Home
Un aiuto per...
News
Fede e cultura
Fede e morale
Sulle orme di..
Video
Contatti
Links
Dossier
Archivio
        





news           
 
 

                                                  


Notizie

… controcorrente
 






9.06.2021

Nuove dittature, nuove censure  [seconda parte]

Nella precedente News (del 1°.06.2021) abbiamo visto come nuove subdole dittature, irrazionali, che non ammettono confronto e censurano ogni dissenso, crescano con sempre maggior violenza ideologica in Occidente.

Nella prima parte abbiamo visto qualche esempio di ideologica “dittatura del relativismo” Lgbt.

Ecco ancora qualche ulteriore brevissima notizia in merito:


Leesburg (Virginia, USA). Un maestro di una scuola elementare qualche giorno fa (25.05.2021) è stato sospeso dall’insegnamento, a causa di una «condotta che avrebbe avuto un impatto negativo sulla scuola». Cos’ha compiuto di tanto grave? Ha semplicemente espresso la propria contrarietà, durante un Consiglio scolastico, alla proposta della scuola di rivolgersi ai bambini coi pronomi da loro indicati, anche se non corrispondenti al loro sesso biologico. L'insegnante ha detto che in coscienza non avrebbe potuto fare questo; ma particolarmente urtante è stata considerata la motivazione religiosa da lui portata per manifestare il proprio dissenso.
(leggi)

 

Castelfranco Emilia (MO). Il Comune ha deciso di abolire, sul proprio canale, il maschile/femminile, in favore di una desinenza neutra. Poiché però la desinenza neutra non esiste nella lingua italiana, s’è adottata la “schwa” (una e rovesciata).
 

Svezia. Già nel 2012 il partito politico svedese “di sinistra” aveva presentato una proposta di legge che avrebbe vietato agli uomini di urinare in piedi (per non discriminare le donne)!
 

Scozia. La Chiesa Presbiteriana scozzese, che già dal 2018 ha attuato “aperture” circa i matrimoni omosessuali, sta ora pensando di abolire i termini “marito e moglie” pure nelle celebrazioni di tutti i Matrimoni, ovviamente per non discriminare le unioni dello stesso sesso e transgender (leggi)

 


_______________




Ora parliamo un poco di un'altra subdola dittatura, a livello planetario ...



Dittatura sanitaria

Facciamo qui solo qualche accenno alla “dittatura sanitaria”, che esclude ogni possibilità di critica e di ragionato dissenso (persino scientifico), che si sta instaurando a livello planetario in riferimento e in occasione della cosiddetta “pandemia” da Covid-19 e al conseguente “pensiero unico”, da cui è impossibile dissentire, come pure del dovere sociale (è stato detto persino "morale"!) di farsi inoculare i cosiddetti “vaccini” che vi farebbero fronte.

Non possiamo né vogliamo qui entrare nel merito di tali questioni, ma solo raccogliere qualche dato per sottolineare i tratti appunto “dittatoriali” di tale evento planetario, sociale, culturale, economico e politico, che risulta particolarmente invasivo, proprio in quanto si presenta con i tratti della sanità pubblica e quindi col tentativo di condannare il dissenziente (chiamato subito dispregiativamente "negazionista", "no-vax", ecc.) come un pericolo pubblico, in quanto appunto nocivo per la salute pubblica.
 

Così, dopo aver preventivamente ridotto l’uomo a “una dimensione” (corporea) e aver fatto della “salute” fisica l’assoluto a cui tutto sacrificare - persino la vita! lo si vede già nella fase prenatale (con le continue ossessive analisi, fino al diritto/dovere all’aborto in caso di gravi anomalie), all’ospedalizzazione della maternità (pure con l’eccessivo ricorso al parto cesareo), nella fase pediatrica (con una invadenza vaccinale le cui conseguenze non sono del tutto chiare ma potrebbero essere anche gravissime), fino alla vecchiaia e ad ogni tipo di grave patologia (con l’eutanasia e il “suicidio assistito”, come diritto/dovere di porre fine ad una vita “non degna d’essere vissuta” perché non sana o cosiddetta ‘normale’ - la medicina (e la scienza in genere) diventa la nuova religione e i medici (o i cosiddetti esperti) i suoi nuovi sacerdoti; così è possibile far credere come “dogma” assoluto e indiscutibile ogni indicazione “tecnico-sanitaria” (non importa se pure senza vere basi scientifiche, senza verifiche sperimentali, censurando ogni dissenso e ogni possibilità d’alternativa medica e farmaceutica) e ogni conseguente scelta politica (non importa se pure palesemente irrazionali e persino contraddittorie). Alla fine, abbiamo visto, a questo “idolo” si può sacrificare ogni altro valore umano (persino religioso) e addirittura dei diritti fondamentali (anche costituzionali).
 

Mediante tale “dittatura sanitaria”, come individua qualche autorevole fonte, con tutta probabilità si vuole raccogliere la storica se non unica occasione per operare quel Great Reset mondiale (economico e sociale) che acceleri finalmente l’avvento del New World Order. Tale potere unico mondiale (con relativo “pensiero unico” globale, quello appunto del “relativismo”, che abolisce ogni verità, tranne quella ovviamente del proprio progetto) è stato auspicato e rincorso dalla Massoneria fin dall’inizio, già dal XVIII secolo, ma, dopo le grandi Rivoluzioni (che in fondo ad esso volevano già ultimamente condurre), ha trovato nel secondo dopoguerra l’appoggio dell’ONU e di altre agenzie internazionali (e certe unioni di Stati, come l’attuale UE), apparentemente rappresentative dei popoli ma in realtà astutamente e violentemente pilotate da ristrette e potenti oligarchie (fino a poco tempo fa sotto la regia e la spinta del potere economico, culturale e militare degli USA).
L’attuale globale frangente (emergenza?) sanitario, reale o presunto, naturale o artificiale, permette forse finalmente di attuare tale progetto, o comunque di porre in atto un decisivo balzo in avanti verso di esso.

