparve. Mi rallegrai enormemente vedendo quanto i santi si interessino di noi e quanto sia stretta l’unione con loro. O bontà di Dio! Come è bello il mondo interiore dato che già qui sulla terra trattiamo direttamente coi santi. Per tutta la giornata sentii la vicinanza di questo Patrono, a me così caro.

5.08.1935 (Festa della Madonna della Misericordia)

Mi sono preparata a questa festa con un fervore maggiore degli anni passati. Al mattino di questo giorno ho avuto una lotta interiore al pensiero che debbo abbandonare la Congregazione che gode della protezione particolare di Maria. In questa lotta è trascorsa la meditazione e la prima Santa Messa. Durante la seconda S. Messa ho pregato così la Madre Santissima: « O Maria, è difficile per me staccarmi dalla Congregazione che è sotto il Tuo speciale patrocinio ». All’improvviso vidi la Santissima Vergine indicibilmente bella, che dall’altare si avvicinò a me, al Mio inginocchiatoio. Mi strinse a Sé e mi disse queste parole: «Vi sono Madre per l’infinita Misericordia di Dio. L’anima che mi è più cara è quella che compie fedelmente la volontà di Dio». Mi fece comprendere che ho eseguito fedelmente tutti i desideri di Dio e per questo ho trovato grazia ai Suoi occhi. «Sii coraggiosa; non temere gli ostacoli ingannevoli, ma considera attentamente la Passione di Mio Figlio ed in questo modo vincerai».

Adorazione notturna. Mi sentivo molto male e mi sembrava che non avrei potuto andare all’adorazione, ma ci misi tutta la forza della volontà e, benché fossi caduta nella cella, non badai a quello che mi doleva, avendo davanti agli occhi la Passione di Gesù. Quando giunsi in cappella ebbi la comprensione interiore di quanto sia grande la ricompensa che Iddio ci prepara, non solo per le buone azioni, ma anche per il desiderio sincero di compierle. Che grande grazia di Dio è questa! Oh, come è dolce lavorare con sacrificio per Iddio e per le anime! Non voglio riposare durante la battaglia, ma combatterò fino all’ultimo soffio di vita per la gloria del mio Re e Signore. Non deporrò la spada finché non mi prenderà davanti al Suo trono; non temo i colpi poiché il mio scudo è Dio. Il nemico deve aver paura di noi, non noi del nemico. Satana vince solo i superbi e vili, poiché gli umili posseggono la forza. Nulla confonde né spaventa un’anima umile. Ho indirizzato il mio volo verso l’ardore stesso del sole e nulla riuscirà a farmelo abbassare. L’amore non si lascia incatenare, è libero come una regina; l’amore giunge fino a Dio. Una volta, dopo la S. Comunione, udii queste parole: «Tu sei la nostra dimora». In quell’istante avvertii nell’anima la presenza della SS.ma Trinità, Padre, Figlio e Spirito Santo. Mi sentivo il tempio di Dio. Sento che sono figlia del Padre. Non so dare spiegazione di tutto, ma lo spirito lo comprende bene. O bontà infinita, come Ti abbassi fino ad una misera creatura! Se le anime vivessero nel raccoglimento, Iddio farebbe subito sentir loro la Sua voce, poiché la dissipazione soffoca la parola del Signore. Una volta il Signore mi disse: «Perché hai paura e tremi, quando sei unita a Me? Non Mi piace un’anima soggetta ad inutili paure. Chi oserebbe toccarti quando sei con Me? L’anima che Mi è più cara è quella che crede fermamente nella Mia bontà ed ha piena fiducia in Me: le ricambio la Mia fiducia e le do tutto quello che chiede». Una volta il Signore mi disse: «Figlia Mia, prendi le grazie che gli uomini disprezzano; prendine quante riesci a portarne». In quell’istante la mia anima venne inondata dall’amore di Dio. Sento che sono unita al Signore così strettamente che non riesco a trovare un termine col quale poter definire bene quest’unione; inoltre sento che tutto ciò che Dio ha, tutti i beni ed i tesori, sono miei, sebbene non mi occupi molto di essi, poiché mi basta Lui solo. In Lui vedo tutto; all’infuori di Lui: nulla. Non cerco la felicità all’infuori dell’intimo, dove dimora Iddio. Gioisco di Dio nel mio intimo; qui dimoro continuamente con Lui; qui avviene il mio rapporto più familiare con Lui; qui con Lui dimoro sicura; qui non giunge occhio umano. La Santissima Vergine mi incoraggia a trattare così con Dio. Quando mi colpisce qualche sofferenza, ora non mi procura più amarezza, né le grandi consolazioni mi esaltano; si sono impadronite di me la serenità e l’equilibrio dello spirito, che deriva dalla conoscenza della verità. Che m’importa vivere circondata da cuori ostili, quando ho la pienezza della felicità nella mia anima? Oppure a cosa può giovarmi il favore del cuore degli altri, se non posseggo nel mio intimo Iddio? Quando ho Dio nel mio intimo, chi potrà in qualche modo danneggiarmi?

+ G.M.G. Wilno, 12.08.1935 [Esercizi spirituali di tre giorni]

La sera del giorno precedente gli esercizi spirituali, durante l’assegnazione serale dei punti della meditazione, udii queste parole: «Durante questi esercizi spirituali ti parlerò per bocca di questo sacerdote, al fine di rassicurarti e rafforzarti sulla veridicità delle parole che ti rivolgo nel profondo dell’anima. Sebbene gli esercizi spirituali li facciano tutte le suore, tuttavia ho un riguardo particolare per te, per rafforzarti e toglierti ogni paura di fronte a tutte le contrarietà che ti attendono. Ascolta perciò attentamente le sue parole e meditale nel profondo dell’anima». Oh! come restai stupita, dato che tutto quello che il padre diceva sull’unione con Dio e sugli impedimenti a tale stretta unione, io l’avevo vissuto alla lettera nell’anima e l’avevo ascoltato da Gesù, che mi parla nel profondo dell’anima. La perfezione consiste in questa stretta unione con Dio. Nella meditazione delle dieci, il Padre parlò della Misericordia di Dio e della bontà di Dio verso di noi. Disse che, se si esamina la storia del genere umano, si vede ad ogni passo la grande bontà di Dio. Tutti gli attributi di Dio come l’onnipotenza, la sapienza, contribuiscono a rivelarci quest’unico attributo, che è il più grande, cioè la bontà di Dio. La bontà divina è il più grande attributo di Dio. Tuttavia molte anime che tendono alla perfezione non conoscono questa grande bontà di Dio. Tutto quello che il Padre ha detto durante questa meditazione sulla bontà di Dio, corrispondeva a tutto quello che Gesù aveva detto a me e si riferiva strettamente alla festa della Misericordia. Adesso in verità ho compreso chiaramente quello che il Signore mi aveva promesso e non ho più alcun dubbio: la parola di Dio è chiara ed evidente. Durante tutto il tempo della meditazione vidi Gesù sull’altare, in veste bianca, che teneva in mano il mio quaderno, nel quale sto scrivendo queste cose. Durante tutta la meditazione sfogliò le pagine del quaderno e taceva; il mio cuore però non riuscì a sopportare l’ardore che si era acceso nella mia anima. Nonostante gli sforzi della volontà per dominarmi e non far sapere a quelli che mi stavano attorno ciò che avveniva nella mia anima, verso la fine della meditazione, sentii che ero completamente fuori di me. Ad un tratto il Signore mi disse: «In questo quaderno non hai scritto tutto sulla Mia bontà verso gli uomini; desidero che non tralasci nulla. Desidero che il tuo cuore si consolidi in una completa tranquillità». O Gesù, il mio cuore si arresta quando penso a tutto quello che fai per me. Ti ammiro, Signore, perché Ti abbassi fino alla misera anima mia. Che sistemi impensabili usi per convincermi! È la prima volta in vita mia che faccio un corso di esercizi spirituali di questo genere; comprendo in modo particolare e chiaro ogni parola del Padre, dato che tutto questo l’ho vissuto prima nella mia anima. Ora vedo che Gesù non lascia nel dubbio un’anima che Lo ama sinceramente. Gesù desidera che l’anima, che tratta con Lui nel modo più stretto, sia pienamente tranquilla, nonostante le sofferenze e le contrarietà. Comprendo bene ora che ciò che unisce nel modo più stretto un’anima a Dio è il rinnegamento di sé, cioè l’unione della nostra volontà alla volontà di Dio. Ciò rende l’anima libera, facilita un profondo raccoglimento dello spirito, rende leggere tutte le pene della vita e dolce la morte. Gesù mi ha detto che se avrò qualche dubbio su quanto si riferisce alla festa od anche in merito alla fondazione della Congregazione «come pure su qualunque cosa di quello che ti ho detto nel profondo dell’anima, ti risponderò subito per bocca di quel sacerdote». Durante la meditazione sull’umiltà, mi era ritornato il vecchio dubbio, che un’anima così misera come la mia, non poteva realizzare il compito, che il Signore esigeva. Mentre io rimuginavo su questo dubbio, il sacerdote che ci predicava gli esercizi, interruppe l’argomento e disse proprio quello che riguardava il mio dubbio, cioè che Dio sceglie in prevalenza come strumenti, per realizzare le Sue opere più grandi, le anime più deboli e più semplici. «E questa è una verità incontestabile; guardiamo infatti chi ha scelto per apostoli oppure esaminiamo la storia della Chiesa, e vedremo che grandi opere hanno compiuto anime che erano le meno adatte a ciò, perché proprio in questo le opere di Dio si rivelano come tali». Quando il dubbio mi scomparve completamente, il sacerdote ritornò sul tema dell’umiltà. Gesù, come al solito durante ogni predica, stava sull’altare e non mi disse nulla, ma col Suo sguardo penetrò amabilmente la mia povera anima, che non ebbe più alcuna scusa. Gesù, vita mia, sento bene che mi stai cambiando in Te, nel segreto dell’anima, dove i sensi scorgono ben poco. O mio Salvatore, nascondimi tutta nel profondo del Tuo Cuore e difendimi coi Tuoi raggi da tutto ciò che m’allontana da Te. Ti prego, Gesù, fa’ che questi due raggi, che sono usciti dal Tuo misericordiosissimo Cuore, rafforzino continuamente la mia anima.

Al momento della Confessione

Il confessore mi domandò se in quel momento c’era Gesù e se Lo vedevo. « Sì, c’è e Lo vedo ». Mi ordinò di chiedere informazioni su certe persone. Gesù non mi rispose nulla, ma guardò verso di lui. Però, finita la confessione, mentre facevo la penitenza, Gesù mi disse queste parole: «Va’ e confortalo da parte Mia». Pur non comprendendo il significato di queste parole, ripetei immediatamente ciò che Gesù mi aveva ordinato di dire. Per tutto il periodo degli esercizi, fui continuamente in contatto con Gesù e trattai con Lui intimamente con tutta la forza del mio cuore. Il giorno della rinnovazione dei voti. All’inizio della santa Messa vidi come al solito Gesù che ci benedisse ed entrò nel Tabernacolo. Ad un tratto vidi la Madonna con una veste bianca, un manto azzurro e col capo scoperto, che dall’altare venne verso di me, mi toccò con le Sue mani, mi copri col Suo manto e mi disse: «Offri questi voti per la Polonia. Prega per essa».

15.08.1935
La sera dello stesso giorno sentii nell’anima una grande nostalgia di Dio. In questo momento non Lo vedo con gli occhi del corpo, come nel passato, ma Lo sento e non comprendo. Ciò mi procura una nostalgia ed una pena indescrivibile. Muoio dal desiderio di possederLo, per immergermi in Lui per l’eternità. Il mio spirito tende verso di Lui con tutte le forze; non c’è nulla al mondo che possa consolarmi. O amore eterno, ora comprendo in quali stretti rapporti di intimità era il mio cuore con Te. Infatti che cosa mai potrà soddisfarmi in cielo o in terra all’infuori di Te, o mio Dio, in Te è annegata la mia anima. Quando una sera guardai il cielo dalla mia cella e vidi un firmamento stupendo, disseminato di stelle e la luna, ad un tratto entrò nella mia anima una inconcepibile fiamma d’amore verso il mio Creatore. Non riuscendo a sopportare la nostalgia che era aumentata nella mia anima per Lui, caddi con la faccia a terra umiliandomi nella polvere. Lo adorai per tutte le Sue creature, e quando il mio cuore non riuscì a sopportare quello che avveniva in lui, scoppiai in un pianto dirotto. Allora il mio Angelo Custode mi toccò e mi disse queste parole: « Il Signore mi ordina di dirti che ti alzi da terra ». Lo feci immediatamente, ma la mia anima non venne consolata. La nostalgia di Dio mi prese ancora di più. Un giorno in cui ero all’adorazione ed il mio spinto era quasi in agonia per la nostalgia di Lui e non riuscivo a trattenere le lacrime, all’improvviso vidi uno spirito che era di una grande bellezza, che mi disse queste parole: « Non piangere, dice il Signore ». Dopo un attimo domandai: « Tu chi sei?». Ed egli mi rispose: « Sono uno dei sette spiriti che stanno giorno e notte davanti al trono di Dio e L’adorano senza posa ». Tuttavia quello spirito non alleviò la mia nostalgia, ma suscitò in me una maggior nostalgia di Dio. Quello spirito non mi lascia un istante, mi segue ovunque. Il giorno dopo, durante la S. Messa, prima dell’elevazione, quello spinto cominciò a cantare queste parole: « Santo, Santo, Santo ». La sua voce era come se equivalesse a migliaia di voci, impossibile descriverla. Ad un tratto il mio spirito venne unito a Dio; in un attimo vidi l’inconcepibile grandezza e santità di Dio e nello stesso tempo conobbi la nullità che io sono in me stessa. Conobbi in maniera più evidente di qualsiasi altra volta le Tre Persone Divine: il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo. Tuttavia la loro essenza è una, come pure l’uguaglianza e la maestà. La mia anima è in rapporti di intimità con le Tre Persone, ma non riesco ad esprimere ciò a parole, però l’anima lo comprende bene. Chiunque è unito con una di queste tre Persone, per ciò stesso è unito con tutta la Santissima Trinità, poiché la loro unità è indivisibile. Questa visione, cioè questa conoscenza mi riempì l’anima di una felicità inimmaginabile, per il fatto che Dio è così grande. Quello che ho descritto qui non l’ho visto con gli occhi, come in passato, ma in una visione interiore, in modo puramente spirituale ed indipendente dai sensi. Questo durò fino alla fine della S. Messa. Ora questo mi capita spesso e non solo in cappella, ma anche durante il lavoro e quando meno me l’aspetto. Quando il nostro confessore partì io in quel periodo mi confessai dall’arcivescovo. Quando gli svelai la mia anima, ottenni questa risposta: « Figlia mia, armati di tanta pazienza. Se queste cose vengono da Dio, prima o poi raggiungeranno il loro risultato e ti dico di stare assolutamente tranquilla. Io, figlia mia, ti comprendo bene in queste cose. Ma ora per quanto concerne l’abbandono della Congregazione e l’idea di un’altra, a questo proprio non devi nemmeno pensarci, poiché sarebbe una grave tentazione interiore ». Finita la confessione, dissi a Gesù: « Perché mi ordini di eseguire queste cose e non mi dai la possibilità di portarle a termine? ». All’improvviso, dopo la S. Comunione, vidi Gesù nella stessa cappella dove mi ero confessata, con lo stesso aspetto con il quale sta dipinto su quell’immagine. Il Signore mi disse: «Non essere triste. Gli farò capire le cose che esigo da te». Quando stavamo per uscire, l’arcivescovo era molto occupato, ma ci fece dire dì tornare indietro e di attendere un momento. Quando tornammo di nuovo nella cappella, udii nell’anima queste parole: «Digli quello che hai visto in questa cappella». In quel preciso momento entrò l’arcivescovo e ci chiese se avevamo qualche cosa da dirgli. Tuttavia, benché avessi l’ordine di parlare, non mi fu possibile, perché ero in compagnia di una consorella. Ancora una parola dalla santa confessione: « Quella di impetrare la Misericordia per il mondo, è un’idea grande e bella. Sorella, preghi molto per chiedere Misericordia per i peccatori, ma lo faccia nel suo convento».

Il giorno dopo (venerdì 13.09.1935)

La sera, mentre ero nella mia cella, vidi un Angelo che era L’esecutore dell’ira di Dio. Aveva una veste chiara ed il volto risplendente; una nuvola sotto i piedi e dalla nuvola uscivano fulmini e lampi che andavano nelle sue mani e dalle sue mani partivano e colpivano la terra. Quando vidi quel segno della collera di Dio che doveva colpire la terra ed in particolare un certo luogo, che per giusti motivi non posso nominare, cominciai a pregare l’Angelo, perché si fermasse per qualche momento ed il mondo avrebbe fatto penitenza. Ma la mia invocazione non ebbe alcun risultato di fronte allo sdegno di Dio. In quel momento vidi la Santissima Trinità. La grandezza della Sua Maestà mi penetrò nel profondo e non osai ripetere la mia invocazione. In quello stesso istante sentii che nella mia anima c’era la forza della grazia di Gesù. Quando ebbi la consapevolezza di tale grazia, nello stesso momento venni rapita davanti al Trono di Dio. Oh! quanto è grande il Signore e Dio nostro ed incomprensibile la Sua santità. Non cercherò nemmeno di descrivere tale grandezza, poiché fra non molto Lo vedremo tutti quale Egli è. Cominciai a implorare Dio per il mondo con parole che si udivano interiormente. Mentre pregavo così vidi l’impotenza dell’Angelo che non poté compiere la giusta punizione, che era equamente dovuta per i peccati. Non avevo ancora mai pregato con una tale potenza interiore come allora. Le parole con le quali ho supplicato Dio sono le seguenti: «Eterno Padre, Ti offro il Corpo e il Sangue, l’Anima e la Divinità del Tuo dilettissimo Figlio e Nostro Signore Gesù Cristo, per i peccati nostri e del mondo intero; per la Sua dolorosa Passione, abbi misericordia di noi». La mattina del giorno dopo, mentre entravo nella nostra cappella, udii interiormente queste parole: «Ogni volta che entri nella cappella, recita subito la preghiera che ti ho insegnato ieri». Appena recitai quella preghiera, udii nell’anima queste parole: «Questa preghiera serve a placare la Mia ira. La reciterai per nove giorni con la comune corona del rosario nel modo seguente: prima reciterai il Padre Nostro, l’Ave Maria ed il Credo; poi sui grani del Padre Nostro, dirai le parole seguenti: Eterno Padre, io Ti offro il Corpo e il Sangue, l’Anima e la Divinità del Tuo dilettissimo Figlio e Nostro Signore Gesù Cristo in espiazione dei nostri peccati e di quelli del mondo intero. Sui grani delle Ave Maria reciterai le parole seguenti: Per la Sua dolorosa Passione abbi misericordia di noi e del mondo intero. Infine reciterai tre volte queste parole: Santo Dio, Santo Forte, Santo Immortale: abbi pietà di noi e del mondo intero». Il silenzio è una spada nella lotta spirituale; non raggiungerà mai la santità un’anima ciarliera. Questa spada del silenzio reciderà nettamente tutto ciò che volesse attaccarsi all’anima. Siamo sensibili alle parole ed intendiamo rispondere subito con sensibilità, e non consideriamo se sia volontà di Dio che noi rispondiamo. L’anima silenziosa è forte; nessuna avversità le reca danno, se persevera nel silenzio. L’anima silenziosa è idonea alla più profonda unione con Dio; essa vive quasi di continuo sotto il soffio dello Spirito Santo. In un’anima silenziosa Iddio opera senza impedimenti. O mio Gesù, Tu sai, Tu solo sai bene che il mio cuore non conosce altro amore all’infuori di Te. Tutto il mio amore verginale è annegato in Te, o Gesù, per l’eternità. Sento bene come il Tuo Sangue Divino circola nel mio cuore; non c’è alcun dubbio che col Tuo Sangue Preziosissimo è entrato nel mio cuore il Tuo purissimo amore. Sento che dimori in me col Padre e lo Spirito Santo, o meglio sento che io vivo in Te, o Dio inimmaginabile. Sento che mi sciolgo in Te come una goccia nell’oceano. Sento che sei all’esterno e nelle mie viscere; sento che sei in tutto ciò che mi circonda, in tutto ciò che mi capita. O Dio mio, Ti ho conosciuto nell’intimo del mio cuore e Ti ho amato sopra ogni cosa, sopra qualunque cosa esista in terra o in cielo. I nostri cuori si comprendono a vicenda e nessuno intende ciò. Seconda confessione dall’Arcivescovo: « Sappi, figlia mia, che se questa è volontà di Dio, prima o poi si realizzerà, poiché la volontà di Dio si deve compiere. Ama Dio nel tuo cuore; abbi... [frase rimasta incompiuta].

29 settembre (Festa di San Michele Arcangelo)

Sono rimasta intimamente unita a Dio. La Sua presenza mi penetra nel profondo e mi riempie di serenità, di gioia e di stupore. Dopo quei momenti di preghiera sono piena di forza, di un coraggio misterioso nell’affrontare le sofferenze e la lotta; nulla mi spaventa, anche se il mondo intero fosse contro di me. Tutte le contrarietà sfiorano la superficie, ma non hanno adito all’intimo, poiché lì dimora Iddio che mi dà forza, che mi riempie. Tutte le insidie dei nemici si infrangono contro il Suo sgabello. Iddio mi sostiene con la Sua potenza nei momenti di unione. La Sua potenza mi viene trasmessa e mi rende capace di amarlo. L’anima non perviene mai a ciò con le proprie forze. All’inizio di questa grazia interiore ero piena di paura, e cominciai a controllarmi, cioè a lasciarmi guidare dalla paura; ma ben presto il Signore mi fece conoscere quanto ciò non Gli piacesse. Ed anche questo lo decise Lui stesso, mia quiete. Quasi ogni solennità della santa Chiesa mi procura una più profonda conoscenza di Dio ed una grazia particolare; per questo mi preparo ad ogni solennità e mi unisco strettamente allo spirito della Chiesa. Che gioia essere una figlia fedele della Chiesa! Oh! quanto amo la santa Chiesa e tutti coloro che vivono in essa; guardo a loro, come a membra vive di Cristo, che è il loro capo. M’infiammo d’amore con quelli che amano; soffro con quelli che soffrono; mi consumo dal dolore osservando i tiepidi e gli ingrati; allora mi sforzo di avere un tale amore verso Dio da compensarlo per quelli che non Lo amano, che ripagano il loro Salvatore con nera ingratitudine. O mio Dio, sono consapevole della mia missione nella santa Chiesa. Il mio impegno continuo è quello di impetrare la Misericordia per il mondo. Mi unisco strettamente a Gesù e mi offro come vittima che implora per il mondo. Iddio non mi negherà nulla, quando L’invocherò con la voce di Suo Figlio. il mio sacrificio è niente per se stesso, ma quando l’unisco al sacrificio di Gesù Cristo, diviene onnipotente ed ha la forza di placare lo sdegno di Dio. Iddio ci ama nel Figlio Suo. La dolorosa Passione del Figlio di Dio è una continua invocazione che attenua la collera di Dio. O Dio, quanto desidero che Ti conoscano le anime e che sappiano che le hai create per un amore incomparabile. O mio Creatore e Signore, sento che rimuoverò il velo del cielo, affinché la terra non dubiti della Tua bontà. Fa’ di me, o Gesù, una vittima gradita e pura davanti al Volto del Padre Tuo. O Gesù, Tu che puoi tutto, trasforma me misera e peccatrice in Te e consegnami al Tuo Eterno Padre. Desidero diventare una vittima sacrificale davanti a Te, ma essere davanti agli uomini una normale ostia. Desidero che il profumo del mio sacrificio sia noto soltanto a Te, o Dio eterno. In me arde un desiderio inestinguibile d’implorare da Te Misericordia; sento e comprendo che questo è il mio compito qui e nell’eternità. Tu stesso d’altronde mi hai ordinato dì parlare della tua grande Misericordia e bontà. In un dato momento ho compreso quanto non piaccia a Dio un’azione anche la più lodevole, se non ha il sigillo della retta intenzione. Tali azioni spingono Dio più che alla ricompensa, al castigo. Che nella nostra vita ce ne siano il meno possibile, anzi nella vita religiosa non ce ne dovrebbero essere affatto. Con identica disposizione accetto la gioia come la sofferenza, la lode come l’umiliazione. Ricordo che sia l’una che l’altra sono passeggere. Cosa m’importa di quello che dicono di me? Da tempo ormai ho rinunciato a tutto ciò che riguarda la mia persona. il mio nome è ostia, cioè vittima, non a parole, ma nei fatti, nell’annientamento di me stessa, per essere simile a Te sulla croce, o buon Gesù e mio Maestro. O Gesù, quando vieni a me nella S. Comunione Tu, che Ti sei degnato dimorare assieme al Padre ed allo Spirito Santo nel piccolo cielo del mio cuore, procuro per tutto il giorno di tenerTi compagnia, non lasciandoTi solo nemmeno un istante; benché io sia in compagnia di altra gente, o assieme alle educande, il mio cuore è sempre unito a Lui. Quando riposo Gli offro ogni palpito del mio cuore; quando mi sveglio, m’immergo in Lui senza dire una parola. Quando mi sveglio, adoro un momento la Santissima Trinità e la ringrazio d’essersi degnata di concedermi un altro giorno ancora e per il fatto che si ripete ancora in me il mistero dell’Incarnazione del Figlio Tuo, perché ancora una volta si ripete davanti ai miei occhi la Tua dolorosa Passione. Cerco allora di facilitare a Gesù il passaggio attraverso me, per giungere alle anime degli altri. Con Gesù vado ovunque; la Sua presenza mi segue dappertutto. Nelle sofferenze sia dell’anima che del corpo procuro di mantenere il silenzio, poiché è allora che il mio spirito acquista la forza che gli deriva dalla Passione di Gesù. Ho continuamente davanti agli occhi il Suo Volto oltraggiato e sfigurato, il Suo Cuore divino trafitto dai nostri peccati e specialmente dall’ingratitudine delle anime elette. Doppio avvertimento, perché mi prepari alle sofferenze che mi attendono a Varsavia. il primo avvertimento è stato interiore attraverso una voce udita; il secondo è avvenuto durante la S. Messa. Prima dell’elevazione vidi Gesù crocifisso, che mi disse: «Preparati alla sofferenza». Ringraziai il Signore di avermi avvertito e Gli dissi: « Non soffrirò certamente più di Te, mio Salvatore ». Tuttavia mi preoccupai della cosa e mi fortificai con la preghiera e con piccole sofferenze, per essere pronta a sopportarne di maggiori, quando giungeranno.

19.10.1935
Partenza da Wilno per Cracovia per gli esercizi spirituali dì otto giorni. Venerdì sera durante il rosario, mentre pensavo al viaggio dell’indomani ed all’importanza della questione che dovevo sottoporre a Padre Andrasz, fui presa dalla paura vedendo chiaramente la mia miseria ed inettitudine e la grandezza dell’opera di Dio. Schiacciata da tale sofferenza, mi rimisi alla volontà del Signore. In quel momento vidi Gesù vicino al mio inginocchiatoio, con una veste chiara, che mi disse queste parole: «Perché hai paura di compiere la Mia volontà? Forse non ti aiuterò come ho fatto finora? Ripeti ogni Mia richiesta davanti a coloro che Mi sostituiscono in terra e fa’ solo quello che ti ordinano». In quel momento una forza entrò nella mia anima. La mattina del giorno dopo vidi l’Angelo Custode, che mi tenne compagnia nel viaggio fino a Varsavia. Quando entrammo nella portineria, scomparve. Quando passammo accanto alla piccola cappellina, per andare a salutare le Superiore, in un attimo s’impadronì di me la presenza di Dio ed il Signore mi riempì del fuoco del Suo amore. In tali momenti conosco sempre meglio la grandezza della Sua Maestà. Quando salimmo in treno a Varsavia diretti a Cracovia, vidi di nuovo accanto a me il mio Angelo Custode, che pregava contemplando Iddio ed il mio pensiero andava dietro a lui. Quando giungemmo alla porta del convento, scomparve. Quando entrai nella cappella, fui nuovamente investita dalla Maestà di Dio; mi sentii tutta sprofondata in Dio, tutta immersa e compenetrata in lui, vedendo quanto ci ama il Padre Celeste. Oh! quale grande felicità proviene alla mia anima dalla conoscenza di Dio, della vita di Dio. Desidero dividere questa felicità con tutti gli uomini, non posso tener chiusa tale felicità solo nel mio cuore, poiché i suoi raggi m’infiammano e mi fanno scoppiare il petto e le viscere. Voglio attraversare il mondo intero e parlare alle anime della grande Misericordia di Dio. O sacerdoti, aiutatemi in questo, usate le espressioni più forti sulla Sua Misericordia, poiché tutto è troppo blando, per indicare quanto è misericordioso.

+ GMG Cracovia 20.10.1935. Esercizi spirituali di otto giorni

Dio eterno, la bontà stessa, la cui Misericordia non può essere compresa da nessuna mente né umana né angelica, aiuta questa Tua povera figliola a compiere la Tua santa volontà come Tu stesso me la fai conoscere. Non desidero altro se non compiere il volere di Dio. Ecco, Signore, hai la mia anima ed il mio corpo, la mente e la volontà, il cuore e tutto il mio amore. Disponi di Te secondo i Tuoi eterni disegni. Dopo la S. Comunione la mia anima fu di nuovo inondata dall’amore di Dio. Gioisco della sua grandezza. Qui vedo che evidenzia la sua volontà che debbo compiere e nello stesso tempo vedo la mia debolezza e la mia miseria. Vedo che senza il Suo aiuto non posso far nulla.

Nel secondo giorno degli Esercizi.

Quando dovevo andare in parlatorio dal Padre Andrasz, ebbi paura per il fatto che dopotutto il segreto esiste solo in confessionale; era un timore infondato. La Madre Superiora con due parole mi tranquillizzò. Ma quando entrai nella cappella, sentii nell’anima queste parole: «Desidero che di fronte al Mio sostituto tu sia sincera e semplice come una bambina, così come sei con Me, altrimenti ti abbandonerò e non tratterò più intimamente con te». Per la verità Dio mi concesse la grande grazia di una completa fiducia, e terminato il colloquio, Iddio mi fece la grazia di una grande serenità e di tanta luce in merito agli argomenti trattati. O Gesù, luce eterna, illumina il mio intelletto, rafforza la mia volontà ed infiamma il mio cuore. Resta con me come mi hai promesso, poiché senza dì Te sono nulla. Tu sai, o Gesù mio, quanto io sia debole, non ho certamente bisogno di dirtelo, poiché Tu stesso sai molto bene quanto io sia misera. In Te sta tutta la mia forza.

Il giorno della Confessione

Fin dalla mattina cominciai a sperimentare una lotta interiore così accanita, quale non avevo ancora mai provato. Il completo abbandono da parte di Dio; sentivo il peso di tutta la mia debolezza; mi opprimevano questi pensieri: perché dovrei abbandonare questo convento nel quale sono benvoluta dalle consorelle e dalle Superiore e dove la vita è così tranquilla? Sono legata da voti perpetui e compio i miei impegni con facilità. Perché dovrei ascoltare la voce della coscienza; perché seguire fedelmente l’ispirazione? Chi sa da chi proviene? Non farei meglio a comportarmi come tutte le altre Suore? Forse si possono soffocare le parole del Signore, non facendovi caso. Forse Iddio non ne terrà conto nel giorno del giudizio. Dove mi conduce questa voce interiore? Se la seguo, quali tremende tribolazioni, sofferenze e contrarietà mi aspettano? Ho paura del futuro e nel presente sto agonizzando. Questa sofferenza durò tutto il giorno con una tensione uniforme. Verso sera, quando mi accostai alla santa confessione, nonostante mi fossi preparata in precedenza, non potei confessarmi completamente. Ricevetti l’assoluzione e me ne andai dal confessionale non sapendo quello che mi succedeva. Quando andai a riposare, la sofferenza crebbe fino al massimo grado o piuttosto si tramutò in un fuoco che, come un fulmine penetrò in tutte le facoltà della mia anima, fino al midollo delle ossa, fino alla più segreta cellula del cuore. In un simile stato dì sofferenza, non riuscivo a decidermi a far nulla: « Signore, sia fatta la Tua volontà ». Ma in certi momenti non riuscivo nemmeno a pensare questo. Per la verità uno spavento tremendo mi stava soffocando e mi stava lambendo un fuoco infernale. Sui fare del mattino regnò la calma e le sofferenze scomparvero in un batter d’occhio, ma mi sentivo così tremendamente stremata che non riuscivo a fare il più piccolo movimento. Poco alla volta mi ritornarono le forze mentre parlavo con la Madre Superiora. Però Dio solo sa come mi son sentita per tutta la giornata. O Verità Eterna, o Verbo Incarnato, che hai compiuto la volontà del Padre Tuo nella maniera più fedele, ecco oggi divento martire delle Tue ispirazioni, poiché non le posso eseguire, dato che non ho la mia volontà, nonostante che io conosca in modo chiaro la Tua santa volontà interiormente, tuttavia mi sottopongo in tutto alla volontà dei Superiori e del confessore. Perciò io la compirò per quel tanto che Tu mi permetterai di compierla tramite il Tuo sostituto. O mio Gesù, mi dispiace ma antepongo la voce della Chiesa a quella con cui parli a me.


Dopo la Santa Comunione

Ho visto Gesù come al solito che mi ha detto queste parole: «Appoggia il tuo capo sulla Mia spalla e riposati e prendi forza. Io sono sempre con te. Parla all’amico del Mio cuore; digli che Mi servo di creature così deboli per compiere le Mie opere». Subito dopo il mio spirito venne rinvigorito da una forza singolare. «Digli, che gli ho fatto conoscere la tua debolezza in confessione, in modo che sapesse chi sei per te stessa». Ogni lotta sostenuta valorosamente mi procura gioia, tranquillità, luce, esperienza e coraggio per l’avvenire, onore e gloria a Dio ed a me la ricompensa finale.


Oggi è la festa di Cristo Re

Durante la S. Messa ho pregato fervorosamente perché Gesù sia il Re dì tutti i cuori, perché la grazia dì Dio brilli in ogni anima. Ad un tratto ho visto Gesù come è dipinto nell’immagine e mi ha detto queste parole: «Figlia Mia, Mi rendi la più grande gloria, adempiendo i Miei desideri». Oh, quanto è grande la Tua bellezza, o Gesù, mio Sposo! O fiore vivo e vivificante, in cui è racchiusa la rugiada che dà la vita alle anime assetate. In Te è immersa la mia anima. Tu solo sei oggetto delle mie aspirazioni e dei miei desideri. Uniscimi nel modo più intimo a Te, al Padre ed allo Spirito Santo. Possa io vivere e morire in Te! Solo l’amore ha un significato; esso innalza le nostre più piccole azioni verso l’infinito. O mio Gesù, io in verità non saprei vivere senza di Te. Il mio spirito si è fuso col Tuo. Nessuno comprende bene questo: occorre prima vivere di Te, per conoscerTi negli altri.