Appunto una “dittatura” globale, persino accettata se non appoggiata dagli stessi popoli che sottomette o addirittura distrugge! Un potere mondiale che, se da un lato rappresenta l’epilogo di un lungo processo storico e ideologico, reso possibile anche dall’attuale tecnologia, dall’altro è talmente grande, astuto e persino in grado di ottenebrare le menti, da assumere davvero i toni di un “padrone del mondo(vedi il celebre e profetico libro di R. H. Benson), dello stesso Anticristo (vedi l’altro distopico profetico libro di V. S. Solov'ëv), per non dire letteralmente “apocalittico” (cioè proprio in riferimento all’ultimo libro ispirato e profetico della Bibbia - leggi ad es. il cap. 13). [Sulla valenza "teologica" di quanto sta avvenendo vedi anche il Documento qui redatto all'inizio della pandemia]



 

Non entriamo appunto qui nel merito delle questioni.
Raccogliamo solo qualche dato.


 

Pandemia

Già lo scorso anno, all’inizio della cosiddetta “pandemia”, avevamo fatto alcune sottolineature sulle “prove tecniche di dittatura globale” (cfr. Documento apposito), con il sospetto non remoto che essa potrebbe essere stata persino provocata o ingigantita o comunque utilizzata per questo scopo.
Abbiamo poi raccolto in merito qualche dato, qualche autorevole notizia “fuori dal coro” (v. News del 10.01.2021), qualche esempio di Coronavirus-follia (cfr. News del 27.10.2020) e soprattutto qualche dato sulla Cina, culla del Covid-19 e prototipo di come una dittatura politica sia in grado oggi di instaurare pure una dittatura elettronica, di totale controllo sociale (cfr. News del 2.03.2020, 28.11.2020, 16.08.2020, 13.04.2020 e spec. del 2.03.2020).

Ecco l’ultima rivelazione scientifica sulla nascita artificiale del virus nei laboratori di Wuhan (leggi)


 

Ossessione mediatica e terrorismo psicologico

Uno dei fattori decisivi e costitutivi di questa emergente “dittatura sanitaria” è dato dall’incredibile e ossessivo stillicidio mediatico, offerto a livello mondiale dal grande potere dell’informazione, con l’apporto di tutti i nuovi mezzi offerti dalla tecnologia, in modo da operare un vero “terrorismo” psicologico e sociale, tale da permettere poi qualsiasi autoritarismo politico ed ottenere qualsiasi restrizione alla vita personale e sociale, con l’ossequio irrazionale e l’obbedienza cieca e incondizionata dei popoli, anche a costo della distruzione sociale ed economica di intere nazioni, sotto il crescente e sempre più concentrato potere e interessi di sempre più ristrette ma potentissime oligarchie economiche.

La cadenza quotidiana, se non oraria, dei “bollettini di guerra”, col numero degli infettati (o semplicemente dei “positivi”, secondo “tamponi” la cui affidabilità è peraltro tutta da dimostrare) e dei morti (non importa se per virus, con virus e persino per qualsiasi altro motivo, compreso i decessi causati dall’abbandono terapeutico di chi soffre di altre reali e queste sì gravi patologie) ha permesso di ottenere l’assenso, persino grato, e la cieca obbedienza della quasi totalità della popolazione.
Inoltre, il pubblico diniego di chi osi anche solo porre razionali e motivati dubbi al dogma diffuso, nonché un uso disinvolto e sproporzionato di multe e pene e i gravi abusi nell’impiego delle forze dell’ordine per ottenere tale obbedienza (ricordiamo lo scorso anno, durante il lock-down, l’uso di elicotteri per inseguire chi, anche solo, osava correva su una spiaggia o agenti che irrompevano sacrilegamente nelle chiese, interrompendo persino la celebrazione della S. Messa, celebrazioni poi addirittura proibite per 3 mesi! con l’inaudita obbedienza cieca della Chiesa al Governo in ordine alla sua stessa vita interna e alle celebrazioni liturgiche!
– cfr. News del 10.04.2020), ha fatto sì che si instaurasse un clima dittatoriale, con bollettini notturni su ciò che si potesse o non potesse fare persino nella vita privata, con l’aggravante appunto di un consenso ossequiente del popolo stesso (dove il vicino poteva essere un potenziale “untore” o un pericoloso “delatore”), convinto che tutto ciò fosse appunto per il proprio bene!


 

Unilaterali e invasivi divieti statali
e limiti ai diritti costituzionali

Cosa fosse davvero questo Corona-virus, come fosse nato in Cina, come potesse divulgarsi (per vie respiratorie o anche per tatto?), quali danni poteva davvero arrecare alla salute o quale effettiva letalità potesse avere, sono state e sono questioni che non dovevano e non devono essere poste, oppure sulle cui risposte ufficiali, laddove vengano presentate, non si può sollevare dubbio o presentare quesiti o alternative proposte razionali, neppure a livello scientifico.
Tutto s’è concentrato sui severissimi divieti, con terrorizzanti linguaggi bellici (il “coprifuoco”!) o vocaboli sempre inglesi (che sanno tanto di moderno, scientifico e rassicurante anche quando sono incomprensibili dai più o irrazionali, anche se usati in modo ossessivo e diventati argomento di dialogo con chiunque); divieti tanto irrazionali quanto cause invece della distruzione psicologica, personale, sociale, economica, di gran parte della popolazione. Il tutto appunto per impedire qualsiasi dissenso; anzi per porre il dissenziente a priori in uno stato di pubblico diniego e accusa.