Cracovia, 25.10.1935. Propositi dopo gli Esercizi spirituali

Non far nulla, senza il permesso del confessore e l’accordo dei superiori, in tutto, ma specialmente nelle ispirazioni e richieste del Signore. Tutti i momenti liberi li trascorrerò con l’Ospite Divino nel mio intimo; cercherò dì mantenere il silenzio interiore ed esteriore, in modo che Gesù possa riposare nel mio cuore. Il mio riposo più gradito sta nel servire le consorelle e nella disponibilità verso dì loro. Dimenticare me stessa e pensare a quello che può far piacere alle consorelle. Qualunque osservazione mi venga fatta, non addurrò spiegazioni né giustificazioni; permetterò che mi giudichi chiunque abbia piacere di farlo. Ho un solo Confidente, al Quale svelerò tutto ed è Gesù Eucaristia ed in sostituzioni di Lui, il confessore. In tutte le tribolazioni sia dell’anima che del corpo, nelle tenebre, nell’abbandono, tacerò come una colomba, senza lamentarmi. Mi annienterò ogni momento come una vittima ai Suoi piedi, per impetrare Misericordia per le povere anime. Tutto il mio nulla affonda nel mare della Tua Misericordia; con la fiducia di un bambino mi getto fra le Tue braccia, o Padre dì Misericordia, per ricompensarTi della diffidenza di tante anime, che hanno paura dì confidare in Te. Oh, quanto è piccolo il numero delle anime, che Ti conoscono veramente! Oh, come desidero ardentemente che la festa della Misericordia sia conosciuta dalle anime! La Misericordia è il coronamento delle Tue opere; Tu predisponi tutto con la sensibilità della più tenera delle Madri.

+ G.M.G. Cracovia, 27.10.1933 Padre Andrasz. Consigli spirituali

« Non far nulla senza il consenso dei superiori. Su questa questione occorre riflettere bene e pregare molto. In queste cose bisogna essere molto prudenti, poiché lei, sorella, qui ha la volontà di Dio certa ed evidente, poiché è unita a questo ordine coi voti e per di più perpetui. Quindi non ci debbono essere dubbi, e quello che lei sente interiormente sono solo lampi che l’invitano a fondare qualche cosa. Iddio può fare spostamenti, ma queste cose avvengono molto di rado. Finché lei non otterrà una conoscenza più evidente, non affrettarsi. Le opere di Dio procedono piano; se sono da Dio, si conoscerà chiaramente e se no, andranno in fumo e lei obbedendo, non sbaglia. Ma parlare sinceramente di tutto col confessore ed ascoltarlo ciecamente. Ora a lei, sorella, non rimane altro da fare che accettare la sofferenza fino al tempo del chiarimento, cioè fino alla soluzione di questo problema. Lei è in una buona disposizione d’animo relativamente a queste cose; continui ad essere così, piena di semplicità e di spirito d’obbedienza. Questo è un buon segno. Se lei continuerà in questa disposizione d’animo, Iddio non permetterà che lei vada fuori strada. Per quanto è possibile, tenersi lontano da queste cose; ma se ciò nonostante capitano, accertarle con tranquillità, non aver paura di nulla. Lei è in buone mani, nelle mani di Dio che è tanto buono. In tutto quello che mi ha detto, non vedo alcuna illusione o incompatibilità con la fede. Sono cose in sé buone; anzi sarebbe bene che ci fosse un gruppo di anime che pregassero Dio per il mondo, poiché tutti abbiamo bisogno di preghiere. Lei ha un buon direttore spirituale. Si attenga a quello che le dice e stia tranquilla. Sia fedele alla volontà di Dio e l’adempia. In quanto al lavoro, faccia quello che le ordinano, come le ordinano, anche se fosse il più umiliante e faticoso. Scelga sempre l’ultimo posto, ed allora le diranno: venga più su. Nell’animo ed in tutto il comportamento deve considerarsi l’ultima di tutta la casa e di tutta la Congregazione. In tutto e sempre la più rigorosa fedeltà a Dio ». O mio Gesù, desidero soffrire ed ardere del fuoco dell’amore in tutti gli avvenimenti della vita. Sono tutta Tua, desidero inabissarmi in Te, o Gesù, desidero perdermi nella Tua divina bellezza. Tu m’insegni, Signore, col Tuo amore, e penetri nel mio intimo come un raggio di sole e trasformi le tenebre della mia anima nella Tua luce. Sento bene che vivo in Te, come una minuscola scintilla ingoiata dall’incalcolabile incendio, in cui ardi, o impenetrabile Trinità. Non esiste una gioia più grande dell’amore di Dio. Già su questa terra possiamo pregustare la felicità degli abitanti del cielo con una stretta unione con Dio, misteriosa e talvolta inconcepibile per noi. Si può ottenere la stessa grazia con la semplice fedeltà dell’anima. Quando s’impadronisce di me un senso di svogliatezza e di noia per i miei doveri, rifletto sui fatto che mi trovo nella casa del Signore, dove non c’è nulla di poco conto, dove da quella mia azione di poco conto, eseguita con la mente rivolta al cielo, può dipendere la gloria della Chiesa ed il profitto di più di un’anima, e perciò nella vita religiosa non c’è nulla di poco conto. Per le avversità che sto sperimentando, mi rendo conto che il tempo della lotta non è finito, mi armo di pazienza ed in questo modo vinco il mio avversario. Non cerco da nessuna parte la perfezione per pura curiosità, ma penetro nello Spirito dì Gesù e considero le Sue azioni, come sono descritte in breve nel Vangelo e, se anche campassi mille anni, non riuscirei ad esaurire quanto in esso è contenuto. Quando le mie intenzioni non vengono approvate anzi sono condannate, non me ne stupisco troppo; so infatti che soltanto Iddio scruta nel mio cuore. La verità non perisce ed il cuore ferito col tempo si tranquillizza ed il mio spirito si fortifica nelle avversità. Non sempre ascolto quello che mi dice il cuore, ma prego Dio che mi dia luce; quando sento in me l’equilibrio, allora parlo di più. Il giorno della rinnovazione dei voti. La presenza dì Dio ha inondato la mia anima. Durante la S. Messa ho visto Gesù, che mi ha detto queste parole: «Tu sei per Me una grande gioia; il tuo amore e la tua umiltà fanno sì che abbandoni il trono del cielo e Mi unisca a te. L’amore pareggia l’abisso che c’è fra la Mia grandezza e la tua nullità».

L’amore m’inonda l’anima; sono immersa in un oceano d’amore; sento che sto svenendo e mi perdo completamente in Lui. O Gesù, rendi il mio cuore simile al Tuo, o meglio cambialo nel Tuo, in modo che riesca a sentire le necessità degli altri cuori e soprattutto di quelli che soffrono e sono tristi; i raggi della Misericordia dimorino nel mio cuore.

Una sera, mentre camminavo nell’orto recitando il rosario, giunsi al cimitero, scostai la porta e pregai per un momento e poi chiesi loro interiormente: «Siete veramente molto felici?». Immediatamente udii queste parole: «Siamo felici nella misura in cui abbiamo fatto la volontà di Dio». E poi silenzio come prima. Rientrai in me e pensai a lungo come faccio io la volontà di Dio e come utilizzo il tempo che Iddio mi concede. Lo stesso giorno, quando andai a riposare, venne da me di notte un’anima, mi svegliò bussando contro il comodino e mi chiese di pregare. Volevo chiedere chi fosse, ma mortificai la mia curiosità ed unii questa piccola mortificazione alla preghiera che offrii per lei. Una volta andai a far visita ad una cara consorella ammalata, che aveva ormai ottantaquattro anni e si distingueva per molte virtù e le domandai: «Lei, sorella, sarà certamente pronta a presentarsi davanti al Signore?». Mi rispose che per tutta la vita si era preparata a quest’ultima ora e mi disse queste parole: «L’età non affranca dalla lotta».

+ Una volta che, prima del giorno dei defunti, andai al cimitero verso l’imbrunire, il cimitero era chiuso, ma scostai un po’ la porta e dissi: “Care anime, se desiderate qualche cosa, la farò volentieri per voi, per quanto me lo permette la regola”. E subito udii queste parole: «Fa’ la volontà di Dio; noi siamo felici nella misura in cui abbiamo fatto la volontà di Dio».

+ La sera quelle anime vennero e mi chiesero preghiere. Pregai molto per loro. Mentre la processione di sera ritornava dal cimitero vidi una moltitudine di anime che venivano con noi verso la cappella e pregavano assieme a noi. Ho pregato molto, poiché per questo avevo il permesso dei superiori. Di notte mi venne a far visita di nuovo un’anima che avevo già visto in passato, tuttavia quest’anima non mi chiese preghiere, ma mi fece dei rimproveri di questo genere, dicendomi che una volta ero molto vanitosa e superba. « E adesso intercedi tanto per gli altri, ma anche adesso hai ancora alcuni difetti ». Risposi che ero molto superba e vanitosa, ma che mi ero confessata ed avevo fatto la penitenza per la mia stupidità. Ed ho fiducia nella bontà del mio Dio e se ora cado ciò avviene involontariamente e mai con premeditazione, sia pure nella più piccola cosa. Però quell’anima cominciò a farmi altri rimproveri: Perché non voglio riconoscere la sua grandezza? « Che tutti mi riconoscono per le mie grandi imprese. Perché solo tu non mi dai gloria? ». Fu allora che m’accorsi che in quella figura c’era satana e dissi: « A Dio Solo è dovuta la gloria! Vattene satana! ». E in un attimo quell’anima sprofondò in una voragine orribile, inconcepibile a descrivere e dissi a quella miserabile anima che l’avrei detto a tutta la Chiesa. È sabato e torniamo già da Cracovia a Wilno. Durante il tragitto abbiamo fatto una sosta a Czestochowa. Mentre pregavo davanti all’immagine miracolosa, sentii che sono gradite... [il pensiero è rimasto incompleto]

FINE DEL PRIMO QUADERNO

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Canterò in eterno la Misericordia del Signore.

II QUADERNO

G.M.G.

+ Canterò in eterno la Misericordia del Signore Di fronte a tutto il popolo, Poiché questo è il più grande attributo dì Dio, E per noi un miracolo continuo. Scaturisci dalla Trinità Divina, Ma da un unico amorevole grembo; La Misericordia del Signore apparirà all’anima, In tutta la sua grandezza, quando cadrà il velo. Dalla sorgente della Tua Misericordia, o Signore, Sgorga ogni felicità e vita, Perciò voi creature tutte ed elementi Cantate in estasi l’inno della Misericordia. Le viscere della Misericordia di Dio sono state aperte per noi Dalla vita di Gesù morto sulla Croce, Non dovresti perciò dubitare né disperare, o peccatore, Ma confidare nella Misericordia, poiché anche tu puoi diventare santo. Due sorgenti in forma di raggi sono scaturite Dal Cuore di Gesù, Non per gli Angeli, né per i Cherubini o i Serafini, Ma per la salvezza dei peccatori.

+ G.M.G. O Volontà di Dio, sii il mio amore

O mio Gesù, Tu sai che non avrei scritto nemmeno una lettera dell’alfabeto dì mia iniziativa, e se scrivo lo faccio soltanto per un ordine preciso della santa obbedienza.

Dio e anime. Sr. M. Faustina, del Santissimo Sacramento

+ O Gesù, o Dio nascosto, Il mio cuore Ti sente, Benché Ti coprano i veli. Tu sai che Ti amo.

+ Wilno, 24.11.1931 - G.M.G. + Secondo Fascicolo. Dio sia adorato

O SS.ma Trinità, in cui è racchiusa la vita interiore di Dio Padre, Figlio e Spirito Santo, o gioia eterna, inimmaginabile abisso d’amore, che ti espandi su tutte le creature e le rendi felici, onore e gloria al Tuo Nome per i secoli dei secoli. Amen. Quando vengo a conoscere la Tua grandezza e la Tua bellezza, o mio Dio, gioisco indicibilmente per il fatto che il Signore, al quale servo, è tanto grande. Con amore e con gioia faccio la Sua santa volontà e quanto più Lo conosco, tanto più ardentemente desidero amarLo. Ardo dal desiderio di amarLo sempre più.

+ Il 14

In questo giovedì, mentre si faceva l’adorazione notturna, sin dall’inizio non mi è stato possibile pregare. Una strana aridità si era impadronita di me, non riuscivo a riflettere sulla dolorosa Passione di Gesù. Allora mi stesi sui pavimento a forma di croce ed offrii la dolorosa Passione di Gesù al Padre Celeste in riparazione dei peccati del mondo intero. Quando mi alzai da terra dopo quella preghiera andai al mio inginocchiatoio, ad un tratto vidi Gesù li vicino. Gesù aveva l’aspetto uguale a quello che aveva durante la flagellazione. Teneva nelle mani una veste bianca, che mi fece indossare, ed un cordone col quale mi cinse i fianchi e mi copri con un manto rosso, tale e quale a quello con cui fu coperto Lui durante la Passione, ed un velo dello stesso colore e mi disse: «Tu e le tue compagne avrete un abito così. La Mia vita, dalla nascita alla morte sulla Croce, sarà la vostra regola. Specchiati su di Me e vivi secondo questo modello; desidero che tu penetri più a fondo nel Mio spirito e tenga presente che sono mite ed umile di Cuore». Una volta avvertii nell’anima una sollecitazione a mettermi all’opera ed a compiere tutto ciò che Dio esigeva da me. Entrai un momento in cappella ed udii questa voce nell’anima: «Perché hai paura? Pensi forse che Mi manchi l’onnipotenza e non possa venirti in aiuto?». Ed in quell’istante avvertii nell’anima una forza singolare e nulla mi sembravano tutte le contrarietà che mi potevano capitare nell’adempimento della volontà di Dio. Venerdì, durante la S. Messa, quando la mia anima era inondata dalla felicità di Dio, sentii nell’anima queste parole: «La Mia Misericordia è giunta alle anime attraverso il Cuore divino e umano di Gesù, come un raggio di sole attraverso un cristallo». Sentii nell’anima e compresi che ogni avvicinamento a Dio ci viene concesso per Gesù, in Lui e per Lui. Un giorno in cui terminò la novena a Ostia Brama, verso sera, dopo che erano state cantate le litanie, un sacerdote portò il Santissimo Sacramento nell’ostensorio. Quando lo posò sull’altare, vidi subito il Bambino Gesù, che allungava le Sue braccine verso Sua Madre, che allora aveva l’aspetto vivo. Quando la Madonna parlava con me, Gesù allungava le braccine verso il popolo lì riunito. La Madre Santissima mi disse dì accettare tutte le richieste di Dio come una bambina senza indagare minimamente; in caso contrario la cosa non sarebbe piaciuta a Dio. In quell’istante scomparve il Bambino Gesù e la Madonna perse l’aspetto vivo e l’immagine del santuario rimase come era prima. La mia anima allora venne inondata da una gioia ed un’esultanza grande e dissi al Signore: « Fa’ di me quello che ti piace; sono pronta a tutto. Ma Tu, Signore, non allontanarTi da me nemmeno un istante ».

+ G.M.G. In onore della Santa Trinità

Pregai la Madre Superiora di autorizzarmi a digiunare per quaranta giorni, prendendo una fetta di pane ed un bicchiere d’acqua al giorno. Ma la Madre Superiora non mi diede il permesso per quaranta giorni, ma solo per sette giorni, uniformandosi al parere del confessore. «Non posso esonerarla del tutto dagli impegni, e ciò per riguardo verso le altre suore che potrebbero obiettare qualche cosa. Sorella, io le do il permesso, quando è possibile, di dedicarsi alla preghiera o di prendere nota di alcune cose, ma per quanto concerne il digiuno non riesco ad escogitare nulla ». Poi aggiunse: « Adesso vada, sorella, può darsi che mi venga qualche idea ». La domenica mattina compresi interiormente che, quando la Madre Superiora mi aveva destinata in portineria durante i pasti, pensava di potermi dare la possibilità di digiunare. Al mattino non andai a colazione, ma poco dopo mi recai dalla Madre Superiora e le dissi: « Dato che ho servizio alla porta, mi sarà molto facile evitare di essere notata ». E la Madre Superiora mi rispose: « Quando l’ho messa in tabella, pensavo proprio a questo ». Adesso capisco perché avevo avuto interiormente lo stesso pensiero.

24.11.1935

Domenica, primo giorno. Andai subito davanti al Santissimo Sacramento e mi offrii insieme a Gesù, che è nel SS.mo Sacramento, all’Eterno Padre. E subito udii nell’anima queste parole: «Lo scopo tuo e delle tue compagne è quello di unirti a Me nella maniera più stretta per mezzo dell’amore. Concilierai la terra col cielo, mitigherai la giusta collera di Dio ed impetrerai la Misericordia per il mondo. Affido alle tue cure due perle preziose per il Mio Cuore, che sono le anime dei sacerdoti e le anime dei religiosi; per loro pregherai in modo particolare; la loro forza dipenderà dal vostro annientamento. Le preghiere, i digiuni, le mortificazioni, le fatiche e tutte le sofferenze, le unirai alla preghiera, al digiuno, alla mortificazione, alla fatica ed alla sofferenza Mia ed allora avranno valore di fronte al Padre Mio». Dopo la santa Comunione vidi Gesù, che mi disse queste parole: «Oggi penetra nello spirito della Mia povertà ed organizza tutto, in modo che i più poveri non abbiano nulla da invidiarti. Non nei grandi palazzi e negli splendidi arredamenti, ma in un cuore puro e umile trovo la Mia compiacenza». Quando restai sola, cominciai a riflettere sullo spirito di povertà. Vedo chiaramente che Gesù non aveva nulla, benché fosse il Padrone dell’universo. Nasce in una mangiatoia presa in prestito; durante la vita fa del bene a tutti, ma Egli stesso non ha dove posare il capo. E sulla croce vedo il massimo della Sua povertà, poiché non ha nemmeno la veste su di Sé. O Gesù, col solenne voto di povertà, desidero assomigliare a Te; la povertà mi sarà madre. Come non si possiede nulla esternamente e non si dispone di nulla come proprietari, così occorre non desiderare nulla interiormente. Come è grande la Tua povertà nel Sant.mo Sacramento! C’è mai stata un’anima così abbandonata come Te, o Gesù, sulla croce? La castità - questo voto, lo si capisce per se stesso - proibisce tutto ciò che è vietato dal sesto e dal nono comandamento di Dio, naturalmente azioni, pensieri, parole, sentimenti e... Comprendo che il voto solenne si differenzia dal voto semplice, lo comprendo in tutta la sua estensione. Mentre riflettevo su ciò, sentii nell’anima queste parole: “Sei la Mia sposa per l’eternità, la tua purezza dev’essere maggiore di quella degli angeli, poiché con nessun angelo ho rapporti di così stretta intimità come con te. La più piccola azione della Mia sposa ha un valore infinito; un’anima pura ha una potenza incalcolabile davanti a Dio”. L’obbedienza. « Sono venuto a fare la volontà del Padre Mio. Sono stato ubbidiente ai genitori, ubbidiente ai carnefici, sono ubbidiente ai sacerdoti ». Comprendo, Gesù, lo spirito dell’obbedienza ed in che cosa consiste. Esso non riguarda solo l’esecuzione esteriore, ma interessa anche la mente, la volontà ed il giudizio. Dando ascolto ai superiori, obbediamo a Dio. Poco importa se sia un angelo od un uomo a comandarmi in nome dì Dio: io debbo essere sempre obbediente. Non scriverò molto sui voti, poiché essi sono per sé chiari e basati sul concreto, mi accingo piuttosto a gettare uno sguardo generale su questa congregazione.

+ Riassunto generale

Non ci saranno mai case sfarzose, ma una modesta chiesetta e presso questa una piccola comunità, un piccolo gruppetto di anime, che sarà composto di non più di dieci elementi, oltre ad altri due che dovranno sbrigare le varie necessità della congregazione all’esterno e fare i vari servizi in chiesa. Non porteranno un abito, ma vestiranno come i laici. Avranno i voti, ma semplici e saranno strettamente sottomesse alla superiora, che starà dietro la grata. Avranno parte a tutti i beni spirituali della congregazione, ma non ce ne potrà essere mai più di due, preferibilmente una. Ogni casa sarà indipendente dall’altra, tuttavia per la regola, i voti e lo spirito saranno unite fra dì loro nel modo più stretto. In casi eccezionali però si potrà inviare una suora da una casa all’altra, come è possibile e, per la fondazione di una nuova casa, prendere alcune religiose, se è necessario. Ogni casa sarà soggetta all’Ordinario del luogo. Ogni religiosa abiterà in una cella a parte, tuttavia la vita si svolgerà in comune, si riuniranno assieme per la preghiera, per i pasti e la ricreazione. Ogni religiosa che emette la professione, non vedrà più il mondo, nemmeno attraverso la grata, che verrà ostruita da un panno scuro, ed anche i colloqui saranno strettamente limitati. Sarà come una persona morta, che il mondo non comprende e che non comprende il mondo. Deve interporsi fra la terra e il cielo ed implorare incessantemente da Dio Misericordia per il mondo e forza per i sacerdoti, affinché le loro parole non risuonino invano ed affinché essi stessi riescano a mantenersi nella loro inconcepibile dignità - sebbene così esposti - senza alcuna macchia... Non importa se di queste anime ce ne saranno poche, ma saranno anime eroiche. Per le anime pusillanimi e deboli non ci sarà posto. Fra di loro non ci sarà alcuna divisione in cori, né si divideranno in madri e mammine, né in reverende e reverendissime, ma saranno tutte uguali fra loro, anche se all’origine c’era fra loro una grande differenza. Sappiamo chi era Gesù e come si è umiliato e con chi ha avuto rapporti. Porteranno una veste uguale a quella che Egli ha portato durante la Passione, e non solo la veste, ma dovranno imprimere su di sé le impronte per le quali Egli si distinse, e queste sono: la sofferenza ed il disprezzo. Ognuna dovrà tendere al massimo rinnegamento del proprio io e ad amare l’umiltà, e quella che si distinguerà maggiormente in questa virtù, sarà idonea a dirigere le altre. Dato che il Signore ci ha fatte compagne della Sua Misericordia, anzi di più, dispensatrici, dobbiamo avere un grande amore per ogni anima, a cominciare dalle anime elette fino alle anime che ancora non conoscono Dio. Con la preghiera e la mortificazione giungeremo fino ai paesi selvaggi, aprendo la strada ai missionari. Ricorderemo che il missionario è come il soldato al fronte, che non può resistere a lungo se non è sostenuto da forza esterna che non partecipa direttamente alla battaglia, ma gli fornisce tutto ciò di cui ha bisogno. Questo è rappresentato dalla preghiera. Ognuna pertanto deve distinguersi per spirito di apostolato. Mentre questa sera stavo scrivendo nella mia cella, ho udito questa voce: «Non uscire da questa congregazione, abbi pietà di te stessa. Ti attendono grandi sofferenze». Mi sono girata in direzione della voce, ma non ho visto nulla ed ho continuato a scrivere. Ad un tratto ho avvertito un sussurro e queste parole: «Appena esci, ti distruggeremo. Non ci tormentare». Quando ho guardato, ho visto molti brutti ceffi, ma appena ho fatto col pensiero il segno della croce, sono spariti tutti immediatamente. Quanto è orribilmente brutto satana! Povere le anime dannate, che debbono vivere in sua compagnia; la sola sua vista è più ripugnante di tutte le pene dell’inferno. Dopo un momento ho udito questa voce nell’anima: «Non aver paura di nulla, non ti capiterà niente se Io non voglio». Dopo queste parole del Signore, una forza misteriosa è entrata nella mia anima e gioisco immensamente della bontà di Dio. Il postulato. Età richiesta per essere accolta. Ogni persona dai quindici ai trent’anni può essere accolta. In primo luogo bisogna badare allo spirito dal quale è animata una data persona ed al carattere e vedere se ha una volontà decisa ed il coraggio di seguire le orme di Gesù e questo con gioia ed esultanza, poiché Dio ama chi dà gioiosamente. Deve disprezzare il mondo e se stessa. La mancanza della dote non sarà mai motivo di mancata accettazione. Ci devono essere naturalmente tutte le formalità; non accogliere quando ci sono situazioni imbrogliate. Inoltre non possono essere accolte persone melanconiche, propense alla tristezza, con malattie infettive, caratteri ambigui, sospettosi, inadatti alla vita religiosa. Bisogna fare grande attenzione nella scelta dei membri, poiché basta una persona inadatta per mettere in subbuglio tutto un convento. La durata del postulato. il postulato durerà un anno. un quel periodo una data persona dovrebbe vedere se quel tipo di vita le piace e se è adatto o meno a lei e nello stesso tempo la maestra deve controllare attentamente se quella data persona è adatta o meno a quel sistema di vita. Dopo un anno, se risulta che ha buona volontà ed un sincero desiderio dì servire il Signore, bisogna accoglierla in noviziato. Il noviziato deve durare un anno senza alcuna interruzione. Le novizie devono essere istruite sulle virtù che riguardano i voti e sull’importanza dei voti stessi. La maestra deve mettere ogni impegno nel dar loro una solida formazione. Le eserciti nell’umiltà, poiché solo un cuore umile osserva con facilità i voti e prova grandi gioie che Dio elargisce alle anime fedeli. Non avranno l’impegno di un lavoro di responsabilità, in modo che possano dedicarsi liberamente al proprio perfezionamento. Sono rigorosamente tenute ad osservare le regole e le norme in vigore, come del resto le postulanti. Dopo un anno di noviziato, se la novizia si è mostrata fedele, si può ammetterla a pronunciare i voti per un anno; questi devono essere ripetuti per tre anni. Allora può già avere incarichi di responsabilità, ma apparterrà al noviziato ed una volta alla settimana deve partecipare alle lezioni assieme alle novizie e gli ultimi sei mesi li passerà del tutto in noviziato, per prepararsi bene alla professione solenne. Per quel che riguarda il vitto, non faremo uso di carne. il vitto sarà tale che anche per questo i poveri non abbiano nulla da invidiarci. Tuttavia nei giorni di festa ci potrà essere qualche differenza rispetto ai giorni normali. Ci saranno tre pasti al giorno; osserveremo rigorosamente i digiuni nello spirito primitivo e soprattutto i due grandi digiuni. Il vitto sia identico per tutte le suore, escludendo qualsiasi eccezione, in modo che la vita comunitaria sia osservata in tutta la sua integrità, sia per il vitto che per il vestiario, come per l’arredamento della cella. Però se qualche suora si ammala, dovrà avere ogni miglior trattamento. Per quanto riguarda la preghiera. Un’ora dì meditazione, santa Messa e santa Comunione, le preghiere, due esami di coscienza, l’ufficio, il rosario, la lettura spirituale, un’ora dì preghiera durante la notte. Per quanto riguarda l’ordine del giorno e l’orario, si può far meglio quando cominceremo a vivere secondo questo sistema. Ad un tratto udii nell’anima queste parole: «Ti assicuro una entrata fissa con la quale vivrai. L’impegno tuo è una totale fiducia nella Mia bontà, il Mio impegno è quello di darti tutto ciò di cui hai bisogno. Divento Io stesso dipendente dalla tua fiducia; se la tua fiducia sarà grande, la Mia generosità non conoscerà limiti». Sul lavoro. Come persone povere, eseguiranno da sole tutti i lavori che si debbono fare in convento. Ognuna deve rallegrarsi se le capita un lavoro umiliante o contrario alla sua natura, poiché le sarà d’aiuto per la propria formazione interiore. La superiora cambierà spesso le mansioni delle suore ed in questo modo le aiuterà a staccarsi completamente da quelle minuzie, alle quali le donne hanno una particolare tendenza ad affezionarsi. In verità qualche volta mi vien da ridere quando vedo coi miei occhi delle anime, che hanno lasciato cose veramente grandi, attaccarsi a delle cianfrusaglie che non valgono nulla. Ogni suora starà per un mese in cucina, non escludendo nemmeno la superiora. Provino tutte qualsiasi fatica può capitare in convento, abbiano tutte sempre retta intenzione in tutto, poiché al Signore le situazioni poco chiare non piacciono affatto. Si accusino esse stesse delle mancanze esterne e chiedano la penitenza alla superiora; lo facciano in spirito di umiltà. Si amino vicendevolmente di un amore superiore, di un amore puro, vedendo in ogni consorella l’immagine dì Dio. La caratteristica particolare di questa piccola congregazione è l’amore, e qui non restringano il proprio cuore, ma vi racchiudano il mondo intero, dando concreta testimonianza ad ogni anima per mezzo della preghiera secondo la propria vocazione. Se secondo questo spirito saremo misericordiose, anche noi troveremo Misericordia. Ognuna dovrebbe avere un grande amore per la Chiesa. Come una brava figlia che ama la Madre prega per lei, così ogni anima cristiana deve pregare per la Chiesa, che per lei è Madre. E che dire poi di noi religiose, che ci siamo impegnate in modo particolare a pregare per la Chiesa? Quanto è grande dunque il nostro apostolato, sebbene sia così nascosto. Queste piccole cose quotidiane saranno deposte ai piedi di Gesù come un’offerta di implorazione per il mondo. Ma, affinché l’offerta sia gradita a Dio, deve essere pura e affinché l’offerta sia pura, il cuore deve liberarsi da ogni attaccamento naturale ed indirizzare tutti i sentimenti verso il proprio Creatore, amando in Lui tutte le creature, secondo la Sua santa volontà. E se ognuna si comporta così, in spirito di fervore, apporterà gioia alla Chiesa. Oltre ai voti vedo una regola importantissima, sebbene tutte siano importanti; metto tuttavia questa al primo posto, ed è la regola del silenzio. Per la verità, se questa regola venisse osservata rigorosamente, sarei tranquilla anche per le altre. Le donne hanno una grande propensione a parlare. In verità lo Spirito Santo non parla alle anime distratte e ciarliere, ma per mezzo delle sue tacite ispirazioni parla alle anime raccolte, alle anime silenziose. Se venisse osservato scrupolosamente il silenzio, non ci sarebbero mormorazioni, amarezze, maldicenze, chiacchiere, non verrebbe maltrattato l’amore del prossimo, in una parola molte mancanze verrebbero evitate. Una bocca silenziosa è oro puro e dà testimonianza della santità interiore. Ma ora desidero parlare subito della seconda regola, cioè del « parlare ». Tacere quando si deve parlare è un’imperfezione e talvolta anche un peccato. E perciò tutte devono partecipare alla ricreazione, e la superiora non esoneri le suore dalla ricreazione, se non per un motivo molto importante. La ricreazione sia allegra nello spirito di Dio. Durante la ricreazione c’è la possibilità di conoscersi a vicenda; ognuna esprima la propria opinione con semplicità per l’edificazione delle altre, e non per una qualche superiorità, oppure, Dio ne scampi, per bisticciare. Ciò sarebbe contrario alla perfezione ed allo spirito della nostra vocazione che deve distinguersi per l’amore. Due volte al giorno ci sarà una ricreazione di mezz’ora. Se qualche suora ha infranto il silenzio è tenuta ad accusarsi subito alla superiora ed a chiedere la penitenza; e la superiora per tale mancanza dia una penitenza pubblica, poiché se si comporterà diversamente, dovrà rispondere essa stessa davanti al Signore. Sulla clausura. Nei locali delimitati dalla clausura non potrà entrare nessuno, senza una speciale autorizzazione dell’Ordinario e ciò in casi eccezionali, come l’amministrazione dei sacramenti alle ammalate o l’assistenza e la preparazione alla morte o in occasione di funerali. Può capitare anche l’assoluta necessità dì fare entrare dentro la clausura qualche operaio per riparazioni da fare nel convento, ad ogni modo occorre ottenere prima una chiara autorizzazione. La porta che conduce dentro la clausura deve essere sempre chiusa e la chiave deve averla solo la superiora. Dell’andata in parlatorio. Nessuna suora può andare in parlatorio senza un permesso speciale della superiora e la superiora non deve concedere permessi per andare di frequente in parlatorio. Coloro che sono morte per il mondo, non devono ritornarvi nemmeno con colloqui, ma se la superiora ritiene opportuno che una suora vada in parlatorio, si attenga alle seguenti norme: accompagni essa stessa quella suora, e se non può, incarichi una sua sostituta, la quale è obbligata alla discrezione e non riferirà quello che ha ascoltato in parlatorio, ma informerà dì tutto la superiora. I colloqui devono essere brevi, a meno che un riguardo per la persona non li prolunghi un po’, ad ogni modo non deve mai venire scostato il panno della grata, se non in casi eccezionali, come può capitare in seguito ad una insistente richiesta del padre o della madre. Delle lettere. Ogni suora può inviare lettere sigillate all’Ordinario dal quale dipende la casa. All’infuori di ciò, per ogni lettera chiederanno il permesso e la consegneranno aperta alla superiora, e la superiora deve regolarsi con spirito d’amore e con prudenza. Essa ha il diritto d’inviarla o di trattenerla, secondo quello che sarà per la maggior gloria di Dio, ma desidererei tanto che questi scritti ci fossero il più raramente possibile. Aiutiamo le anime con la preghiera e la mortificazione e non con gli scritti. Sulla confessione. I confessori per la comunità, sia quello ordinario, che quello straordinario, li assegna il Vescovo. Ci sarà un confessore ordinario che ascolterà le confessioni di tutta la comunità una volta la settimana. Il confessore straordinario verrà ogni tre mesi ed ogni suora è tenuta a presentarsi a lui, anche se non intende fare una vera confessione. Sia il confessore ordinario che quello straordinario non rimarranno in carica oltre i tre anni. Alla fine del triennio ci sarà una votazione segreta ed in base a questa la superiora sottoporrà la richiesta delle suore all’Ordinario. Ad ogni modo il confessore può essere confermato per un secondo ed anche per un terzo triennio. Le religiose si confesseranno vicino alla grata chiusa. Anche le conferenze che verranno tenute alla comunità, si svolgeranno attraverso la grata coperta da un panno scuro. Le suore non parleranno mai fra di loro della confessione e dei confessori; preghino piuttosto per loro, affinché Dio li illumini nel dirigere le loro anime. Della santa Comunione. Le suore non parlino del fatto che una si accosta più di rado e un’altra più spesso alla santa Comunione. Si astengano dall’emettere giudizi su questa materia, su cui non hanno diritto di parlare. Ogni giudizio in merito appartiene esclusivamente al confessore. La Superiora può interrogare una data suora, però non al fine di conoscere il motivo per cui non si accosta alla santa Comunione, ma allo scopo di facilitarle la confessione. Le superiore non si azzardino ad entrare nell’ambito della coscienza delle suore. La superiora può disporre che qualche volta la comunità offra la Comunione per una determinata intenzione. Ogni suora deve preoccuparsi della massima purezza dell’anima, in modo da poter accogliere ogni giorno l’Ospite divino. Una volta che ero entrata in cappella, vidi i muri di una casa mezzo scombinata: le finestre erano prive dì vetri, la porta non era ultimata, c’era solo l’intelaiatura. Tutto ad un tratto sentii nell’anima queste parole: «Qui deve stare quel convento». Per la verità non mi piacque molto che dovesse sorgere li, fra quelle rovine. Giovedì. Mi sono sentita molto sollecitata a dare inizio al più presto all’opera, secondo il desiderio del Signore. Quando mi sono accostata alla santa confessione, ho anteposto una mia opinione all’opinione del confessore. In un primo momento non mi sono resa conto della cosa, ma mentre facevo l’ora santa ho visto Gesù nell’aspetto che ha nell’immagine, il quale mi ha detto che tutto ciò di cui parla con me e quello che mi chiede, debbo comunicarlo al confessore ed alle superiore. «E fa’ soltanto quello per cui ottieni il permesso». E Gesù mi ha fatto conoscere quanto poco Gli piaccia un’anima che agisce di proprio arbitrio. In quell’anima ho riconosciuto me stessa. Ho scorto in me quest’ombra dì spirito arbitrario, mi sono gettata nella polvere davanti alla Sua Maestà e col cuore spezzato Gli ho chiesto perdono. Gesù però non ha permesso che rimanessi a lungo in quello stato d’animo, ma un Suo sguardo divino ha riempito la mia anima dì una gioia così grande, che non ho parole per esprimerla. Gesù poi mi ha fatto sapere che debbo interrogarlo di più e consigliarmi con Lui. In verità quanto è dolce lo sguardo del mio Signore, il Suo occhio penetra nella mia anima fin negli angoli più segreti; c’è intesa fra il mio spirito e Dio senza pronunciare nemmeno una parola, sento che Egli vive in me e io in Lui. All’improvviso vidi quell’immagine in una piccola cappellina sconosciuta e vidi che quella cappellina in un attimo divenne una chiesa grande e bella e in quella chiesa vidi la Madonna col Bambino in braccio. Ad un tratto il Bambino scomparve dalle braccia della Madonna e vidi l’immagine viva di Gesù crocifisso. La Madonna mi disse di comportarmi come Lui, che, nonostante le gioie, aveva sempre guardato intensamente la croce ed aggiunse che le grazie che Iddio mi concedeva non erano soltanto per me, ma anche per le altre anime. il Bambino Gesù che vedo durante la santa Messa, non è sempre identico; talvolta è molto esultante e altre volte non guarda affatto verso la cappella. Ora il più delle volte è lieto, quando celebra la santa Messa il nostro confessore. Sono rimasta enormemente stupita nel vedere quanto lo ami il Bambino Gesù. Qualche volta lo vedo con la fascia colorata. Prima di venire a Wilno e prima di conoscere questo confessore, avevo visto una volta una chiesa non grande e accanto ad essa questa comunità. Quel convento aveva dodici celle, ogni religiosa doveva avere la sua cella a parte. Vidi un sacerdote che mi aiutava nella sistemazione di quel convento e che poi conobbi alcuni anni dopo, ma l’avevo già conosciuto in visione. Vidi come sistemava tutto con grande dedizione in quel convento ed era aiutato anche da un altro sacerdote, che finora non ho conosciuto. Vidi la grata di ferro, dietro la quale c’era un panno scuro. In quella chiesa le suore non andavano. il giorno dell’Immacolata Concezione della Madonna, durante la santa Messa, sentii un fruscio di vesti e vidi la Madre Santissima risplendente e di una bellezza straordinaria. Aveva una veste bianca con una sciarpa azzurra e mi disse: «Mi dai una grande gioia quando adori la SS.ma Trinità per le grazie ed i privilegi che mi ha concesso». E scomparve subito. Delle penitenze e delle mortificazioni. Al primo posto ci sono le mortificazioni interiori, ma praticheremo anche mortificazioni esteriori, esattamente indicate in modo che tutte possano praticarle. Esse sono: tre giorni alla settimana faremo digiuno stretto. I giorni sono: venerdì, sabato e mercoledì. Ogni venerdì, per il tempo necessario a recitare il salmo 50, il Miserere, si sottoporranno alla disciplina, tutte alla stessa ora, nelle proprie celle. L’ora indicata, le tre del pomeriggio, l’offriranno per i peccatori che stanno per morire. Durante i due grandi digiuni come nei giorni del trimestre nelle vigilie, il vitto sarà questo: durante il giorno un pezzo di pane ed un po’ d’acqua. Ciascuna procuri di praticare queste mortificazioni, che sono prescritte per tutte, ma se qualche suora desidera qualche cosa dì più, chieda il permesso alla superiora. Ed ecco un’altra mortificazione generale: a nessuna suora è permesso entrare nella cella dì un’altra, senza un permesso speciale della superiora; la superiora invece deve entrare talvolta anche inaspettatamente nelle celle delle suore, non per una qualche forma di spionaggio, ma in spirito d’amore e per la responsabilità che ha davanti a Dio. Nessuna chiuderà nulla a chiave; la regola sarà la chiave generale per tutte. Un giorno, dopo la santa Comunione, vidi all’improvviso il Bambino Gesù che era accanto al mio inginocchiatoio e si reggeva all’inginocchiatoio con entrambe le manine. Benché fosse presente come un Bambino piccolo, la mia anima fu presa da timore e da paura, poiché vedevo in Lui il mio Giudice, il mio Signore e Creatore, davanti alla cui santità tremano gli angeli, e dall’altra parte la mia anima veniva inondata da un amore ineffabile, sotto l’influsso del quale mi sembrava di morire. Vedo ora che Gesù prima fortifica la mia anima e poi la rende idonea a trattare familiarmente con Sé, poiché diversamente non potrei sopportare quello che provo in quel momento. Il comportamento delle suore verso la superiora. Tutte le suore rispettino la superiora come Gesù stesso, come ho ricordato parlando del voto dell’obbedienza; trattino con lei con fiducia infantile, non mormorino mai, non disapprovino i suoi ordini, poiché questo non piace affatto al Signore. Ognuna si comporti con spirito dì fede nei confronti delle superiore, chieda con semplicità tutto quello di cui ha bisogno. Dio ce ne guardi e non si ripeta mai, anzi non avvenga mai, che qualcuna di voi debba essere motivo di tristezza o di lacrime per la superiora. Ognuna sappia che, come il quarto comandamento obbliga i figli a rispettare i genitori, lo stesso è per una religiosa verso la superiora. Non è una buona religiosa quella che si permette e osa giudicare la superiora. Siano sincere con la superiora e le parlino con semplicità infantile di tutto e delle loro necessità. Le suore si rivolgeranno alla loro superiora in questi termini: «La prego, suora superiora». Non le baceranno mai la mano ed ogni volta che l’incontreranno lungo i corridoi, come pure quando andranno nella cella della superiora, diranno: «Sia lodato Gesù Cristo», facendo un lieve inchino col capo. Le suore fra di loro diranno: «La prego suor... » aggiungendo il nome. Nei confronti della superiora si comportino con spirito di fede e non con sentimentalismi oppure con adulazione, cosa indegna di una religiosa e che la degraderebbe molto. Una religiosa dev’essere libera come una regina e lo sarà se vivrà con spirito di fede. Non dobbiamo ascoltare e rispettare la superiora perché è buona, santa, prudente, no, non per questo, ma soltanto perché per me occupa il posto di Dio ed ascoltando lei, obbedisco a Dio stesso. il comportamento della superiora verso le suore. La superiora deve distinguersi per l’umiltà e per l’amore verso ciascuna suora, senza alcuna eccezione. Non si regoli sulla base della simpatia o dell’antipatia, ma secondo lo spirito dì Cristo. Sappia che Iddio le chiederà conto di ogni suora. Non faccia prediche alle suore, ma dia l’esempio di una profonda umiltà e di rinnegamento di sé e questo sarà l’insegnamento più efficace per le suddite. Sia risoluta, però mai aspra, abbia pazienza se la importunano con le stesse identiche domande, anche se dovesse ripetere cento volte la stessa cosa, ma sempre con la medesima calma. Cerchi di rendersi conto delle necessità delle suore e non aspetti che le vengano a chiedere questo o quello, poiché è differente l’indole delle anime. Se s’accorge che qualche suora è triste oppure sofferente, cerchi di aiutarla in tutti i modi e di confortarla; preghi molto e chieda lumi per sapersi comportare con ognuna di loro, poiché ogni anima è un mondo diverso. Iddio ha diversi modi di trattare con le anime, che talvolta per noi sono incomprensibili ed inconcepibili, perciò la superiora sia prudente per non danneggiare l’azione di Dio in qualche anima. Non richiami mai le suore quando è nervosa, inoltre i rimproveri debbono essere sempre accompagnati da parole d’incoraggiamento. Occorre far capire ad un’anima che deve riconoscere il proprio errore, ma non bisogna abbatterla. La superiora deve distinguersi per l’amore concreto verso le suore; prenda ogni difficoltà sulle proprie spalle; per alleggerire gli impegni alle suore, non pretenda alcun servizio da parte delle suore, le rispetti come spose di Gesù e sia sempre pronta a servirle sia dì giorno che di notte; sia più propensa a pregare che a comandare. Abbia un cuore sensibile per le sofferenze delle suore ed essa stessa studi e si concentri su di un libro aperto, Gesù Crocifisso. Preghi sempre fervorosamente per impetrare luce, e soprattutto quando ha qualcosa d’importante da decidere con qualche suora. Si guardi bene dall’entrare nell’ambito delle loro coscienze, poiché in questo campo ha la grazia solo il sacerdote; ma può capitare che qualche anima senta il bisogno di confidarsi con la superiora. La superiora quindi può ricevere le confidenze dì un’anima, ma non dimentichi il segreto, poiché nulla disgusta maggiormente un ‘anima del fatto che si dica ad altri ciò che essa ha detto in fiducia, cioè in segreto. Le donne hanno sempre la testa debole a questo riguardo; di rado s’incontra una donna che abbia la mente di un uomo. Procuri di essere profondamente unita a Dio e Dio governerà tramite lei, la Madonna sarà la superiora di quel convento e noi saremo le Sue figlie fedeli.