Non importa se di scientifico non ci sia nulla sull’efficacia delle gravissime restrizioni dettate dal lock-down, se sia sanitariamente utile per impedire contagi (leggi); non importa che non ci sia nulla di razionale, in natura, per dare “colori” alle Regioni, per delimitare i loro confini, come addirittura quelli tra Comuni (vedi ad esempio il caso Roma: ci si può muovere in un Comune di milioni di persone e ci si può spingere fino a Lido di Ostia, perché ancora Comune di Roma, ma non si può andare a Fiumicino, all’aeroporto o sul mare, perché si tratta di un altro comune), non importa che non ci sia nulla di razionale o scientifico su un “coprifuoco” notturno (con paradossali discussioni se dalle 22 o dalle 23 o dalle 24 alle 5) e si arrivi al grottesco e a contraddirsi anche a livello politico o di comitati tecnico-scientifici (leggi)
Così si sono posti divieti alla vita personale e sociale che in altre condizioni avrebbero sollevato accese proteste, rivolte se non rivoluzioni: divieto di allontanarsi da casa, di andare al lavoro, a scuola, di fare sport, di incontrare parenti ed amici, di andare in chiesa, di ricevere persone,...!

L’importante è la psicosi, l’effetto guerra, la sensazione di una dittatura necessaria e applaudita.

Sulle misure applicate per fronteggiare la pandemia da Covid-19, si veda il lungo autorevole studio, di rilievo internazionale, dell’Istituto Plinio Corrêa de Oliveira, che sottolinea come sia in atto “la maggiore operazione di ingegneria sociale e di trasbordo ideologico della storia”! [leggi 1] [leggi 2] [leggi 3]  [leggi 4] [leggi 5] (leggi 6]


La censura sui farmaci e le terapie domestiche

Invece di aver posto, fin dall’inizio, tutta l’attenzione della ricerca scientifica e degli stessi governi sul coronavirus Covid-19 (di cui ancor oggi si sa in fondo poco),  per diagnosticarlo con rapidità e soprattutto sulle terapie per curarlo, per affrontarlo già con il medico di base, a livello domestico, con possibili terapie (che esistono e sono state invece subito censurate), senza aspettare, se non in rari e gravi casi, di ospedalizzarlo o addirittura di intasare i reparti di “terapia intensiva” (peraltro già drammaticamente e preventivamente ridotti da anni di miopi “politiche sanitarie”, sempre ossequiose ai dettami europei, spesso catastrofici per il nostro Paese), facendo lievitare (purtroppo sembra cinico ma è reale) il numero dei morti, da comunicare con terrorismo psicologico quotidiano attraverso i media, anche con immagini apocalittiche (camion militari che trasportano bare, per decessi di ogni tipo senza possibilità di visite di parenti, autopsie e salme subito "cremate", peraltro scelta con rilevanti riflessi morali e religiosi, e senza funerali! ... oltre al fatto di enumerare come decessi causati dal virus tanti tipi di morte, molte delle quali causate proprio dall’abbandono terapeutico di tante altre gravi patologie, oltre che all’abbandono geriatrico)… No! tutta l’attenzione è stata posta invece sui divieti governativi per limitare (senza prove effettive e razionali) i contagi, nell’attesa poi dell’arrivo dei vaccini!

Aumenta ad esempio in Italia e nel mondo il numero dei medici e degli stessi studi scientifici che confermano i risultati anti-Covid dell'ivermectina. Un metodo farmaceutico semplice ed efficace - un antiparassitario che funziona come antivirale perché blocca lo sviluppo della proteina - studiato nel mondo ma paradossalmente ignoto e non applicato in Italia, proprio dove invece è stato scoperto (con brevetto del 2009). (leggi)

Ecco ad es. gli studi e l’esperienza del dott. Pasquale Mario Bacco, secondo cui il Sars-Cov2 è perfettamente curabile. (leggi

[Dott. Pasquale Mario Bacco, Medico Legale, tra i maggiori esperti di sorveglianza sanitaria, di prevenzione e protezione in ambito aziendale, dal 2012 ha la direzione scientifica della sezione medicina del lavoro presso l’Istituto Universitario Nicolaus; leader di un gruppo di medici che ha compiuto una ricerca su circa 14.000 persone in relazione al Coronavirus e che collabora con la Meleam Spa, una società statunitense, cone sedi anche in Italia, che si occupa di medicina e di sicurezza sul lavoro]

Il Sars-Cov2 è perfettamente curabile. Abbiamo la profilassi con l’idrossiclorochina. In caso di sintomatologia lieve, bisogna utilizzare antinfiammatori che in presenza di febbre vanno associati all’azitromicina, un antibiotico, ed all’eparina a basso peso molecolare. Chiaramente bisogna sempre confrontarsi con il medico di famiglia. Il problema, se così possiamo chiamarlo, di questi farmaci, è che costano poco. Penso di essermi spiegato.

Sui vaccini, invece: “per avere un vaccino efficace, si ha bisogno di conoscere bene la struttura del virus, anche per valutarne eventuali mutazioni … Altrimenti si tratta solo di vaccini che si basano sulla cross reattività, cioè la speranza che ci sia una somiglianza tra quello che si inietta e la struttura del virus … Il Covid-19 non è stato isolato (è stato solo effettuato il sequenziamento di parte dell’RNA).

Su tali frammenti di RNA o parte di alcune proteine si spera di produrre vaccini secondo una parziale somiglianza che provochi una parziale immunità. Tanto è vero che anche con il vaccino, bisognerà continuare a portare mascherina e distanziamento.

C’è poi il problema che questi vaccini sono pieni di metalli pesanti e cellule di varia natura, necessarie per stabilizzare il vaccino stesso. È ciò è già dannoso per la salute.