15.12.1933

Oggi, dal primo mattino, una forza misteriosa mi spinge ad agire, non mi dà pace nemmeno per un minuto; un ardore misterioso si è acceso nel mio cuore che mi spinge all’azione, non riesco a contenerlo, è un martirio silenzioso noto soltanto a Dio. Faccia di me quello che Gli piace, il mio cuore è pronto a tutto. O Gesù, o mio carissimo Maestro, non allontanarTi da me nemmeno per un istante. Gesù, Tu lo sai bene quanto io sono debole da sola, pertanto la mia debolezza Ti obbliga a rimanere sempre con me. Una volta ho visto Gesù con una veste chiara. Fu nella serra. «Scrivi quello che ti dirò: Per Me è una delizia unirMi a te; attendo con un grande desiderio e non vedo l’ora che giunga il momento in cui abiterò sacramentalmente nel tuo convento. Il Mio Spirito riposerà in quel convento; benedirò in modo particolare i dintorni dove il convento si troverà. Per amore verso di voi allontanerò tutti i castighi che vengono equamente inflitti dalla giustizia del Padre Mio. Figlia Mia, il Mio Cuore si è piegato alle tue suppliche; il tuo compito ed impegno qui sulla terra è quello di impetrare la Misericordia per il mondo intero. Nessun’anima troverà giustificazione finché non si rivolgerà con fiducia alla Mia Misericordia e perciò la prima domenica dopo Pasqua dev’essere la festa della Misericordia ed i sacerdoti in quel giorno debbono parlare alle anime della Mia grande ed insondabile Misericordia. Ti nomino dispensatrice della Mia Misericordia. Dì al confessore che quest’immagine deve venire esposta in chiesa e non nel convento dentro la clausura. Attraverso questa immagine concederò molte grazie alle anime, perciò ogni anima deve poter accedere ad essa». O Gesù mio, Verità eterna, non temo nulla, nessuna difficoltà, nessuna sofferenza; di una cosa soltanto ho paura, offendere Te. O Gesù mio, preferirei non esistere piuttosto che rattristarTi. O Gesù, Tu sai che il mio amore non conosce nessuno, soltanto Te, in Te è immersa l’anima mia. Quanto dovrebbe essere grande il fervore di ogni anima che vive in questo convento, se Iddio desidera abitare con noi. Ognuna ricordi che, se non siamo noi anime consacrate a supplicare Dio a concedere Misericordia, chi Lo supplicherà? Ogni suora arda come una pura vittima d’amore davanti alla Maestà di Dio, ma per essere gradita a Dio, si unisca strettamente a Gesù; soltanto con Lui, in Lui e per Lui, possiamo piacere a Dio.

21.12.1935

Una volta il confessore mi disse di andare a vedere una casa e controllare se era la stessa che avevo visto in visione. Quando andai col mio confessore a vedere quella casa, o meglio quelle macerie, a colpo d’occhio riconobbi che tutto era tale e quale l’avevo visto in visione. Quando toccai le tavole che erano inchiodate in sostituzione della porta, in quel preciso momento ebbi come un lampo, una forza penetrò nella mia anima dandomi la certezza assoluta; mi allontanai presto da quel luogo, con l’anima piena di gioia. Mi sembrava che una forza m’inchiodasse a quel luogo. Gioii enormemente avendo visto la piena corrispondenza dì quelle cose con quelle che avevo visto in visione. Quando il confessore parlò della sistemazione delle celle e di altre cose, conobbi tutto identico a come mi aveva detto Gesù. Sono oltremodo lieta che Iddio operi per mezzo di lui, ma non mi stupisco affatto per questo, che Iddio gli dia tanta luce, dato che in un cuore puro ed umile abita Iddio che è la luce stessa e tutte le sofferenze e le contrarietà esistono affinché sia manifestata la santità di un’anima. Quando tornai a casa, entrai subito nella nostra cappella, per riposare un momento ed all’improvviso udii nell’anima queste parole: «Non aver paura di nulla, Io sono con te; queste questioni sono nelle Mie mani e Io le realizzerò secondo la Mia Misericordia, e niente si può opporre alla Mia volontà».

Anno 1935. Vigilia di Natale

Fin dal mattino il mio spirito fu immerso in Dio. La Sua presenza mi penetrò da una parte all’altra. Verso sera, prima di cena, entrai un momento in cappella, per scambiare l’oplatek con coloro che sono lontano, che Gesù ama molto ed ai quali io debbo molta riconoscenza. Quando scambiai l’oplatek in spirito con una certa persona, udii nell’anima queste parole: « Il suo cuore per Me è il paradiso in terra». Quando uscii dalla cappella, in un attimo m’investì l’onnipotenza di Dio. Compresi allora quanto Dio ci ama. Oh, se le anime potessero rendersi conto di ciò e comprenderlo almeno in parte!

Il giorno di Natale

La Messa di mezzanotte. Durante la santa Messa ho visto di nuovo il Bambino Gesù, straordinariamente bello, che allungava sorridendo le Sue manine verso di me. Dopo la santa Comunione ho sentito queste parole: «Io sono sempre nel tuo cuore, non solo nel momento in cui Mi accogli nella santa Comunione, ma sempre». Ho vissuto queste feste in una grande gioia. O Santissima Trinità, Dio eterno, il mio spirito annega nella Tua bellezza; i secoli per Te sono nulla, Tu sei sempre lo stesso. Oh, quanto è grande la Tua Maestà! Gesù, quale è il motivo per cui nascondi la Tua Maestà, hai abbandonato il trono del cielo e dimori in mezzo a noi? Il Signore mi rispose: «Figlia Mia, l’amore Mi ha condotto qui e l’amore Mi trattiene. Figlia Mia, se sapessi che grande merito e ricompensa ha un atto di puro amore verso di Me, moriresti dalla gioia. Lo dico affinché ti unisca continuamente a Me per mezzo dell’amore, poiché questo è lo scopo della vita della tua anima; questo atto consiste in un atto di volontà. Sappi che un’anima pura è umile; quando ti umilii e ti annienti davanti alla Mia Maestà, allora t’inseguo con le Mie grazie, faccio uso della Mia onnipotenza per innalzarti». Una volta che il confessore mi aveva dato per penitenza da recitare un «Gloria Patri», la cosa mi prese moltissimo tempo; ogni tanto cominciavo e non arrivavo a finire, poiché il mio spirito stava unendosi a Dio e non riuscivo ad esser presente a me stessa. Infatti certe volte, nonostante la mia volontà, vengo investita dall’onnipotenza di Dio e sono tutta immersa in Lui tramite l’amore, ed in quei casi non so quello che avviene attorno a me. Quando dissi al confessore che quella breve preghiera mi prendeva talvolta moltissimo tempo e che certe volte non riuscivo a recitarla, il confessore mi disse di recitarla subito lì, nel confessionale. Il mio spirito però era immerso in Dio e non riuscivo a pensare a quello che volevo, nonostante cercassi di sforzarmi. Allora il confessore mi disse: « La reciti con me ». Ripetei parola per parola, ma mentre ripetevo ogni parola, il mio spirito si immergeva nella Persona che avevo nominato. Una volta, parlando di un certo sacerdote, Gesù mi disse che questi anni sarebbero stati l’ornamento dei suoi anni di sacerdozio; i giorni della sofferenza sembrano sempre più lunghi, ma anch’essi passeranno, benché procedano così lentamente, che talvolta ci sembra che vadano quasi indietro, ma la loro fine verrà presto e poi ci sarà la gioia eterna ed inesprimibile. L’eternità... chi riesce a concepire ed a comprendere anche solo quest’unica parola che proviene da Te, o Dio ineffabile, cioè l’eternità? So che le grazie che mi concede Dio sono talvolta esclusivamente per certe anime. Questa consapevolezza mi dà una grande gioia, mi rallegro sempre del bene delle altre anime, come se lo possedessi io stessa. Una volta il Signore mi disse: «Mi feriscono di più le piccole imperfezioni delle anime elette, che i peccati delle anime che vivono nel mondo». Mi rattristai molto per il fatto che Gesù dovesse soffrire a causa delle anime elette, ma Gesù mi disse: «Non finisce con queste piccole imperfezioni, ti rivelo un segreto del Mio Cuore, quello che soffro da parte delle anime elette: l’ingratitudine per tante grazie è il nutrimento continuo per il Mio Cuore da parte delle anime elette. Il loro amore è tiepido, il Mio Cuore non può sopportarlo, queste anime Mi costringono a respingerle da Me. Altre non hanno fiducia nella Mia bontà e non vogliono mai gustare la dolce intimità nel proprio cuore, ma Mi cercano chissà dove, lontano, e non Mi trovano. Questa mancanza di fiducia nella Mia bontà è quella che Mi ferisce maggiormente. Se la Mia morte non vi ha convinti del Mio amore, che cosa vi convincerà? Spesso un’anima Mi ferisce mortalmente e in tal caso nessuno Mi consola. Fanno uso delle Mie grazie per offenderMi. Ci sono delle anime che disprezzano le Mie grazie e tutte le dimostrazioni del Mio amore; non vogliono ascoltare i Miei richiami ma vanno nell’abisso infernale. La perdita di queste anime, Mi procura una tristezza mortale. In questo caso, benché sia Dio, non posso aiutare in nulla l’anima, poiché essa Mi disprezza; essendo libera Mi può disprezzare, oppure Mi può amare. Tu, dispensatrice della Mia Misericordia, parla a tutto il mondo della Mia bontà e così conforterai il Mio Cuore. Molte più cose ti dirò, quando parlerai con Me nel profondo del tuo cuore; lì nessuno può ostacolare la Mia azione, lì riposo come in un orto chiuso». L’interno della mia anima è come un grande e magnifico mondo, in cui abita Iddio insieme a me. All’infuori di Dio nessun altro può accedervi. All’inizio di questa mia vita con Dio, ero oltremodo timorosa e cieca. il Suo bagliore mi aveva accecato e pensavo che Egli non fosse nel mio cuore, eppure erano momenti nei quali Iddio lavorava nella mia anima e l’amore diveniva più puro e più forte ed il Signore portò la mia volontà alla più stretta unione con la Sua santa volontà. Nessuno può comprendere quello che sto vivendo in questo magnifico palazzo della mia anima, dove dimoro continuamente col mio Amato. Nessuna cosa esterna mi ostacola nei rapporti familiari con Dio; anche se usassi i termini più incisivi, questo e questo, non esprimerei nemmeno l’ombra di quello che prova la mia anima inebriata di felicità e d’amore inesprimibile, così grande e puro, quale è la sorgente dalla quale proviene, cioè Dio stesso. L’anima è totalmente imbevuta di Dio da parte a parte, lo sento fisicamente ed il corpo partecipa a questa gioia; sebbene capiti che le ispirazioni di Dio siano diverse nella stessa anima, tuttavia provengono dalla stessa identica fonte. Una volta vidi Gesù assetato e sul punto di svenire e mi disse: «Ho sete». Quando porsi l’acqua al Signore, la prese ma non bevve e scomparve subito. Era vestito come durante la Passione. “Quando rifletti su quello che ti dico nel profondo del cuore, ne ricavi un vantaggio maggiore di quello che avresti leggendo molti libri. Oh! se le anime volessero ascoltare la Mia voce, quando parlo nel profondo dei loro cuori, in breve tempo giungerebbero al massimo della santità”.

8.01.1936

Quando andai dall’Arcivescovo e gli dissi che Gesù voleva da me che pregassi per impetrare la Misericordia divina per il mondo e che sorgesse una congregazione che impetrasse la Misericordia divina per il mondo e lo pregai perché mi concedesse l’autorizzazione per tutto quello che Gesù voleva da me, l’Arcivescovo mi disse queste parole: «Per quanto riguarda le preghiere, sorella, l’autorizzo, anzi l’esorto a pregare il più possibile per il mondo e ad impetrare per esso la Misericordia di Dio, poiché tutti abbiamo bisogno di Misericordia e certamente anche il confessore non le impedisce di pregare secondo questa intenzione. Per quanto riguarda questa congregazione attenda, sorella, che le cose si dispongano un po’ più favorevolmente. Questa faccenda per sé è buona, ma non bisogna affrettarsi; se è volontà di Dio, un po’ prima o un po’ dopo si farà. Per qual motivo non dovrebbe esserci? Dopotutto ci sono tante diverse congregazioni, quindi anche questa sorgerà, se Dio lo vuole. La prego di stare pienamente tranquilla; il Signore può tutto. Procuri di stare strettamente unita a Dio e stia di buon animo». Queste parole mi procurarono una grande gioia. Dopo che avevo lasciato l’Arcivescovo, udii nell’anima queste parole: «Per confermare il tuo spirito parlo attraverso i Miei rappresentanti, in conformità di quello che esigo da te, ma sappi che non sarà sempre così. Ti contrasteranno in molte cose e per questo si manifesterà in te la Mia grazia e che questa faccenda è Mia, ma tu non aver paura di nulla, Io sono sempre con te. Sappi ancora questo, figlia Mia, che tutte le creature, sia che lo sappiano, sia che non lo sappiano, sia che vogliano, sia che non vogliano, fanno sempre la Mia volontà». Una volta vidi all’improvviso Gesù che aveva un aspetto di grande Maestà e mi disse queste parole: «Figlia Mia, se vuoi creo in questo momento un nuovo mondo più bello di questo e passerai in esso il resto dei tuoi giorni». Risposi: «Non voglio nessun mondo, io voglio Te, Gesù, voglio amarTi con lo stesso amore col quale Tu ami me, di una cosa Ti supplico, rendi il mio cuore capace di amarTi. Mi stupisco molto, Gesù mio, che Tu mi abbia fatto una simile domanda, infatti che ne farei di questi mondi, anche se me ne offrissi mille? Che profitto ne avrei? Tu sai bene, Gesù, che il mio cuore muore di nostalgia per Te; tutto quello che è al di fuori di Te, per me è nulla». In quel preciso momento non vidi più nulla, ma una forza strana avvolse la mia anima ed un fuoco misterioso si accese nel mio cuore ed entrai in una specie di agonia per Lui ed inaspettatamente udii queste parole: «Con nessun’anima mi unisco, così intimamente e in questo modo, come con te, e questo per la profonda umiltà e l’amore ardente che hai per Me». Una volta udii nell’anima queste parole: «Ho presente ogni palpito del tuo cuore; sappi, figlia Mia, che un solo tuo sguardo verso qualcun altro, Mi ferirebbe più di molti peccati commessi da un’altra anima». L’amore scaccia la paura dall’anima. Da quando ho cominciato ad amare Iddio con tutto il mio essere, con tutta la forza del mio cuore, da quel momento è scomparsa la paura e, benché mi si parli in qualunque modo della Sua giustizia, non ho alcun timore di Lui, perché L’ho conosciuto bene. Dio è amore ed il Suo Spirito è la pace. Ed ora vedo che le mie azioni scaturite dall’amore, sono più perfette delle azioni che ho compiuto per timore. Ho posto la mia fiducia in Dio e non temo nulla, mi affido completamente alla Sua santa volontà, faccia di me quello che vuole, io in ogni caso Lo amerò sempre. Quando mi accosto alla santa Comunione, prego e supplico il Salvatore di voler frenare la mia lingua, affinché non offenda mai l’amore del prossimo. O Gesù, Tu sai quanto io desideri ardentemente nascondermi, affinché nessuno mi conosca, eccetto il Tuo dolcissimo Cuore. Desidero essere una modesta violetta nascosta tra l’erba, sconosciuta in un magnifico giardino recintato, dove crescono magnifiche rose e gigli. La bella rosa e lo stupendo giglio si vedono da lontano, ma per vedere la piccola violetta bisogna abbassarsi molto, solo il profumo la fa scoprire. Oh, come sono contenta di potermi nascondere così! O mio Sposo Divino, il fiore del mio cuore ed il profumo del mio amore puro sono per Te. La mia anima è immersa in Te, o Dio eterno. Dal momento in cui Tu stesso mi hai attratto verso di Te, o mio Gesù, più Ti conosco più ardentemente Ti desidero. Ho appreso nel cuore di Gesù che in paradiso, per le anime elette, c’è un paradiso a parte dove non possono entrare tutti, ma solo le anime elette. Una felicità inconcepibile nella quale sarà immersa l’anima. O Dio mio, non riesco proprio a descrivere questo nemmeno in minima parte. Le anime sono imbevute della Sua Divinità, passano da bagliore a bagliore in una luce immutabile, ma mai monotona, sempre nuova, ma che non cambia mai. O SS.ma Trinità, fatti conoscere alle anime! O mio Gesù, non c’è nulla di meglio per un’anima delle umiliazioni. Nel disprezzo c’è il segreto della felicità, quando l’anima viene a conoscere che è una nullità, la miseria personificata e che tutto quello che ha di buono in sé, è esclusivamente dono di Dio. Quando l’anima si avvede che tutto quello che ha in sé le è stato dato gratuitamente e che di suo c’è solo la miseria, questo la mantiene continuamente umile davanti alla Maestà di Dio e Dio, vedendo l’anima in tale disposizione, l’insegue con le Sue grazie. Quando l’anima si sprofonda nell’abisso della sua miseria, Dio fa uso della Sua onnipotenza per innalzarla. Se c’è sulla terra un anima veramente felice, questa è soltanto un’anima veramente umile. All’inizio l’amor proprio soffre molto per questo motivo, ma Iddio, dopo che l’anima ha affrontato valorosamente ripetuti combattimenti, le elargisce molta luce, con la quale essa viene a conoscere quanto tutto sia misero e pieno di illusioni. Nel suo cuore c’è soltanto Iddio. Un’anima umile non ha fiducia in se stessa, ma pone la sua fiducia in Dio. Dio difende l’anima umile e Lui stesso s’introduce nelle sue cose segrete ed è allora che l’anima esperimenta la più grande felicità, che nessuno può comprendere. Una volta di sera venne da me una delle Suore defunte, che in precedenza era già stata da me alcune volte. Quando l’avevo vista la prima volta era in uno stato di grande sofferenza, poi man mano venne in condizioni di sempre minor sofferenza e quella sera la vidi splendente di felicità e mi disse che era già in paradiso. Mi disse inoltre che Dio aveva provato con quella tribolazione questa casa, poiché la Madre Generale aveva dubitato non prestando fede a quello che avevo detto di quest’anima. Ma adesso, in segno che solo ora è in paradiso, Iddio benedirà questa casa. Poi mi si avvicinò e mi abbracciò affettuosamente e disse: « Ora debbo andare ». Compresi quanto è stretto il legame che intercorre fra queste tre tappe della vita delle anime, cioè fra la terra, il purgatorio e il paradiso. Ho notato parecchie volte che Dio ha sottoposto a prove delle persone per il fatto che, come mi dice, non Gli piace l’incredulità. Una volta quando notai che Dio stava per provare un certo arciprete, che era mal disposto e non credeva a questa causa, ne fui addolorata e pregai Dio per lui ed il Signore gli alleviò le sofferenze. A Dio dispiace molto la diffidenza verso di Lui e per tale motivo alcune anime perdono molte grazie. La diffidenza di un’anima ferisce il Suo dolcissimo Cuore, che è pieno di bontà e di amore inesprimibile per noi. C’è una grande differenza col dovere del sacerdote, che talvolta non deve credere per poter accertare a fondo la veridicità dei doni o quelle grazie in una data anima; e quando lo fa per poter convincere meglio un anima e condurla ad una più profonda unione con Dio, ne avrà una grande, incalcolabile ricompensa. Ma non dare alcun peso e diffidare delle grazie di Dio in un’anima, per il solo fatto che non si riesce a sviscerarle ed a comprenderle col proprio cervello, questo non piace al Signore. Ho una gran pena per quelle anime che si imbattono in sacerdoti inesperti. Una volta un sacerdote mi chiese di pregare secondo la sua intenzione; promisi di pregare e chiesi una mortificazione. Quando ottenni il permesso per una certa mortificazione, mi sentii spinta nell’anima a cedere a quel sacerdote per quel giorno tutte le grazie che la bontà di Dio mi aveva destinate. E pregai Gesù che si degnasse di mandare a me tutte le sofferenze e le tribolazioni esteriori ed interiori che quel sacerdote doveva soffrire quel giorno. Iddio accolse in parte questo mio desiderio e subito, non si sa come, cominciarono a venir fuori varie difficoltà e contrarietà, a tal punto che una delle Suore disse ad alta voce queste parole: « Il Signore deve entrarci in qualche modo in questa faccenda, poiché tutti ce l’hanno contro Suor Faustina ». I fatti riportati erano talmente infondati, che alcune suore li sostenevano ed altre li negavano ed io in silenzio li offrivo per quel sacerdote. Ma non finì qui; provai sofferenze interiori. Dapprima fui presa da un’indisposizione e da un’avversione verso le suore, poi uno strano dubbio cominciò a tormentarmi e non riuscii a concentrarmi per la preghiera, mentre varie questioni mi frullavano in testa dandomi preoccupazioni. Quando, vinta dalla stanchezza, entrai in cappella, un dolore misterioso compresse la mia anima e cominciai a piangere silenziosamente. Ad un tratto udii nell’anima questa voce: «Figlia Mia, perché piangi? Dopotutto ti sei offerta da sola per questa sofferenza. Sappi che quello che tu hai ricevuto per quell’anima, è una parte molto piccola. Egli soffre ancora di più». E chiesi al Signore perché si comportasse a questo modo con lui. Ed il Signore mi rispose che lo faceva per la triplice corona che gli era stata destinata: della verginità, del sacerdozio e del martirio. E subito la gioia invase la mia anima, al pensiero della grande gloria che avrebbe ottenuto in paradiso. Allora recitai il Te Deum per questa particolare grazia di Dio, cioè per aver appreso che Iddio si comporta così con coloro che intende avere vicino a Sé. E pertanto sono niente tutte le sofferenze, in confronto a quello che ci attende in paradiso. Un giorno, dopo la nostra santa Messa, all’improvviso vidi il mio confessore che stava celebrando la santa Messa nella chiesa di San Michele, davanti all’immagine della Madonna. Era l’offertorio della santa Messa e vidi il Bambino Gesù che si stringeva a lui, come se fosse fuggito davanti a qualcuno e cercasse rifugio presso di lui. Tuttavia, quando giunse il tempo della santa Comunione, scomparve come al solito. Ad un tratto vidi la Madre SS.ma che Lo copri col suo manto e disse: «Coraggio, Figlio mio, coraggio, Figlio mio», e disse ancora qualche cosa che non mi riuscì di sentire. Oh! come desidero ardentemente che ogni anima esalti la Tua Misericordia. Felice l’anima che invoca la Misericordia del Signore! Proverà quello che il Signore ha detto e cioè che la difenderà come Sua gloria. E chi oserà combattere contro Dio? Ogni anima esalti la Misericordia del Signore con la fiducia nella Sua Misericordia, per tutta la vita, e specialmente nell’ora della morte. Anima cara, non aver paura di nulla, chiunque tu sia; quanto più grande è il peccatore, tanto maggiore è il diritto che ha alla Tua Misericordia, o Signore. O bontà incomprensibile, Iddio per primo si abbassa verso il peccatore. O Gesù, desidero esaltare la Tua Misericordia per migliaia di anime. So bene, o Gesù mio, che debbo parlare alle anime della Tua bontà, della Tua inesprimibile Misericordia. Una volta che una certa persona mi aveva chiesto di pregare per lei, quando m’incontrai col Signore, Gli dissi queste parole: «Gesù, io amo in modo particolare le anime che ami Tu». E Gesù mi rispose con queste parole: «Ed io concedo grazie particolari a quelle anime, per le quali tu intervieni presso di Me». Gesù mi difende in modo misterioso, questa è veramente una grande grazia di Dio, che sto sperimentando da parecchio tempo. Una volta che si era ammalata gravemente, tanto che ne mori, una delle Suore e si era riunita tutta la Comunità, e c’era anche il sacerdote che diede l’assoluzione all’inferma, vidi all’improvviso una moltitudine di spiriti delle tenebre. In quel momento, dimenticandomi che ero in compagnia delle Suore, presi l’aspersorio e li spruzzai con acqua benedetta e scomparvero subito. Ma quando le Suore giunsero in refettorio, la Madre Superiora mi fece notare che non avrei dovuto aspergere l’ammalata in presenza del sacerdote, al quale appartiene tale funzione. Accettai l’ammonizione in spirito di penitenza, ma so per esperienza che l’acqua benedetta reca un grande sollievo al moribondi. Mio Gesù, Tu vedi quanto sono debole da sola, perciò dirigi Tu stesso tutte le mie questioni. Sappi, o Gesù, che io senza di Te non m’accosto nemmeno ad un problema, ma con Te affronto le cose più difficili.

29.01.1936

La sera, quando ero nella cella, ad un tratto vidi una grande luce e in alto in quella luce una grande croce grigio scura ed all’improvviso venni attratta vicino alla croce e l’osservai attentamente, ma non capii nulla e pregavo per comprendere cosa volesse significare. Improvvisamente vidi Gesù e scomparve la croce. Gesù era seduto su una grande luce, i suoi piedi e le gambe fino alle ginocchia erano immersi in quella luce in modo tale che io non li vedevo. Gesù si piegò verso di me, mi guardò amabilmente e mi parlò della volontà del Padre Celeste. Mi disse che «l’anima più perfetta e santa è quella che fa la volontà del Padre Mio, ma tali anime sono poche». Guarda con un amore particolare l’anima che vive secondo la Sua volontà. E Gesù mi disse che io adempio la volontà di Dio in modo perfetto, cioè perfettamente e disse: «Per questo Mi unisco a te in modo così particolare e intimo e tratto familiarmente con te». Iddio avvolge col Suo indicibile amore l’anima che vive secondo la Sua volontà. Compresi quanto sia grande l’amore di Dio per noi, quanto Egli sia semplice benché incomprensibile, quanto sia facile trattare con Lui, benché la Sua Maestà sia così grande. Con nessuno ho tale facilità di rapporto e tale libertà, come con Lui; neppure una madre naturale con un figlio sinceramente affezionato si comprendono così, come l’anima mia con Dio. Mentre ero in questa unione col Signore, ho visto due persone e non mi fu nascosto il loro intimo; è triste lo stato di queste anime, ma ho fiducia che anche loro finiranno col glorificare la divina Misericordia. Nello stesso momento vidi anche una certa persona ed in parte lo stato della sua anima e le grandi prove che Iddio manda a quest’anima. Tali sofferenze riguardavano la sua mente, ed in una forma così acuta, che ne provai dispiacere e dissi al Signore: « Perché agisci così con lui? ». Ed il Signore mi rispose: «Per la sua triplice corona». Ed il Signore mi fece anche conoscere quale ineffabile gloria attende l’anima che è simile a Gesù sofferente su questa terra. Tale anima sarà simile a Gesù anche nella gloria. Il Padre Celeste onora e stima le nostre anime in quanto vede in noi la somiglianza col Figlio Suo. Compresi che tale somiglianza a Gesù ci viene data qui, sulla terra. Vedo delle anime pure ed innocenti, sulle quali Iddio esercita la Sua giustizia e queste anime sono le vittime che sostengono il mondo e completano ciò che è mancato alla Passione di Gesù. Di queste anime non ce ne sono molte. Sono enormemente felice che Iddio mi abbia concesso di conoscere simili anime. O Santissima Trinità, o Dio Eterno, Ti ringrazio per avermi fatto conoscere la grandezza e la differenza dei gradi di gloria che dividono le anime. Oh, che grande differenza c’è fra un grado di più profonda conoscenza di Dio! Oh, se le anime potessero saperlo! O mio Dio, se potessi conquistarne uno in più, sopporterei volentieri tutti i tormenti che hanno patito i martiri tutti insieme. Per la verità tutti questi tormenti mi sembrano nulla in confronto alla gloria che ci attende per tutta l’eternità. O Signore, immergi la mia anima nell’oceano della Tua Divinità e fammi la grazia di conoscerTi, poiché più Ti conosco, più ardentemente Ti desidero ed il mio amore per Te si rafforza. Sento nella mia anima una voragine insondabile, che soltanto Dio può colmare. Mi sciolgo in Lui come una goccia nell’oceano. Il Signore si è abbassato sulla mia miseria, come un raggio di sole su di una terra arida e sassosa. E tuttavia sotto l’influsso dei Suoi raggi la mia anima si è ricoperta di verde, di fiori e di frutti ed è divenuta un bel giardino per il Suo riposo. O mio Gesù, nonostante le Tue grazie, sento e vedo tutta la mia miseria. Comincio la giornata lottando e la termino lottando, appena rimuovo una difficoltà, al suo posto ne sorgono dieci da superare, ma non m’affliggo per questo, poiché so bene che questo è il tempo della lotta non della pace. Quando l’asprezza della battaglia supera le mie forze, mi getto come una bimba nelle braccia del Padre Celeste ed ho fiducia che non perirò. O mio Gesù, sono tanto propensa al male e questo mi costringe ad una vigilanza continua su di me, ma nulla mi scoraggia, ho fiducia nella grazia di Dio, che abbonda dov’è la più grande miseria. Fra le più grandi difficoltà e contrarietà non perdo la serenità interiore, né all’esterno l’equilibrio e questo scoraggia gli avversari. La pazienza nelle contrarietà rafforza l’anima.