Sono stato ascoltato alla Camera ed al Senato, dove ho parlato chiaramente di strage di stato e di sequestri di stato. Se nessuno mi ha querelato, evidentemente le cose che dico hanno una base.

Mentre i dati dimostrano l'efficacia delle terapie domiciliari precoci, il governo punta esclusivamente sull'obbligo vaccinale, cominciando dagli operatori sanitari. E con l'ausilio di una stampa di regime (vedi il caso della violenta censura da parte di Bruno Vespa a "Porta a porta") che legittima l'autoritarismo. E' sempre più chiaro che questa politica sanitaria è responsabile di migliaia di decessi che si potevano evitare. (leggi)

Sulle cure domiciliari e il conseguente azzeramento della mortalità leggi

Solo pochi passi sono stati fatti in Parlamento in questa direzione (leggi)

Sulla recentissima (6.06.2021) grande manifestazione in piazza duomo a Milano, censurata dalla grande stampa e TV, sulle terapie domiciliari:
leggi e leggi





I simboli dell’obbedienza

Senza dubbio la fatidica “mascherina”, al di là della sua efficacia di protezione (tutta da dimostrare, anzi sostanzialmente indimostrabile e razionalmente contestabile) e del danno fisico e psicologico che può provocare, specie nei minori (respirare per ore, a scuola o al lavoro, la propria CO2 ... dov’è andata a finire tutta la fobia sulla CO2?), è stata innalzata a simbolo stesso della “dittatura sanitaria” mondiale, un distintivo e un segno inequivocabile dell’adesione e di obbedienza al regime! Con corollari tanto ridicoli quanto irrazionali: si deve portare anche all’aperto (invece di respirare ad esempio l’aria del mare o di un bosco), si può togliere quando si corre (cioè proprio quando chi lo fa sbuffa e spruzza goccioline ogni dove), si deve avere quando si entra dal barbiere (ma ovviamente si deve togliere quando si fa la barba), si deve avere quando si entra al ristorante (ma ovviamente si deve togliere per mangiare).
La mascherina: il simbolo dell’obbedienza alla dittatura sanitaria, portato con ostentazione anche dalle più alte autorità (pure in incontri ufficiali privati, dove il pericolo di contagio è praticamente nullo in quanto persone super controllate e protette), ma per dare l’esempio al popolo (chissà se portata anche quando non ci sono le riprese per i media?). Così pure il Presidente della Repubblica (anche se in qualche circostanza è sfuggita un’eccezione); e persino i suoi due Corazzieri, anche all’aperto, all’Altare della Patria!

Specie nei primi mesi, quando peraltro come tuttora non si sapeva nulla sulla trasmissibilità del virus attraverso il tatto, c’era l’assoluto divieto di darsi la mano (sostituito col grottesco tocco dei gomiti!), persino lo scambio di pace alla Messa; e al giuramento del nuovo Governo si ostentava il cambiamento e l’igienizzazione della penna ad ogni ministro che doveva giurare e firmare. All’inizio pareva che ci dovesse essere pure l’obbligo dei guanti! Anche qui con tutte le contraddizioni del caso: non si può passare un foglio per firmare (neppure le presenze ad un incontro o una lezione) e in certi ristoranti neppure il Menù, non si può toccare nulla, neppure alle casse, però poi si toccano i soldi e si premono i tasti (che tutti toccano) per digitare il PIN, per l’ascensore, un campanello, ecc.

L’anno scorso, in Italia, pareva divenisse d’obbligo l’uso della App Immuni, per identificare il nostro stato di salute e i nostri contatti: un vero guinzaglio elettronico e prove tecniche di controllo di massa! Meno male che è caduto presto nel silenzio e nel dimenticatoio … a meno che non torni col "Green-Pass"!

Ma sui controlli elettronici di massa e su questi strumenti dittatoriali torneremo in seguito …




 

Vaccini

Finalmente, con il S. Natale 2020 non è arrivato N. S. Gesù Cristo, ma il nuovo “Messia”: il Vaccino! Con questi toni è stato atteso, invocato, sperato, annunciato, accolto!
Non importa se non si sa neppure ancora cosa sia esattamente il virus Covid-19, come sia nato, come muti, come possa essere curato, come possa trasmettersi.
L’ossessione mediatica ha fatto sì che il popolo ormai aspiri ad adorare il nuovo idolo, a non desiderare altro che averlo in vena, per essere finalmente liberati dalla grande paura! (leggi)

Non importa se in sé non siano neppure vaccini ma semmai “terapie geniche”, non importa che il virus muti continuamente (e forse è stato proprio programmato così) e quindi ogni vaccino possa così essere vanificato in partenza; non importa che sull’uomo dovrebbe richiedere una sperimentazione scientifica di anni (almeno 5) per testarne l’efficacia ed impedire spiacevoli se non gravi effetti collaterali (anche a lungo termine); non importa se la loro produzione richieda linee cellulari ricavate da esseri umani vivi (feti abortiti) e quindi potrebbe provocare un danno morale gravissimo (persino da incorrere in scomunica “latae sententiae”, cioè immediata, essendo cooperazione, sia pur remota e passiva, all’aborto); non importa se già nelle prime somministrazioni si siano rilevate percentuali non insignificanti di disturbi fisici, anche gravi, e persino un numero non irrilevante di morti; non importa se esso potrebbe compromettere in futuro le facoltà riproduttive (inducendo infertilità).
Non importa; anzi, non bisogna dirlo e neppure porsi tali domande!

L’importante è che sia il Messia annunciato, per essere liberati; liberati da un male, "dal Male", peraltro più immaginato che reale o comunque con possibilità assai remote di esserne colpiti e raramente letale.

L’importante – per essere più cinici ma purtroppo più realistici – è lo stratosferico giro di interessi commerciali ed economici, che riguarda le potentissime case farmaceutiche produttrici (dove la solita ristretta oligarchia mondiale investe ingenti capitali).