2.02.1936

Fin da quando mi svegliai la mattina al suono della campanella, s’impadronì di me una tale sonnolenza che, non riuscendo a svegliarmi del tutto, ricorsi all’acqua fredda e dopo due minuti la sonnolenza se ne andò. Quando giunsi alla meditazione, mi si affollò nella mente tutto un groviglio di pensieri insensati che mi fecero combattere per tutto il tempo della meditazione. Lo stesso avvenne durante le preghiere, ma quando usci la santa Messa nella mia anima stranamente regnò la quiete e la gioia. Ad un tratto vidi la Vergine SS.ma col Bambino Gesù ed il Nonno Santo,che era dietro la Madonna. La Madre Santissima mi disse: «Eccoti il Tesoro più prezioso». E mi diede il Bambino Gesù. Appena presi il Bambino fra le braccia, scomparvero la Madonna e San Giuseppe e rimasi sola col Bambino Gesù. Gli dissi: « Io so che Tu sei il mio Signore e Creatore, benché sia così piccolo ». Gesù allungò le Sue braccine e mi guardò sorridendo. Il mio spirito era colmo di una gioia incomparabile. Gesù scomparve all’improvviso e la santa Messa era giunta al momento di accostarsi alla santa Comunione. Andai subito assieme alle suore a prendere la santa Comunione con l’anima ripiena della Sua presenza. Dopo la santa Comunione sentii nel mio intimo queste parole: «Io sono nel tuo cuore quello Stesso che hai tenuto in braccio». Allora pregai il Signore per una certa anima, affinché le concedesse la grazia per la lotta e le togliesse quella prova. «Come chiedi, così sarà fatto, ma il suo merito non diminuirà». Grande fu la gioia della mia anima vedendo quanto Dio è buono e misericordioso; Dio dà tutto quello che Gli chiediamo con fiducia. Dopo ogni colloquio col Signore, la mia anima viene singolarmente rafforzata, una quiete profonda regna nella mia anima e mi rende talmente coraggiosa, che non temo nulla al mondo; ho un solo timore, quello di rattristare Gesù. O Gesù mio, Ti supplico per la bontà del Tuo dolcissimo Cuore, si calmi il Tuo sdegno e mostraci la Tua Misericordia. Le Tue Piaghe siano il nostro scudo di fronte alla giustizia del Padre Tuo. Ti ho riconosciuto, o Dio, come sorgente di Misericordia, con cui si ravviva e si nutre ogni anima. Oh, quanto è grande la Misericordia del Signore, al di sopra di tutti i suoi attributi! La Misericordia è il più grande attributo di Dio; tutto ciò che mi circonda mi parla di questo. La Misericordia è la vita delle anime, la Sua compassione è inesauribile, O Signore, guarda verso di noi, comportaTi con noi secondo la Tua sconfinata pietà, secondo la Tua grande Misericordia. Una volta ebbi il dubbio che una cosa che m’era capitata avesse offeso gravemente Gesù. Siccome non ero in grado di rendermene conto, decisi di non accostarmi alla santa Comunione finché non mi fossi confessata, sebbene avessi immediatamente espresso il mio dolore per l’accaduto. Ho infatti l’abitudine di manifestare il mio dolore dopo ogni minima mancanza. Nei giorni in cui non mi accostai alla santa Comunione non avvertii la presenza di Dio, soffrii indicibilmente per questo motivo, ma lo sopportai come punizione per il peccato. Quando mi confessai, ricevetti un rimprovero, avrei potuto accostarmi alla santa Comunione, dato che quello che mi era capitato non era un impedimento a riceverla. Dopo la confessione, mi comunicai e tutto ad un tratto vidi Gesù che mi disse queste parole: «Sappi, figlia Mia, che per non esserti unita a Me nella santa Comunione, Mi hai procurato un dispiacere maggiore di quella piccola mancanza». Un giorno vidi una cappella e in essa sei suore che stavano accostandosi alla santa Comunione, amministrata dal nostro confessore, che era vestito con cotta e stola. In quella cappella non c’erano addobbi, né inginocchiatoi. Dopo la santa Comunione vidi Gesù nell’aspetto che ha nell’immagine. Gesù passò oltre e io Lo chiamai: «Come puoi, Signore, passare e non dir nulla? Io non faccio nulla senza di Te, devi rimanere con me e benedire me, questa Congregazione e la mia Patria ». Gesù fece un segno di croce e disse: «Non aver paura di nulla, Io sono sempre con te». Negli ultimi due giorni, prima della Quaresima, avemmo un’ora di adorazione riparatrice assieme alle educande. Durante entrambe le ore vidi Gesù nell’aspetto che ha dopo la flagellazione e fui colpita da un dolore così acuto, che mi sembrava di provare nel corpo e nell’anima tutti quei tormenti.

1.03.1936

In questo giorno, durante la santa Messa, si è impossessata di me una forza misteriosa ed una smania che mi sollecita a dare inizio all’esecuzione dei desideri di Dio. Inoltre mi è stata data una comprensione così limpida delle cose che il Signore vuole da me, che per la verità se mi giustificassi dicendo che non capisco qualche cosa di quello che esige da me il Signore, mentirei. Il Signore infatti mi ha fatto conoscere la Sua volontà in maniera evidente e chiara e non ho per questo un’ombra di dubbio. Ed ho capito che sarebbe la più grande ingratitudine rimandare ancora questa questione, che il Signore vuole concludere per la Sua gloria e per il bene di un gran numero di anime, e si serve di me come di un povero strumento, per mezzo del quale deve realizzare il Suo eterno disegno di Misericordia. In verità sarebbe veramente ingrata la mia anima, se si opponesse più a lungo alla volontà di Dio. Ormai più nulla mi trattiene da ciò, né la persecuzione, né le sofferenze, né gli scherni, né le minacce, né le suppliche, né la fame, né il freddo, né le lusinghe, né le amicizie, né le contrarietà, né gli amici, né i nemici, né le cose che sto vivendo ora, né quelle che verranno, né l’odio dell’inferno. Nulla mi può impedire di compiere la volontà di Dio. Non faccio affidamento sulle mie forze, ma sulla Sua onnipotenza, poiché se mi ha fatto la grazia di conoscere la Sua santa volontà, mi concederà anche la grazia di poterla compiere. Non posso tralasciare di dire quanto si opponga a questa mia aspirazione la mia propria bassa natura, che avanza le sue pretese e provoca talvolta una lotta così accanita nella mia anima che, come Gesù nell’Orto degli Ulivi, così anch’io grido all’Eterno Padre: « Se è possibile, passi da me questo calice; tuttavia non quello che io voglio, ma quello che vuoi Tu, Signore. Sia fatta la Tua volontà ». Non è tutto segreto per me quello che dovrò passare, ma, con piena consapevolezza, accetto tutto quello che mi manderai, o Signore. Ho fiducia in Te, o Dio misericordioso e desidero mostrare io per prima, quella fiducia che esigi dalle anime. O Verità eterna, aiutami ed illuminami lungo le strade della vita e fa’ che si adempia in me la Tua volontà. Non desidero nulla, solo fare la Tua volontà, o mio Dio; non importa se mi sarà facile o mi sarà difficile. Sento che una forza misteriosa mi spinge ad agire; una sola cosa mi trattiene, la santa obbedienza. O mio Gesù, mi sproni e dall’altra parte mi reggi e mi freni. O Gesù mio, anche in questo sia fatta la Tua volontà. In una situazione simile durai per alcuni giorni ininterrottamente, le forze fisiche cominciarono a venirmi meno. Benché non avessi detto nulla di ciò a nessuno, tuttavia quando la Madre Superiora notò la mia sofferenza, disse: « Ho notato che lei, sorella, è cambiata e molto pallida ». E mi raccomandò di andare a riposare prima e di riposare più a lungo ed ordinò che la sera mi portassero una tazza di latte caldo. Il suo cuore premuroso e veramente materno avrebbe voluto aiutarmi, però le cose esterne non influiscono sulle sofferenze dello spirito e non procurano molto sollievo. Nel confessionale attinsi forza e consolazione venendo a sapere che ormai non avrei atteso a lungo per intraprendere l’azione. Giovedì, quando andai nella cella, vidi sopra di me un’Ostia sacra in una grande luce. All’improvviso udii una voce, che mi sembrava uscisse da sopra l’Ostia: «In Essa sta la tua forza: Essa ti difenderà». Dopo queste parole la visione scomparve, ma una forza misteriosa entrò nella mia anima ed una strana luce mi fece conoscere in che consiste il nostro amore verso Dio, e cioè nel fare la Sua volontà. O Santissima Trinità, o Dio eterno, desidero risplendere nella corona della Tua Misericordia, come una minuscola pietra, la cui bellezza dipende dalla luce del Tuo raggio e della Tua inimmaginabile Misericordia. Tutto ciò che c’è di bello nella mia anima, è Tuo, o Dio, io, per quanto ho di mio, sono sempre una nullità. All’inizio della Quaresima chiesi al mio confessore di assegnarmi una mortificazione per quel periodo ed ottenni quella di non ridurmi le vivande, ma di meditare durante i pasti sul fatto che Gesù in croce accettò aceto misto a fiele. « Questa sarà la mortificazione ». Non pensavo che ne avrei ritrovato un così grande vantaggio per la mia anima. Il vantaggio consiste nel fatto che medito continuamente sulla Sua dolorosa Passione e quando prendo i pasti, non distinguo quello che mangio, ma sono occupata a pensare alla morte del mio Signore. All’inizio della Quaresima chiesi anche che mi venisse cambiato l’esame particolare di coscienza ed ottenni questo: di compiere quello che faccio con la pura intenzione di riparare per i peccatori. Ciò mi mantiene in una continua unione con Dio e questa intenzione perfeziona le mie azioni, poiché tutto quello che faccio, lo faccio per le anime immortali. Tutte le pene e tutte le fatiche sono nulla, quando penso che servono a ricondurre a Dio delle anime di peccatori. Maria è la mia Maestra, che m’insegna sempre come vivere per Iddio. O Maria, il mio spirito s’illumina nella Tua mitezza e umiltà. Una volta che entrai in cappella per cinque minuti di adorazione e pregai per una certa persona, compresi che non sempre Dio accerta le nostre preghiere per quelle anime per le quali noi preghiamo, ma le destina per altre anime e non portiamo loro sollievo nelle pene che soffrono nel fuoco del purgatorio. La nostra preghiera però non va perduta. il rapporto confidenziale dell’anima con Dio. Iddio si avvicina all’anima in una maniera particolare, nota solo a Dio e all’anima. Nessuno si accorge di questa unione misteriosa; in questa unione primeggia l’amore e solo l’amore fa tutto. Gesù si dà all’anima in un modo soave, dolce, e nel Suo profondo c’è la quiete. Gesù le concede molte grazie e la rende capace di condividere i suoi pensieri eterni e talvolta rivela all’anima i suoi divini intendimenti. Quando il Padre Andrasz mi disse che sarebbe bene che nella Chiesa di Dio ci fosse un gruppo di anime che impetrassero la divina Misericordia, poiché in verità noi tutti abbiamo bisogno di questa Misericordia, dopo queste sue parole, una luce singolare penetrò nella mia anima. Oh, quanto è buono il Signore!

18.03.1936

Una volta chiesi a Gesù che cominciasse Lui stesso a fare il primo passo con qualche cambiamento, o con qualche fatto esterno, o che mi dimettessero, poiché io di mia iniziativa non sono in grado di abbandonare questa Congregazione ed in questo stato d’animo agonizzai per più di tre ore. Non riuscivo a pregare, ma sottomisi la mia volontà alla volontà di Dio. La mattina del giorno dopo la Madre Superiora mi disse: « Sorella, la Madre Generale la trasferisce a Varsavia ». Risposi alla Madre che forse non sarei andata, ma sarei uscita di li subito. Pensavo che quello fosse il segno esterno, per il quale avevo pregato Dio. La Madre Superiora non rispose a ciò, ma dopo un momento mi chiamò di nuovo e disse: « Sa una cosa, sorella? Lei intanto vada, non badi al viaggio sprecato, anche se dovesse ritornare indietro subito ». Risposi: « Va bene, andrò », quantunque il dolore mi lacerasse l’anima, poiché sapevo che, a causa di quella partenza, la questione sarebbe stata rinviata; nonostante tutto però, cerco sempre di essere obbediente. Verso sera, mentre pregavo, la Madonna mi disse: «La vostra vita deve essere simile alla Mia vita: silenziosa e nascosta; essere unite incessantemente a Dio e pregare per l’umanità e preparare il mondo per la seconda venuta di Dio». Verso sera, durante la benedizione, la mia anima per un momento fu in contatto diretto con Dio Padre, sentii che ero fra le Sue braccia come una bimba e udii nel mio intimo queste parole: «Non temere nulla, figlia Mia, tutti gli avversari andranno in frantumi ai Miei piedi». Dopo queste parole entrarono nella mia anima una profondissima quiete ed uno stupendo silenzio interiore. Quando mi lamentai col Signore, perché mi toglieva quell’aiuto e sarei rimasta di nuovo sola e non avrei saputo come andare avanti, udii queste parole: «Non temere, io sono sempre con Te». Dopo tali parole di nuovo una pace profonda entrò nella mia anima. La Sua presenza mi penetrò da una parte all’altra in modo sensibile. il mio spirito fu inondato di luce ed anche il corpo vi partecipò. La sera dell’ultimo giorno, in cui dovevo partire da Wilno, una suora già avanti negli anni, mi svelò lo stato della sua anima. Mi disse che soffriva interiormente già da un paio d’anni, che le sembrava che tutte le sue confessioni fossero state fatte male e che non era sicura che Gesù le aveva perdonato. Le chiesi se ne avesse parlato qualche volta al confessore. Mi rispose che già parecchie volte ne aveva parlato al confessore. « E i confessori mi dicono sempre di state tranquilla, io però soffro molto e nulla mi dà sollievo e mi sembra sempre che Dio non mi abbia perdonato ». Le risposi: « Lei, sorella, obbedisca al confessore e stia pienamente tranquilla, poiché si tratta certamente di una tentazione ». Ma essa con le lacrime agli occhi supplicò che chiedessi a Gesù se le aveva perdonato e se le sue confessioni erano state buone. Le risposi energicamente: « Lo chieda lei stessa, sorella, se non crede ai confessori ». Essa però mi prese per una mano e non voleva lasciarmi se prima non le avessi detto che avrei pregato per lei e le avessi riferito ciò che m’avrebbe detto di lei Gesù. E continuava a piangere amaramente e non intendeva lasciare la presa e mi disse: « Sorella, io so che Gesù le parla ». E non potendo liberarmi da lei, poiché m’aveva afferrato per le mani, le promisi che avrei pregato per lei. Verso sera, durante la benedizione, udii nell’anima queste parole: «Dille che la sua diffidenza ferisce il Mio Cuore più dei peccati che ha commesso». Quando lo riferii a lei, si mise a piangere come una bambina ed una grande gioia entrò nella sua anima. Compresi che Dio desiderava consolare quell’anima per mio mezzo e perciò, benché la cosa mi costasse molto, appagai il desiderio di Dio. Quando entrai un momento in cappella quella stessa sera, per ringraziare Iddio per tutte le grazie che mi aveva concesso in quella casa, all’improvviso la presenza di Dio s’impadronì di me. Mi sentii come una bambina nelle mani del migliore dei padri ed udii queste parole: «Non aver paura di nulla; Io sono sempre con te». Il suo amore mi penetrò da parte a parte e sentii che entravo con Lui in una familiarità così intima, che non ho parole per esprimerla. Improvvisamente vidi accanto a me uno dei sette spiriti in aspetto luminoso, raggiante come l’avevo visto in precedenza continuamente vicino a me quando andavo in treno. Vidi che su ogni chiesa, che si scorgeva passando, c’era un Angelo ma in uno splendore più tenue di quello dello spirito che mi accompagnava nel viaggio. Ed ognuno degli spiriti che custodivano i sacri edifici s’inchinava allo spirito che era accanto a me.