Alla fine, però, l’importante è che l’uomo, l’umanità intera, possa essere così ancor più controllata, sottomessa e guidata dal potere (umano o preternaturale?) di una ristretta oligarchia (lo si vede anche nel continuo raggruppamento mondiale delle già potenti singole società o mastodontici gruppi di società), sempre più in grado ormai di essere “padrona” dell’uomo e del pianeta (fin quando le sarà concesso!) e in grado oggi di possedere le menti … e vorrebbe anche lo “spirito”!

 

Questioni di fondo

A sollevare perplessità sui vaccini e sulla loro efficacia non sono solo i disprezzati “negazionisti”, i famigerati “no-vax” e tutti coloro che osano porre domande e dubbi in merito, e per questo guardati con commiserazione e persino sospetto. È nientemeno che l’autorevolissima rivista scientifica The Lancet ! (vedi l’articolo, tradotto dall’inglese)

La pandemia e il vaccino anti-Covid19 appaiono sempre più una globale frode. I vaccini non vaccinano perché non rendono immuni. Al di là del bombardamento mediatico globale, la voce ufficiale dell’autorità sanitaria mondiale e degli istituti americani più competenti è che il vaccino contro il Covid-19 non immunizza, che i vaccinati possono continuare a infettare e che si sta sperimentando in modo irresponsabile l’applicazione dei vaccini, perché non se ne conoscono la portata e gli effetti. (leggi)

Il vaccino potrebbe persino rafforzare il virus, renderlo più letale e paradossalmente vaccino-resistente (leggi)


 

La produzione

Sulla preparazione farmaceutica dei vaccini, non entriamo qui (vi abbiamo sopra già brevemente accennato) nella grave questione morale che si solleva, circa l’uso di linee cellulari umane vive, cioè di feti abortiti. (leggi in merito uno degli ultimi articoli)

Ci sono poi Paesi islamici che sollevano perfino la questione, certo di importanza oggettivamente assai inferiore, sull’uso di gelatine provenienti da carne suina, loro vietata. (cfr. News 10.01.2021)



La sperimentazione

Sull’essere umano un vaccino dovrebbe essere sperimentato almeno 5 anni, anche per poter testare le possibili conseguenze, anche gravi, da esso prodotto, e i suoi effetti collaterali, anche remoti.

Filippo Anelli, presidente della Federazione degli ordini dei medici (Fnomceo): “A tutti i vaccini anti-covid è mancata, prima della immissione in commercio, la IV fase, che sarebbe dovuta durare dai 2 ai 5 anni minimo, necessaria per verificare gli effetti collaterali a lunga scadenza. In alcuni casi ci sono dubbi persino sulle procedure utilizzate nella produzione/ sperimentazione delle case farmaceutiche produttrici di vaccini (cfr. studio in tal senso su Pfizer e Moderna di Peter Doshi pubblicato sul The British Medical Journal Opinion). Un ulteriore motivo per cui nessuno può essere obbligato a vaccinarsi. [NBQ, 14.01.2021]

Molti esperti riconoscono che almeno fino al dicembre 2023 non si possa sapere se i vaccini funzionino e se siano sicuri! (leggi)

Di fatto, quindi, i vaccini sono in sperimentazione sul popolo stesso. Le persone vaccinate fungono quindi da “cavie”.

Così la genetista Alexandra Henrion-Caude (Direttrice dell’Unità di ricerca genetica ed epigenetica dell’Istituto francese di ricerca sanitaria e medica) sui vaccini RNA (come Pfizer): decine di milioni di persone usate come cavie (i primi risultati si avranno nel dicembre 2023). Follia pura vaccinare i sani! (leggi)




Variazioni del virus e vanificazione dei vaccini?

Inutile far osservare che il ceppo originario del Covid-19 è già mutato innumerevoli volte, così come continueranno le sue future variazioni e modificazioni. Pare che la Cina, dopo aver prodotto il veleno, abbia subito provveduto a farsi il proprio antidoto (v. News 27.10.2020).

Non è certo casuale, in questo senso, che molti cinesi facoltosi (che se lo sono cioè potuto permettere) della zona di Prato (la più grande China-town d’Europa) già l’anno scorso si siano infatti precipitati a tornare in Cina per vaccinarsi, per poi tornare sicuri in Italia.

Ora già queste continue variazioni e variabili del virus dovrebbero far capire che di vaccini davvero efficaci si dovrebbe parlare con prudenza. Ovviamente però è proibito ogni sospetto. Anche se c’è chi non nasconde che dovremmo convivere con la necessità di sempre nuovi vaccini (v. poi).


 

Il vaccino immunizza?

Nonostante si presenti il vaccino come un obbligo sociale, persino come “dovere morale”, e si prospetti che solo chi l’ha ricevuto potrà godere di una certa libertà di movimento, di viaggiare, di muoversi per lavoro o per turismo, per le vacanze (e persino la possibilità di altre attività; oggi si dice ad esempio della necessità per un giovane di essere vaccinato se vuole andare in discoteca, che per l’attuale generazione di ragazzi e giovani è diventata quasi una necessità vitale!).
Però di fatto anche il vaccinato è obbligato attualmente ad osservare ad esempio il distanziamento sociale e a portare la fatidica “mascherina” (può dunque contagiare ed essere contagiato?).

Ma guardiamo qualche dato statistico, laddove il vaccino è stato somministrato da più tempo e in modo più massiccio.

Israele. È il Paese che ha vaccinato in percentuale più persone al mondo (a gennaio già 2,2 milioni di persone, oltre il 25% della popolazione); ma il 17% dei ricoverati in gravi condizioni per Covid-19 in terapia intensiva aveva ricevuto la prima dose del vaccino (Pfizer o Moderna); 4.500 (di cui 375 molto gravi) si sono infettati dopo la prima dose.

Norvegia. È in dubbio la vaccinazione delle persone più fragili e anziane della società. Infatti su 35.000 persone vaccinate, 23 molto anziane sono morte poco dopo aver ricevuto il vaccino a causa di effetti collaterali comuni (questi dati sugli anziani o persone già fragili di salute sono stati trasmessi a Pfizer, che li ha giudicati in linea con quanto scoperto dai propri studi). (leggi) 

Anche da noi sono già in aumento, tra i vaccinati, i “positivi” (al tampone) e gli infetti da Coronavirus.

Succede anche a molti operatori sanitari. L’allarme viene dall’Associazione Nursing Up. Il caso Taormina, con un focolaio in Cardiologia, è solo una delle tante segnalazioni giunte. Colpa di qualche infermiere “No-Vax”? No, perché medici e infermieri sono tutti regolarmente vaccinati con due dosi. Inutile quindi cercare capri espiatori. Anche il presidente dell'Associazione ammette la «non totale efficacia dei vaccini». (leggi)


Quanto dura comunque l’effetto del vaccino?
Nessuno sa quanto duri la copertura dei vaccini anti-Covid, anche se con tutta probabilità non dovrebbe superare i 9 mesi. Il che vuol dire che è illusorio pensare che con il vaccino si risolva il problema. Ma allora, se la pandemia non finirà spontaneamente (visto che non si conosce davvero il virus* e non lo si combatte!) si dovrà andare verso una vaccinazione perenne? (leggi)

* Ripetiamo il giudizio in merito del dott. Bacco (sopra riportato): "Sui vaccini, invece: “per avere un vaccino efficace, si ha bisogno di conoscere bene la struttura del virus, anche per valutarne eventuali mutazioni … Altrimenti si tratta solo di vaccini che si basano sulla cross reattività, cioè la speranza che ci sia una somiglianza tra quello che si inietta e la struttura del virus …
Il Covid-19 non è stato isolato (è stato solo effettuato il sequenziamento di parte dell’RNA). 
Su tali frammenti di RNA o parte di alcune proteine si spera di produrre vaccini secondo una parziale somiglianza che provochi una parziale immunità. Tanto è vero che anche con il vaccino, si deve continuare a portare mascherina e osservare il distanziamento sociale.

Infatti, al di là delle prospettive, già incredibili, di una vaccinazione di massa ogni 5 anni, o annuale, o meglio ancora addirittura ogni 6-9 mesi, c’è chi prevede una vaccinazione “a vita”!
Si va allora verso una "vaccinocrazia"? Al di là della folle prospettiva di una perpetua vaccinazione di massa, lo Stato potrebbe sostenere una tale spesa? (visto che la vaccinazione è gratuita, anche se assai costosa per lo Stato. Tra l'altro: dove si sono trovati miracolosamente tutti questi soldi? Perché non si erano spesi ad esempio per le strutture sanitarie, invece continuamente oggetto di tagli, e per la ricerca sul virus e sui farmaci?).

Gli oncologi tedeschi (ma di origine turca) che sono gli inventori del vaccino ad Rna della Pfizer-BioNtech, in una lunga intervista, prevedono la necessità di una vaccinazione di massa ciclica. (leggi)

Vaccineremo a lungo, vaccineremo tutti. Saremo costretti a vaccinarci per anni contro il coronavirus”! È quanto ha dichiarato il Presidente del Consiglio M. Draghi. Si tratta dell’annuncio di un regime “ vaccinocratico” e del conseguente continuo ricatto sul popolo? (leggi


Pericoli per la fertilità?

Le voci all'interno della comunità scientifica sugli eventuali rischi alla fertilità dopo il vaccino anti-Covid sono sempre state silenziate dalla propaganda. Ma un nuovo studio scientifico solleva sospetti e dubbi che andrebbero invece fugati e chiariti.

I vaccini a mRNA possono interferire sul DNA umano mediante il meccanismo del silenziamento genico mediato dall’RNA di interferenza. La proteina “spike” è simile alle “sincitine”, che vengono prodotte per lo sviluppo della placenta. (leggi


 

Morti da vaccino?

Come s'è già sopra accennato, c’è stata e c’è la tendenza di includere tra i morti da Coronavirus molti decessi che invece non sono causati dal virus. 

Sul numero quotidiano e totale dei morti per Coronavirus, le perplessità sono sempre molte. Vedi quanto riportavamo nelle Flash – News del 16.04.2021 (Notizia: Italia in estinzione) (cfr. pure questo articolo: "Sui morti i conti non tornano: qualcuno evidentemente sta barando", leggi)

C’è invece l’opposta tendenza a considerare i decessi probabilmente causati dal vaccino (e non sono pochi!) come causati senz’altro da altr0.

Raccogliamo però da alcuni giornali, ad esempio, questi dati, riferiti specialmente agli anziani ospiti delle Case di riposo e RSA:

Wochenblick:

Germania. Nel Baden-Württemberg, c’è stata una vera e propria morte di massa a causa della vaccinazione Covid (a inizio gennaio 40 residenti di una casa di riposo hanno ricevuto la prima dose del vaccino Pfizer/Biontech: 11 sono morti, altri 7 si sono ammalati acutamente di Covid). C’è stata ovviamente la corsa a negare il rapporto causa-effetto, ma la maggior parte di questi deceduti, al di là dell’età, non accusava invece gravi patologie.