A Varsavia, appena entrai nella portineria del convento, lo spirito spari. Ringraziai Dio per la Sua bontà, dato che ci dà degli angeli per compagni. Oh, quanto poco la gente pensa a questo, che ha sempre presso di sé un tale ospite e nello stesso tempo un testimone di tutto! Peccatori, ricordate che avete un testimonio delle vostre azioni! O mio Gesù, la Tua bontà supera ogni intelligenza e nessuno esaurirà mai la Tua Misericordia. Perdizione per l’anima che vuole perdersi, poiché per chi desidera salvarsi, per lui c’è il mare inesauribile della Misericordia del Signore. Come può un piccolo recipiente contenere in sé un mare insondabile? Quando mi accomiatai dalle suore e stavo già per partire, una delle suore si scusò molto con me, per avermi aiutato così poco nell’impegno che avevo, e non solo per non avermi aiutato, ma perché aveva sempre cercato di rendermelo difficoltoso. Io però dentro di me l’avevo considerata una grande benefattrice, perché mi esercitava nella pazienza. Mi esercitava a tal punto che una delle suore anziane si era espressa così: « Suor Faustina, o è stupida, o è santa, poiché, a dir la verità, una persona normale non sopporterebbe che qualcuno le faccia dispetti in continuazione ». Io d’altronde mi ero sempre avvicinata a lei con cortesia. Quella suora si era talmente ostinata a mettermi i bastoni fra le ruote nel mio lavoro che, nonostante il mio impegno, era riuscita talvolta a guastare qualcosa di ciò che era stato fatto bene, come mi confessò essa stessa accomiatandosi e chiedendomi molte scuse. Non volli entrare nel merito delle sue intenzioni, ma presi la cosa come una prova di Dio... Rimango enormemente stupita, per il fatto che si possa avere un ‘invidia tanto grande. Io vedendo il bene di qualcuno, me ne rallegro come se lo possedessi io stessa; la gioia degli altri è la mia gioia, e la sofferenza degli altri è la mia sofferenza, poiché se fosse diversamente non oserei aver rapporti con Gesù. Lo spirito di Gesù è sempre semplice, mite, sincero; ogni malignità, invidia, ogni mancanza di benevolenza occultata sotto un sorriso di compiacenza, è un diavoletto malizioso. Una parola dura, ma che provenga da un amore sincero, non ferisce il cuore.

22.03.1936

Arrivata a Varsavia, entrai un momento nella piccola cappellina a ringraziare il Signore per aver fatto un buon viaggio. Inoltre Lo pregai di concedermi l’aiuto e le grazie per tutto ciò che qui mi attendeva, affidandomi in tutto alla Sua santa volontà. Udii queste parole: «Non temere nulla, tutti gli ostacoli servono a far realizzare la Mia volontà». Il 23 marzo. La mattina, durante la meditazione, m’investì la presenza di Dio in maniera particolare, mentre riflettevo sulla grandezza incommensurabile di Dio e nello stesso tempo sul Suo abbassarsi fino ad una creatura. Ad un tratto vidi la Madonna che mi disse: «Oh, quanto è cara a Dio l’anima che segue fedelmente l’ispirazione della Sua grazia! Io ho dato al mondo il Salvatore e tu devi parlare al mondo della Sua grande Misericordia e preparare il mondo alla Sua seconda venuta. Egli verrà non come Salvatore misericordioso, ma come Giudice Giusto. Oh, quel giorno sarà tremendo! E’ stato stabilito il giorno della giustizia (cfr. At 17,31), il giorno dell’ira di Dio davanti al quale tremano gli angeli. Parla alle anime di questa grande Misericordia, fino a quando dura il tempo della pietà. Se tu ora taci, in quel giorno tremendo dovrai rispondere di un gran numero di anime. Non aver paura di nulla; sii fedele fino alla fine. Io ti accompagno con la mia tenerezza». Quando giunsi a Walendow, una Suora aiutandomi mi disse: «Adesso che è arrivata qui lei, sorella, le cose andranno tutte bene ». La domandai, e Perché dice questo, sorella? ». Ed essa mi rispose che lo sentiva dentro di sé. Quella cara anima è piena di semplicità e molto amata dal Cuore di Gesù. Effettivamente quella casa era in condizioni di estremo disagio... Non starò qui a ricordare tutto. La confessione. Mentre mi preparavo alla confessione, dissi a Gesù nascosto nei SS.mo Sacramento: « Gesù, Te ne prego, parlami per bocca di questo sacerdote e per me il segno sarà questo: egli naturalmente non sa nulla del fatto che Tu, o Gesù, vuoi da me questa fondazione della Misericordia. Fa’ in modo che mi dica qualche cosa sulla Misericordia ». Quando mi accostai al confessionale e cominciai la confessione, il sacerdote m’interruppe la confessione e cominciò a parlare della grande Misericordia di Dio e lo fece con tale vigore che non m’era mai capitato di sentirlo a quel modo e poi mi chiese: e Lo sa che la Misericordia del Signore è al di sopra di tutte le Sue opere, che è il coronamento delle Sue opere? ». Ed io ascoltai attentamente quelle parole che il Signore mi disse per bocca di quel sacerdote. Benché io creda che sempre in confessionale Iddio parli per bocca del sacerdote, in quel caso però l’ho constatato in modo singolare. Benché non avessi svelato nulla della vita di Dio che c’è nella mia anima, e mi fossi accusata solo delle mancanze commesse, tuttavia quel sacerdote mi disse molto di sua iniziativa di quello che c’è nella mia anima e fra l’altro che ero tenuta ad essere fedele alle ispirazioni di Dio. Mi disse: “Andrà attraverso la vita in compagnia della Madonna, che ha risposto fedelmente ad ogni ispirazione di Dio”. O mio Gesù, chi riuscirà a comprendere la Tua bontà? O Gesù, allontana da me i pensieri che non concordano con la Tua volontà. Riconosco che nulla mi lega più a questa terra, se non quest’opera della Misericordia.

Giovedì. Durante l’adorazione serale, ho visto Gesù flagellato e torturato, che mi ha detto: «Figlia Mia, desidero che fin nelle più piccole cose dipenda dal confessore. I tuoi più grandi sacrifici non Mi piacciono, se li compi senza il permesso del confessore, mentre al contrario il più piccolo sacrificio ha una grande importanza ai Miei occhi, se è fatto col permesso del confessore. Le più grandi opere sono senza importanza ai Miei occhi se sono frutto del proprio arbitrio, e spesso non s’accordano con la Mia volontà e meritano piuttosto un castigo e non un premio; mentre la tua più piccola azione fatta col permesso del confessore, è gradita ai Miei occhi e Mi è immensamente cara. Convinciti bene di questo per sempre. Vigila incessantemente, poiché tutto l’inferno si sta impegnando in tutti modi contro di te, a causa di quest’opera, poiché molte anime si allontaneranno dalla bocca dell’inferno e glorificheranno la Mia Misericordia. Ma non temere nulla, poiché Io sono con te; sappi che da sola non puoi fare nulla». Il primo venerdì del mese, prima della Comunione, vidi una grande pisside piena di Ostie consacrate. Una mano posò quella pisside vicino a me e la presi in mano. In essa c’erano mille Ostie viventi. Ad un tratto udii una voce: «Queste Ostie sono ricevute dalle anime, per le quali hai ottenuto la grazia di una sincera conversione durante questa Quaresima». Ed eravamo ad una settimana prima del Venerdì Santo. Trascorsi quel giorno in un profondo raccoglimento interiore, annientandomi per il bene delle anime. Oh, che gioia annientarsi a vantaggio delle anime immortali! So che il chicco di grano, per diventare alimento, deve essere distrutto e stritolato fra le macine, così anch’io, affinché diventi utile alla Chiesa ed alle anime, devo essere annientata, benché nessuno all’esterno si accorga del mio sacrificio. O Gesù, voglio essere nascosta all’esterno come quest’ostia, nella quale l’occhio non distingue nulla e anch’io sono un’ostia consacrata a Te. La Domenica delle Palme. In questa domenica ho sperimentato in modo particolare i sentimenti del dolcissimo Cuore di Gesù. Il mio spirito era là dov’era Gesù. Ho visto Gesù seduto sull’asinello, e i discepoli ed una grande folla che andava assieme a Gesù tutta festante con dei rami in mano. Ed alcuni li gettavano sotto i piedi dove passava Gesù, ed altri tenevano i rami in alto agitandosi e saltando davanti al Signore e non sapevano che fare dalla gioia. E vidi un’altra folla che usciva incontro a Gesù, anche loro coi volti sorridenti e con rami in mano e gridavano in continuazione dalla gioia e c’erano anche dei bambini piccoli, ma Gesù era molto serio. Ed il Signore mi fece conoscere quanto soffri in quelle circostanze. E in quel momento non vidi nient’altro all’infuori di Gesù che aveva il cuore gonfio per l’ingratitudine. La confessione trimestrale. Il Padre Bukowski. Quando una misteriosa forza interiore mi sollecitò nuovamente, affinché non rinviassi oltre questa causa, non trovando pace, ne parlai al confessore Padre Bukowski, dicendogli che ormai non potevo attendere più a lungo. Il Padre mi rispose: «Sorella, questa è un’illusione, Gesù non può esigere questo, lei ha i voti perpetui, è tutta un’illusione. Lei, sorella, sta inventando qualche eresia ». E gridava contro di me quasi con tutta la voce che aveva. Chiesi se era tutto illusione. Mi rispose: «Tutto ». « E allora come debbo comportarmi d’ora innanzi, la prego di dirmelo ». « Ecco qua, lei, sorella, non deve seguire nessuna ispirazione, deve distrarsi, non badare affatto a quello che udrà nell’anima, cercare di adempiere bene i propri doveri esterni e non pensare per niente a queste cose, vivere in completa distrazione Risposi: « Va bene, poiché finora mi sono regolata secondo la mia coscienza; ma ora, dato che lei mi ordina di non far caso al mio intimo, non lo farò ». E disse: « Se Gesù le dirà di nuovo qualche cosa, la prego di riferirmela, ma lei non deve farla ». Risposi: « Cercherò di essere obbediente ». Non so da dove il Padre abbia preso tanta severità. Quando m’allontanai dal confessionale, tutto un groviglio di pensieri oppresse la mia anima. A che scopo essere sincera? In fin dei conti, quello che ho detto non sono peccati e perciò non ero obbligata a parlarne al confessore. E ancora, com’è bello che non devo più badare al mio intimo, purché vadano bene le cose all’esterno. Ora non ho più bisogno di badare a niente. In realtà fin da ora non dovrò più seguire certe voci interiori, che talvolta mi costano tante umiliazioni. Ma di nuovo un misterioso dolore compresse la mia anima: allora non potrò più trattare familiarmente con Colui al quale anelo così ardentemente? Colui che è tutta la forza della mia anima? Cominciai a gridare: « Da chi andrò, o Gesù? ». Ma dal momento della proibizione del confessore, delle fitte tenebre son cadute sulla mia anima. Ho paura di sentire qualche voce interiore, per non infrangere la proibizione del confessore, d’altra parte agonizzo di nostalgia per Iddio. Il mio intimo è dilaniato, non avendo la mia volontà, ma sono affidata totalmente a Dio. Questo avveniva il Mercoledì Santo, la sofferenza aumentò maggiormente il Giovedì Santo. Quando giunsi alla meditazione, entrai in una specie di agonia, non sentivo la presenza di Dio, ma tutta la giustizia di Dio gravava sopra di me. Mi vidi quasi annientata per i peccati del mondo. Satana cominciò a scherzarmi: « Ecco qua, d’ora in poi non ti interesserai più di anime. Vedi che ricompensa ne hai. Nessuno ti crederà che questo lo vuole Gesù. Guarda come soffri adesso e quello che soffrirai ancora. Dopo tutto, il confessore ti ha liberato fin d’ora da tutto questo ». Adesso posso vivere come mi pare, purché vada bene all’esterno. Questi pensieri terribili mi tormentarono per un’ora intera. Quando s’avvicinò il momento della santa Messa un dolore mi strinse il cuore: io dovrei uscire dalla Congregazione? E dato che il Padre mi ha parlato di eresia, dovrei staccarmi dalla Chiesa? Con voce interiore e dolorosa gridai al Signore: « Gesù, salvami! ». Ma nemmeno un raggio di luce entrò nella mia anima e sentii che le forze mi abbandonavano, come se avvenisse la separazione del corpo dall’anima. Mi sottomisi alla volontà di Dio e ripetei: avvenga di me, o Dio, quello che hai stabilito, ormai in me non c’è più nulla di mio. All’improvviso s’impossessò di me la presenza di Dio e mi penetrò da una parte all’altra fino al midollo delle ossa. Era il momento di accostarsi alla santa Comunione. Un istante dopo la santa Comunione persi la cognizione di tutto ciò che mi circondava e del luogo dove mi trovavo. Ad un tratto vidi Gesù, così come è dipinto nell’immagine, che mi disse: «Dì al confessore che quest’opera è Mia e Mi servo di te come di un misero strumento». E dissi: « Gesù, io non posso far nulla di quello che mi ordini, poiché il confessore mi ha detto che tutto questo è un’illusione e non debbo dar retta ai Tuoi ordini, io perciò non farò nulla di quello che ora mi raccomanderai. Scusami, Signore, ma a me non è permesso nulla, debbo ubbidire al confessore. Gesù, Ti chiedo perdono nel modo più sentito, Tu sai quello che sto soffrendo per questo motivo, ma purtroppo, Gesù, il confessore mi ha proibito di eseguire i Tuoi ordini». Gesù ascoltò con amabilità e soddisfazione queste mie argomentazioni e lamentele. Io pensavo che ciò avrebbe offeso molto Gesù e invece, al contrario, Gesù era contento e mi disse amabilmente: «Riferisci sempre al confessore tutto ciò che Io ti raccomando e quello di cui parlo con te e fa’ soltanto quello per cui ottieni il permesso. Non ti turbare e non aver paura di nulla, Io sono con te». La mia anima fu ripiena di gioia e svanirono tutti i pensieri che la tormentavano, mentre entrarono nell’anima la certezza ed il coraggio. Un momento dopo però fui investita dai tormenti che Gesù soffri nell’Orto degli Ulivi. Questo durò fino al venerdì mattina. Il venerdì sperimentai la Passione di Gesù, ma già in un modo diverso. In quel giorno giunse da noi da Derdy il Padre Bukowski. Una forza misteriosa mi ingiunse di andare a confessarmi e di dire tutto quello che mi era capitato e quello che mi aveva detto Gesù. Il Padre era completamente cambiato e mi disse: “Non abbia paura di nulla, sorella, non le capiterà nulla di male, poiché Gesù non lo permetterà. Dato che lei è obbediente e in questa disposizione d’animo, la prego di non preoccuparsi di nulla. Iddio troverà il modo di realizzare quest’opera, abbia sempre questa semplicità e sincerità e dica tutto alla Madre Generale. Quello che le avevo detto è stato per metterla in guardia, sorella, poiché capitano illusioni anche in persone sante. A queste cose può talvolta mischiarsi qualche suggerimento del diavolo, e proveniente alle volte anche da noi stessi, perciò deve essere prudente. Lei, sorella, continui a comportarsi come ha fatto finora. Lei ha visto che Gesù non si è adirato per questo. Può ripetere queste poche cose, che sono successe ora, al suo confessore fisso”. Una cosa l’ho capita, che debbo pregare molto per ogni confessore, perché lo Spirito Santo lo illumini, poiché quando mi accosto al confessionale e prima non ho pregato fervorosamente, il confessore mi capisce poco. Questo Padre mi esortò a pregare con fervore secondo questa intenzione, perché Dio faccia conoscere e comprendere meglio le cose che vuole da me. « Sorella, faccia una novena dietro l’altra e Dio non rifiuterà la grazia ». Venerdì Santo. Alle tre vidi Gesù Crocifisso che mi guardava e disse: « Ho sete ». Ad un tratto vidi che dal Suo costato uscirono gli stessi due raggi che sono nell’immagine. Nello stesso momento sentii nell’anima un gran desiderio di salvare le anime e di annientarmi per i poveri peccatori. Assieme a Gesù agonizzante mi offrii all’Eterno Padre per la salvezza del mondo. Con Gesù, per Gesù e in Gesù sono unita a Te, o Eterno Padre. Il Venerdì Santo, Gesù soffri in modo diverso nell’anima, da come aveva sofferto il Giovedì. La S. Messa della Resurrezione.

12.04.1936

Quando entrai nella cappella, il mio spirito s’immerse in Dio, unico mio Tesoro. La Sua presenza mi inondò. O mio Gesù, o mio Maestro e Direttore spirituale, fortificami, illuminami in questi difficili momenti della mia vita; non attendo aiuto dagli uomini, ogni mia speranza è riposta in Te. Sento che sono sola di fronte alle Tue richieste, Signore. Nonostante i timori e l’avversione della natura, compio la Tua santa volontà e desidero compierla nella maniera più fedele per tutta la vita e nell’ora della morte. Gesù, con Te posso tutto, fa, di me quello che Ti piace, dammi soltanto il Tuo Cuore misericordioso e sarà sufficiente per me. O Gesù e Signore mio, aiutami, avvenga di me quello che hai stabilito prima dei secoli; sono pronta ad ogni cenno della Tua santa volontà. Illumina la mia mente, in modo che io possa conoscere qual è la Tua santa volontà. O Dio, che scruti nel profondo la mia anima, Tu lo sai che non desidero altro all’infuori della Tua gloria. O volontà divina, delizia del mio cuore, nutrimento della mia anima, luce del mio intelletto, forza onnipotente della mia volontà, poiché quando sono unita alla Tua volontà, Signore, la Tua potenza agisce in me e prende il posto della mia volontà. Ogni giorno cerco di compiere i desideri di Dio. O Dio incomprensibile, quanto è grande la Tua Misericordia! Oltrepassa ogni concezione umana ed angelica messe assieme. Tutti gli angeli e gli uomini sono usciti dalle viscere della Tua Misericordia. La Misericordia è il fiore dell’amore, Dio è amore, la Misericordia è la Sua azione, nell’amore ha il suo inizio, nella Misericordia la sua manifestazione. Ovunque io guardi, tutto mi parla della Sua Misericordia, anche la stessa giustizia di Dio mi parla della Sua infinita Misericordia, poiché la giustizia deriva dall’amore. Ad una parola faccio attenzione, e con quest’unica parola faccio sempre i conti e questa parola per me è tutto, di essa vivo e con essa muoio, essa è la santa volontà di Dio. Essa è il mio nutrimento quotidiano, tutta la mia anima è tesa ad ascoltare i desideri di Dio. Compio sempre quello che vuole Dio da me, sebbene qualche volta la mia natura frema e senta che la grandezza delle richieste supera le mie forze. So bene chi sono da me stessa, ma so anche quello che è la grazia di Dio che mi sostiene.

_______________________________________

(seguirà al IV Parte)

Site Map