Sempre in Germania (zona di Coblenza), in una casa di cura 54 anziani e 11 membri del personale si sono ammalati di Covid-19 dopo aver ricevuto la vaccinazione Pfizer/Biontech.

la Repubblica:

Casalecchio (BO). Dei 46 ospiti della casa di riposo “Senior Hotel Arcadia", 30 sono stati contagiati subito dopo essere stati vaccinati (come pure 7 operatori del personale); mentre prima non c’era stato alcun caso. Tra l’altro, “secondo le indicazioni dell’Aifa, se c’è un’infezione successiva alla prima dose la persona infetta non deve essere vaccinata di nuovo (perché l’infezione naturale è già considerata alla stregua di una seconda dose)”.

ll Resto del Carlino:

Anche in una casa di riposo di Montecosaro (MC), dove prima non c'era stato alcun caso, dopo la prima vaccinazione c’è stato lo sviluppo di un focolaio di Covid-19; peraltro già dal 2020 la struttura aveva adottato misure rigide, era interdetta al pubblico, con controlli costanti a dipendenti e ospiti.

SecondopianoNews:

In una residenza sanitaria di Rebbio (CO), ci sono stati 21 morti, 85 contagiati e decine di positivi (tra anziani e personale), nonostante che il 90% degli operatori sanitari e la quasi totalità degli ospiti avesse ricevuto la prima dose del vaccino (Pfizer). E tutto ciò nonostante che nella casa “abbiano interdetto gli ingressi dall’esterno e persino gli abbracci”. (leggi)

Ecco un altro dato statistico sui decessi degli ultraottantenni dopo il vaccino (leggi).

Insomma, c’è evidentemente la tendenza di includere molti decessi per altre cause nell’elenco dei morti per Coronavirus; e, all’opposto, di escludere la causa dal vaccino tra i decessi avvenuti subito dopo aver ricevuto la vaccinazione. Lecito almeno un sospetto?


 

Le Case farmaceutiche

Inutile parlare, per questa planetaria operazione, dei colossali interessi delle Big Pharma (v. i vaccini prodotti da Pfizer/BioNTech, Moderna, AstraZeneca, Johnson&Johnson), essendo peraltro tale vaccinazione di massa a spese dello Stato, e di chi possiede percentuali cospicue del loro pacchetto di azioni (sempre la solita oligarchia dei più ricchi del mondo - cfr. notizia "I padroni del mondo" nelle Flash-News del 23.04.2021 - che anche in questo frangente di crisi mondiale ha visto schizzare i propri guadagni) e che di conseguenza può esercitare un condizionamento enorme sui governi e sulle stesse decisioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (altro che conflitti di interesse!). 
Difficile sapere quanto la stessa ricerca scientifica sia condizionata da tali poteri economici.

[Si veda ad esempio il motivo delle scelte e abbandoni dell'istituto Pasteur e Merck, i dubbi di efficacia sull'antidoto di AstraZeneca, i ritardi di Sanofi, le inadempienze della Pfizer - leggi]

Non ci è dato di sapere sulle reali motivazioni secondo cui gli Stati (anche l’Italia) compiano la scelta del vaccino e delle relative case farmaceutiche, perché se ne promuovano alcune e se ne escludano altre (quali chanches ad esempio, da noi, per il vaccino russo? per quello cinese? e persino per la produzione di  un vaccino italiano?).

Sul condizionamento ricevuto da questi colossi farmaceutici (con interessi che passano attraverso la Banca Mondiale e Gavi-Alliance, la stessa OMS, ma risalgono ad esempio a Bill Gates), cfr. ad esempio l’intervista a Pier Francesco Belli, esperto di governance sanitaria (leggi
Sulla “vaccinocrazia” e le politiche sanitarie decise da Bill Gates (leggi) 

Impressionante poi che tali case farmaceutiche abbiano ottenuto, nonostante gli enormi pericoli in corso a livello planetario, una sorta di totale “immunità penale”, in caso di conseguenze avverse persino gravi della vaccinazione e addirittura letali effetti collaterali dei vaccini!
I danni (anche economici) li paghiamo comunque noi (leggi)
Anche i medici, compresi quelli di base, hanno ottenuto e godono di tale protezione legale.

Ciò che invece potrebbe incrinare lo strapotere di tali Big Pharma è la loro concorrenza, la colossale guerra commerciale in atto per accaparrarsi tale mercato (forse mai visto prima in queste proporzioni).
Infatti la dogmaticità dell’efficacia dei vaccini ha ricevuto un duro colpo già dalla temporanea sospensione e ritiro di quello di  Astrazeneca (leggi). 
Così come lo stop ricevuto dalla Johnson&Johnson (che peraltro usa sicuramente linee cellulari di feti abortiti) da parte nientemeno che dalla “Food and Drug Administration” (l’ente USA per i farmaci), a motivo delle reazioni gravi, legate a coaguli di sangue, manifestatesi in non pochi casi entro due settimane dalla somministrazione. (leggi)

Anche dall’Università del Queensland arriva un monito rispetto alla strategia vaccinocentrica. 
Invece in Europa, l’EMA, dopo il primo blocco di AstraZeneca, è stata più incerta sul nesso causale tra vaccinazione e decessi successivi ad essa.
Il fatto è che per i vaccini anti-Covid in commercio sono stati “bruciati” i tempi. Serviva una migliore farmacovigilanza.

Ciò accade appunto quando non solo l’emergenza sanitaria, ma la visione dogmatica di tale questione, la fretta (e mancata sperimentazione) dovuta non solo all’emergenza ma alla concorrenza (per accaparrarsi le immense fette di mercato mondiale) fa esplodere il tutto, con interventi selvaggi e toni appunto dittatoriali.

Inoltre ciò succede a motivo pure dell’ideologico e falso “scientismo”, cioè quando ci si dimentica che non è tutto scientifico quel che viene fatto passare per scienza (specie laddove ci sono ingenti interessi economici e strategie politiche planetarie!); e che comunque la scienza moderna è induttiva, dev'essere cioè sperimentale, e persino proprio per questo non ha quel grado di certezza che spesso viene ostentato e che viene fatto credere all’opinione pubblica (vedi l'introduzione del Dossier “Miracoli”).



 

Obbligo vaccinale?

Dovrebbe infastidirci anche solo l’espressione “immunità di gregge” (espressione quanto mai eloquente)! Ma la dittatura sanitaria, la paura indotta, la vaccino-crazia imperante, la visione messianica della medicina (anche quando è fallimentare e persino economicamente condizionata e politicamente pilotata), fa sì che anche un’espressione così stupida e offensiva (gregge: pecoroni!) venga accolta con gioia e persino desiderata.

Oltre tutti i dubbi sulla reale portata della pandemia, sul Covid-19 stesso e sull’efficacia e non-pericolosità dei vaccini, l’obbligo della vaccinazione (ufficialmente non affermato ma di fatto preteso per alcune categorie di persone, per alcune attività, per i viaggi, ecc. - vedremo poi in seguito) solleva pure obiezioni di tipo giuridico, costituzionale (leggi), oltre che scientifico e sulla stessa sua fattibilità (leggi).

Anche dal punto di vista scientifico si sollevano seri dubbi: ad esempio, 57 scienziati chiedono di fermare la vaccinazione di massa (leggi)

Persino il British Medical Journal demolisce l’obbligo vaccinale e ritiene insensata questa misura (leggi).





 

Una nuova religione mondiale?

Ecco alcune linee e indicazioni sulla “dittatura sanitaria” (già in atto ma che conoscerà sviluppi di portata apocalittica).

Con l’aggravante che, a differenza di tutte le dittature precedenti, se si dissente non si è più “eroe” o addirittura martire della resistenza, ma un “untore” che danneggia la società e il bene del prossimo, e come tale da eliminare dalla società stessa e indicato a pubblico ludibrio se non odio.

Il tutto assomiglia però molto ad una nuova “religione”, globale, potente, invasiva, di valenza anticristica, di impronta satanica, di ingannevole parvenza umanitaria; con il suo battesimo (il vaccino), la sua fede (questa sì cieca) e i suoi “credo” (nel virus, nella pandemia, nel vaccino, in tutto ciò che dice la TV, il governo, il DPCM notturno ad effetto immediato) e i suoi “rinuncio”(ad uscire di casa, ad andare al lavoro, a scuola, al cinema, allo stadio, a fare sport, rinuncia a viaggiare, alla vacanza, ad andare a trovare i propri cari, gli amici, persino agli abbracci), i suoi comandamenti (il distanziamento sociale, la mascherina, i gel, non puoi fare questo e quello, devi fare questo e quello ... dentro il Comune o dentro la Regione, secondo il colore deciso dal governo, nelle date decise dal governo), i suoi simboli (la mascherina), i suoi dogmi (questi sì irrazionali e indiscutibili, come quelli sopra descritti), la sua inquisizione (ma, a differenza di quella medievale [vedi], quella di oggi è senza garanzie per gli inquisiti e senza possibilità di dibattito sui contenuti), le sue censure (sulle terapie e sui farmaci, sul giudizio persino di alcuni scienziati che parlano fuori dal coro), le sue condanne (l’esclusione sociale, le multe, persino il carcere) e i suoi premi (puoi lavorare, andare in vacanza o divertirti se…), persino la sua 'clausura' forzata (il lock-down)!



 

(continua)


 

____________________________







Tutte le News del 2021 (per leggerle: vedi): 

 

1°/../.06.2021: Nuove dittature, nuove censure

21.05.2021: Il turismo in Italia … e la grande battaglia

16.05.2021: Il sacrificio di altri giovanissimi … santi

10.05.2021: Immigrazione clandestina  (aggiornamenti)

2.05.2021: Chiese cattoliche… in svendita

23.04.2021: Notizie varie

Filippo d’Edimburgo: requiem! - Il ritorno di Frankenstein: verso l’uomo-scimmia? - Dal matrimonio con chiunque a quello con … il figlio! - Biden pro aborto - I padroni del mondo

16.04.2021: Notizie varie

Gagarin era cristiano - Profughi cristiani respinti dall'Europa! - La resistenza polacca - Il Partito Comunista Italiano - Eutanasia - Italia in estinzione - Bergamo (intolleranza anticattolica) - Sanremo (Festival della Canzone Italiana o dell’Anticristo?)

9.04.2021: Stato e religione

2.04.2021: Eroi cristiani (uccisi) tra …
       
                                Carabinieri, Polizia, Magistratura

27.03.2021: Chiese … sanificate e desertificate

23.03.2021: Myanmar: il coraggio eroico di una giovane suora

16.03.2021: Il sacrificio di giovanissimi santi contemporanei

10.03.2021: I cristiani in Iraq

2.03.2021: La Madonna su … Marte

23.02.2021: Negazionismi

13.02.2021: Dal matrimonio con “chiunque” a quello con …

5.02.2021: Nuove follie gender & Lgbt+

29.01.2021: Pensieri su … Davos

25.01.2021: Sempre meno bambini “Down”: guariti? no, uccisi!

22.01.2021: Un grande calciatore: “voglio diventare santo”!

20.01.2021: Persecuzione anticristiana (aggiornamenti)

17.01.2021: Ragazzini … tossici!

15.01.2021: Social censure

13.01.2021: 
Lockdown ...
                             e crescita di depressioni, dipendenze e suicidi

10.01.2021: Covid-19: qualche notizia … diversa

8.01.2021: Attacchi anticristiani
                             in Paesi
extra-europei 
(aggiornamenti)

2.01.2021: Aggiornamenti sulla cristianofobia europea


 

__________________________________



 

Per leggere le News degli anni precedenti: vedi

 
 









 

Site Map